Empatia e fenomeno empatico

Home / Articoli / Empatia e fenomeno empatico

Empatia e fenomeno empatico

La nostra società considera l’empatia un tratto essenziale. Avere considerazione e qualcosa di più della simpatia per i problemi degli altri ci aiuta a sentirci in contatto con gli altri esseri umani. Per alcuni di noi, però, la considerazione dei sentimenti altrui non si limita a scuotere la testa; alcuni individui sentono la gioia o il dolore che gli altri stanno vivendo. Queste persone sono empatiche. Questo fenomeno psicologico è difficile da definire con dati scientifici, quindi i punti di vista variano molto. Poiché l’empatia è un’area di ricerca emergente, le prove oggettive sono scarse. Svelate l’enigma dell’empatia con questi approfondimenti degli esperti.

Gli empatici esistono?

Il concetto e la definizione di empatico hanno suscitato un immenso interesse e dibattito tra neuroscienziati, psicologi ed esperti di Internet. L’American Empath Association definisce gli empatici come persone in grado di percepire i pensieri e i sentimenti di altre persone, luoghi, animali o oggetti. Gli empatici non solo percepiscono questi stati emotivi e sensazioni fisiche, ma li assorbono anche. L’AEA afferma che questa capacità innata “sfida la scienza e la psicologia convenzionali”

Empatia e fenomeno empatico 1

Una prospettiva metafisica

La metafisica è lo studio del mondo attraverso la lente di concetti astratti e spirituali che non possono essere spiegati scientificamente. Le opinioni sui concetti metafisici variano molto perché non hanno dati empirici che possano essere osservati o misurati. Da questo punto di vista, tuttavia, molti ritengono che gli empatici rilevino e assorbano energia anche da altre persone, animali, piante e oggetti inanimati. Gli empatici comprendono che l’energia viene scambiata in ogni interazione con gli altri e sentono profondamente questa energia – o “vibrazione”.

Empatia e fenomeno empatico 3

Avere empatia vs. essere empatici

L’empatia è un’abilità sociale complessa ma importante. Consiste nell’essere in sintonia con i sentimenti e le circostanze degli altri. Quando il nostro cuore va verso chi ha bisogno o ci mettiamo nei panni di qualcun altro, proviamo un’empatia che ci spinge a parlare o ad agire con benevolenza. L’empatia ci fa sentire profondamente per gli altri, ma gli empatici vivono letteralmente le emozioni degli altri come fossero le proprie. Queste persone assorbono anche i sentimenti e l’energia non espressi che emanano dagli altri. In questo modo, hanno un carico mentale maggiore rispetto a una persona empatica normale. È abbastanza comune per gli empatici sperimentare sintomi fisici come mal di testa e di stomaco a causa dell’esposizione a così tante emozioni.

Empatia e fenomeno empatico 5

Cosa succede nel cervello?

Secondo una meta-analisi pubblicata su Brain, prove sostanziali di neuroimaging dimostrano che alcune regioni del cervello si attivano quando osserviamo il dolore e la sofferenza. L’azione congiunta di queste regioni facilita una cognizione integrata delle funzioni sensoriali, cognitive e affettive coinvolte nel dolore empatico. I risultati di questa ricerca suggeriscono che l’empatia è composta da sentimenti emotivi e stimolata da input alla corteccia insulare anteriore.

Empatia e fenomeno empatico 7

Neuroni specchio

Alcuni neuroscienziati sostengono che i neuroni della corteccia insulare anteriore sono quelli che ci permettono di condividere le gioie, le paure e i disagi degli altri. Gli empatici potrebbero possedere “neuroni specchio” ipersensibili, in modo da sperimentare i sentimenti degli altri a un livello più profondo. Sebbene la ricerca confermi queste attivazioni neurali, il ruolo che svolgono nell’empatia non è chiaro. Un articolo pubblicato su Neuroscience Research sottolinea che gli scienziati non sono d’accordo sul fatto che le risposte dei neuroni specchio riflettano o causino le attivazioni. Inoltre, la maggior parte degli studi ha esplorato l’empatia solo per il dolore; i pochi studi che hanno analizzato emozioni diverse hanno dato risultati contrastanti.

Empatia e fenomeno empatico 9

Tipi di empatia

Gli empatici emotivi sono il tipo di empatico più conosciuto. Questi individui sperimentano le emozioni degli altri più profondamente rispetto alle persone altamente sensibili o ad altri tipi di empatia. Tuttavia, l’AEA riconosce diversi altri tipi di empatia che talvolta si sovrappongono. Sebbene molte prove aneddotiche confermino queste capacità straordinarie, la ricerca non ha ancora confermato molte delle affermazioni. Gli empatici medici o fisici hanno una consapevolezza intuitiva dei dolori e delle malattie di un’altra persona e possono percepire i suoi bisogni di guarigione. Gli empatici degli animali o della fauna possono percepire i sentimenti e i bisogni di un animale e influenzarne il comportamento. Gli empatici della natura o delle piante si sentono fortemente legati alla natura, al pianeta e ai bisogni di piante e alberi. Gli Empatici Chiarocognitivi guardano al di là degli indizi corporei e verbali e scorgono le vere intenzioni di un’altra persona, mentre gli Empatici Psicometrici rilevano l’energia nei vestiti, nei gioielli, nei quadri e in altri oggetti inanimati.

Empatia e fenomeno empatico 11

Empatici e depressione

Gli empatici sono particolarmente vulnerabili alla depressione perché sono costantemente svuotati da sovraccarichi sensoriali come la folla, l’eccessivo parlare, i rumori e gli odori. Spesso percepiscono il dolore e la paura degli altri. Gli empatici sentono di essere ipersensibili, quindi concludono che c’è qualcosa che non va in loro. Il loro desiderio irrefrenabile di compiacere gli altri rende difficile stabilire dei limiti e i manipolatori tendono a spingere gli empatici oltre ciò che è confortevole. Per far fronte alla raffica di esperienze sensoriali ed emotive, alcuni empatici cercano conforto nell’eccesso di cibo, alcol, droghe e altre abitudini dannose.

Empatia e fenomeno empatico 13

Come gli empatici possono gestire le emozioni

La dottoressa Judith Orloff, empatica, psicologa e autrice, insegna agli empatici a determinare se ciò che provano deriva dalle proprie emozioni o da quelle di qualcun altro. Insegna che devono stabilire dei limiti per preservare il loro benessere e ritirarsi nella natura e nella meditazione per calmarsi e radicarsi. Soprattutto, li incoraggia ad accogliere il dono di un’empatia accresciuta e a usarlo per coltivare l’intimità emotiva e aumentare la comprensione degli altri e del mondo.

Empatia e fenomeno empatico 15

Mettiti alla prova: Sei un empatico?

La dottoressa Orloff consiglia di valutare le proprie tendenze empatiche con questo breve test. Afferma che riconoscere di essere empatici aiuta a gestire le emozioni anziché soccombere ad esse. Se rispondete “sì” a più di tre domande, potreste essere empatici:

  • Le persone dicono che sono troppo sensibile o eccessivamente emotivo?
  • Se un amico è triste, mi sento triste anch’io?
  • I miei sentimenti vengono feriti facilmente?
  • La folla mi prosciuga e mi costringe a fuggire per stare da solo?
  • Il rumore, le chiacchiere eccessive o gli odori mi fanno saltare i nervi?
  • Mangio troppo, bevo eccessivamente o mi concedo altre attività per far fronte allo stress emotivo?
  • Ho paura di essere soffocato emotivamente in una relazione?

Empatia e fenomeno empatico 17

Attenzione da parte dei neuroscienziati

Gli autori della rivista Neuroscience Research esprimono la preoccupazione che l’aumento delle informazioni scientifiche sull’empatia possa portare la nostra società a conclusioni che si discostano dai fatti. I ricercatori raccomandano ai divulgatori scientifici di comunicare chiaramente i limiti delle loro osservazioni. Gli autori suggeriscono inoltre di essere più specifici nelle descrizioni neurali e concettuali e psicologiche quando si parla di empatia, per evitare interpretazioni errate. Questi passi sono cruciali per il progresso nel campo delle neuroscienze sociali e della comprensione dell’empatia.

Empatia e fenomeno empatico 19