Vivere con un pacemaker

Home / Articoli / Vivere con un pacemaker

Vivere con un pacemaker

I pacemaker prevengono o eliminano i problemi legati al battito cardiaco irregolare, chiamato aritmia. Questi piccoli dispositivi elettronici vengono impiantati sotto la pelle per aiutare a regolare i ritmi cardiaci e trattare i sintomi derivanti dalla bradicardia o dal rallentamento della frequenza cardiaca. Spetta alla persona con pacemaker assicurarsi che il dispositivo impiantato sia controllato regolarmente, seguire gli ordini del medico e osservare alcune precauzioni. In genere le batterie dei pacemaker si scaricano solo dopo 7-10 anni. A quel punto, i medici possono eseguire una procedura per sostituire il generatore.

Come funzionano i pacemaker?

Vivere con un pacemaker 1

I pacemaker non sostituiscono il lavoro svolto dal cuore nell’organismo, ma lo aiutano semplicemente a regolare i tempi e la sequenza del battito cardiaco. Il pacemaker è composto da un generatore, un piccolo computer con una batteria e altre parti elettroniche, e da elettrocateteri o elettrodi, fili flessibili e isolati che inviano un segnale elettronico tra il pacemaker e il cuore. Il chirurgo posiziona il pacemaker sotto la pelle, sotto la clavicola, e fa passare gli elettrocateteri attraverso una vena vicina fino al cuore. Le altre estremità degli elettrocateteri sono collegate al generatore, che consente un facile monitoraggio e programmazione. Anche negli Stati Uniti sono ora disponibili pacemaker più piccoli e senza elettrocateteri.

Post-impianto e durata di vita dei pacemaker

L’intervento chirurgico per l’impianto del pacemaker è minimamente invasivo e i tempi di recupero sono relativamente brevi. I pazienti spesso avvertono dolore nel punto di incisione per alcuni giorni e dovrebbero svolgere solo attività leggere per un paio di settimane. Subito dopo l’intervento, devono fare attenzione ai segni di infezione: gonfiore, aumento del dolore, arrossamento o sanguinamento. A casa, i portatori di pacemaker possono effettuare controlli periodici per garantire una buona durata della batteria. La maggior parte dei pazienti riceve uno speciale dispositivo wireless che programma appuntamenti di controllo una o due volte l’anno. Quando la batteria inizia a scaricarsi, i medici possono sostituire i generatori di pacemaker in anestesia locale.

Vivere con un pacemaker 3

Telefoni cellulari

Per quanto importante possa sembrare una chiamata o un messaggio di testo, se tenuto troppo vicino può disturbare il buon funzionamento di un pacemaker. I telefoni cellulari devono essere tenuti ad almeno 15 centimetri di distanza dai pacemaker, il che rappresenta una sfida per le persone che amano tenere i loro dispositivi mobili nel taschino della camicia o tenere il telefono con un orecchio contro la spalla. Le persone con pacemaker dovrebbero abbandonare queste abitudini.

Vivere con un pacemaker 5

Magneti e pacemaker

Anche i magneti possono disturbare il corretto funzionamento di un pacemaker se si avvicinano a meno di 15 centimetri dal dispositivo impiantato. I comuni magneti per la casa e l’ufficio rappresentano solo un piccolo rischio, ma i magneti in neodimio-ferro-boro possono interferire con i dispositivi cardiaci. Alcuni di questi magneti più forti possono trovarsi in gioielli, giocattoli e indumenti. Pertanto, le persone con pacemaker dovrebbero sempre leggere le avvertenze sulla confezione dei prodotti acquistati. Tuttavia, non tutti i produttori sono tenuti a riportare le avvertenze sui magneti sulle etichette.

Vivere con un pacemaker 7

Sicurezza in aeroporto

Il metallo di un pacemaker può far scattare gli scanner di sicurezza aeroportuale, ma non influisce sulla funzionalità dei dispositivi. Tuttavia, gli scanner portatili possono rappresentare un rischio se vengono avvicinati al pacemaker e tenuti lì per troppo tempo. Le persone con pacemaker dovrebbero avvisare gli agenti di sicurezza del loro dispositivo prima di passare i controlli di sicurezza. Gli scanner integrali non sembrano avere effetti sui pacemaker e, finora, hanno presentato un rischio ridotto per i portatori di pacemaker. Quando la guardia di sicurezza vede un pacemaker sullo scanner integrale, può chiedere di vedere la carta d’identità del dispositivo medico, che identifica ogni individuo come portatore di pacemaker.

Vivere con un pacemaker 9

Altre precauzioni di viaggio

Viaggiare con un pacemaker è sicuro, a patto che i soggetti avvertano il proprio medico di eventuali circostanze particolari e che portino sempre con sé il tesserino identificativo del dispositivo medico. Chi viaggia all’estero può assicurarsi che la tessera riporti queste informazioni in varie lingue.

Vivere con un pacemaker 11

Comprendere la compatibilità EMI

Molti credono che gli elettrodomestici, come i forni a microonde, interferiscano con i pacemaker. Si tratta di un mito che non deve allarmare. Tuttavia, alcuni tipi di apparecchiature causano interferenze elettromagnetiche o EMI. I saldatori elettrici ad arco e le motoseghe rientrano nell’elenco delle apparecchiature da evitare: non danneggiano i pacemaker, ma è possibile che interferiscano con il corretto funzionamento del dispositivo. La maggior parte dei pacemaker è dotata di protezioni integrate contro le EMI provenienti da elettrodomestici come frullatori, purificatori d’aria, asciugacapelli, apriscatole elettrici, rasoi elettrici, telecomandi, televisori e fax. Mentre i lettori mp3 portatili sono sicuri, gli auricolari devono stare ad almeno 15 centimetri di distanza da un pacemaker. Tenetevi ad almeno 15 centimetri di distanza da slot machine, tosaerba, spazzaneve e altoparlanti stereo. I saldatori ad arco e le antenne delle radio CB o della polizia devono stare a 24 pollici di distanza. Evitare del tutto pistole stordenti, martelli pneumatici e bilance elettroniche per la misurazione del grasso corporeo. Se si avvertono sintomi come vertigini e palpitazioni in prossimità di dispositivi elettrici, è sufficiente allontanarsi di almeno un metro. Il pacemaker dovrebbe funzionare correttamente.

Vivere con un pacemaker 13

Sport e attività faticose

L’esercizio fisico e le attività più impegnative, tra cui lo sport e le attività sessuali, richiedono un flusso sanguigno più ossigenato. La maggior parte dei pazienti portatori di pacemaker evita di svolgere tali attività per una settimana dopo l’impianto, ma poi può riprendere a praticarle regolarmente (soprattutto se prima dell’intervento erano abbastanza attivi). Una volta superate le fasi iniziali dopo l’impianto, la guida è sicura.

Vivere con un pacemaker 15

Risonanza magnetica e radioterapia

La risonanza magnetica può disturbare la funzione di stimolazione dei pacemaker. In alcuni casi estremi, danneggiano il dispositivo e richiedono un ulteriore intervento chirurgico per correggere il problema. I portatori di pacemaker devono assicurarsi che tutti i medici siano a conoscenza della loro condizione prima di sottoporsi a qualsiasi test. Anche la radioterapia può danneggiare i circuiti di un pacemaker. Altre procedure che possono causare problemi ai pacemaker sono la diatermia, l’elettrocauterizzazione, l’elettrolisi e la termolisi e la defibrillazione esterna. I trapani dentali tendono ad aumentare la frequenza di stimolazione, quindi il dentista deve essere a conoscenza del fatto che si utilizza un pacemaker. Altri esami, come mammografie, radiografie diagnostiche e procedure a ultrasuoni, sono sicuri.

Vivere con un pacemaker 17

Mantenere uno stile di vita sano

Il mantenimento di un peso sano è una delle migliori pratiche preventive dopo l’impianto di pacemaker. I soggetti devono inoltre seguire una dieta sana e praticare esercizi adeguati al loro attuale livello di forma fisica – il medico può aiutarli a determinare questi requisiti. Le persone con pacemaker dovrebbero evitare di fumare e cercare di ridurre al minimo lo stress.

Vivere con un pacemaker 19