Uno sguardo più approfondito sull’ipercolesterolemia

Home / Articoli / Uno sguardo più approfondito sull’ipercolesterolemia

Uno sguardo più approfondito sull’ipercolesterolemia

Il colesterolo è una sostanza cerosa che aiuta l’organismo a creare vitamina D, ormoni steroidei e membrane cellulari. Inoltre sintetizza gli acidi biliari, che aiutano la digestione. Livelli di colesterolo fino a 200 mg/dl sono considerati sani. Un valore compreso tra 200 e 240 mg/dL è borderline, mentre le persone i cui livelli di colesterolo sono superiori a 240 mg/dL hanno il “colesterolo alto” Un livello cronicamente elevato di colesterolo cattivo è l’ipercolesterolemia. Nel tempo, questa condizione può causare danni irreversibili all’organismo.

Ipercolesterolemia familiare

L’ipercolesterolemia familiare (FH) è un difetto genetico autosomico dominante sul cromosoma 19, che rende l’organismo incapace di eliminare il colesterolo cattivo dal sangue. Questo aumenta il rischio di malattie cardiovascolari e altre complicazioni. I bambini hanno il 50% di probabilità di ereditare la malattia se uno dei genitori presenta questa mutazione. Tuttavia, nei casi in cui entrambi i genitori presentano il difetto, il rischio di un evento cardiaco o di sviluppare una malattia cardiaca durante l’infanzia è molto più elevato.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 1

Altre cause

Oltre alla genetica, alcuni farmaci per la pressione sanguigna possono ridurre il colesterolo buono e aumentare i livelli di trigliceridi, portando a un colesterolo persistentemente alto. I vecchi betabloccanti che alcuni medici prescrivono per l’insufficienza cardiaca, ad esempio, possono aumentare il colesterolo, soprattutto nelle persone che hanno già problemi di colesterolo borderline, ipertensione o iperglicemia. Infine, abitudini di vita scorrette, come il consumo regolare di alimenti ricchi di grassi saturi o trans e il fumo, possono aumentare il colesterolo cattivo.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 3

Xantomi e xantelasmi

Le persone affette da ipercolesterolemia possono essere in gran parte asintomatiche per molti anni. Col passare del tempo, alcuni sviluppano crampi alle gambe mentre camminano o piaghe ai piedi che non guariscono. Altri segni sono gli xantelasmi e gli xantomi. Gli xantelasmi sono grumi di colesterolo di colore giallo che si accumulano sulla palpebra. Quando questi grumi di colesterolo si formano in altre parti del corpo, in genere sui gomiti, si tratta di xantomi. Queste escrescenze possono essere deturpanti e per questo i medici possono decidere di asportarle.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 5

Conteggio LDL e HDL

Poiché il colesterolo non può viaggiare da solo nel sangue, ha bisogno dell’aiuto delle lipoproteine, particelle ricoperte di proteine. La diagnosi di ipercolesterolemia richiede un esame del sangue a digiuno per esaminare il colesterolo LDL e HDL. LDL sta per lipoproteine a bassa densità, il colesterolo “cattivo” che contribuisce alla formazione delle placche arteriose. Le HDL o lipoproteine ad alta densità sono il colesterolo “buono” che aiuta a liberare l’organismo dalle LDL. I risultati di questo esame del sangue vengono confrontati con le medie di età e sesso e con l’anamnesi, per aiutare i medici a determinare la gravità della condizione del paziente.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 7

Fonti di colesterolo

Il colesterolo proviene da due fonti: l’alimentazione e il fegato. Gli alimenti costituiscono solo il 20% circa del colesterolo totale. Nonostante le credenze popolari, i problemi sono dovuti più alla combinazione di grassi e carboidrati presenti negli alimenti che alla quantità di colesterolo. Le ricerche dimostrano che solo una parte delle persone che ingeriscono alimenti ricchi di colesterolo sviluppano livelli di colesterolo più elevati. Il colesterolo prodotto nel fegato è il maggior responsabile, soprattutto quando danni o malattie ostacolano la capacità del fegato di assorbire il colesterolo.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 9

Complicanze dell’ipercolesterolemia

Sebbene i segni iniziali dell’ipercolesterolemia siano scarsi, un aumento non trattato del colesterolo LDL provoca danni interni che alla fine portano a complicazioni. L’accumulo di placca indurisce le arterie (aterosclerosi), aumentando la forza del flusso sanguigno e provocando un aumento della pressione arteriosa. La riduzione dell’afflusso di sangue al cuore può anche provocare l’angina, un forte dolore localizzato al petto. In alcuni casi, pezzi di placca possono staccarsi e bloccare completamente il sangue al cervello, provocando un ictus.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 11

Il legame con il diabete

Il diabete di tipo 2 è dovuto a una combinazione di fattori che possono causare problemi come l’insulino-resistenza, che impedisce all’organismo di metabolizzare correttamente i grassi e gli zuccheri a scopo energetico. Le persone affette da diabete tendono ad avere livelli più bassi di HDL e più alti di LDL e trigliceridi. Un HDL più basso ostacola l’eliminazione del grasso in eccesso da parte dell’organismo. La capacità della malattia interferisce con l’assorbimento e la produzione di colesterolo, rendendo le persone più inclini a sviluppare ipercolesterolemia.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 13

Trattamento dell’ipercolesterolemia

Le statine possono impedire al fegato di produrre colesterolo e invertire la malattia coronarica riassorbendo il colesterolo accumulato nelle arterie. Un’altra opzione terapeutica è rappresentata dalle resine leganti gli acidi biliari. Queste resine indicano all’organismo di utilizzare il colesterolo in eccesso per produrre più acidi biliari, riducendo così i livelli di LDL. Alcuni farmaci limitano la quantità di colesterolo alimentare che l’intestino tenue assorbe e rilascia nel sangue, mentre altri consentono al fegato di assorbire più colesterolo LDL del normale. I medici effettueranno una diagnosi dettagliata per determinare la migliore opzione terapeutica.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 15

Modifiche alla dieta

In passato i medici consigliavano alle persone con colesterolo alto o inclini a farlo di evitare alimenti come i gamberetti e le uova. Tuttavia, la ricerca dimostra che i frutti di mare, così come le noci e i semi, sono ottime fonti di acidi grassi omega-3, che non aumentano il colesterolo LDL. Le uova, invece, sono una fonte di confusione dietetica, perché le ricerche non sono coerenti sul loro effetto sul colesterolo sierico. Invece di concentrarsi sulla limitazione del consumo di uova, i medici raccomandano di ridurre i grassi saturi e di integrare cereali, frutta e verdura per ottenere risultati migliori.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 17

Trattamento dell’ipercolesterolemia familiare nei bambini

I medici dispongono di parametri diagnostici specifici per l’ipercolesterolemia nei bambini, ma non possono prescrivere tutte le opzioni di trattamento. Gli esperti hanno condotto uno studio in doppio cieco su bambini di età compresa tra gli otto e i 18 anni per capire meglio come ridurre i livelli di colesterolo negli organismi in crescita. I soggetti che hanno ricevuto le statine hanno registrato un’inversione dell’ispessimento aterosclerotico. Questi risultati suggeriscono che i bambini con ipercolesterolemia potrebbero trarre beneficio dall’assunzione di statine durante l’infanzia.

Uno sguardo più approfondito sull'ipercolesterolemia 19