Tutto sulla bile nella medicina antica

Home / Articoli / Tutto sulla bile nella medicina antica

Tutto sulla bile nella medicina antica

Gli antichi medici greci e romani adottavano un sistema di medicina che aveva origine nella convinzione che il corpo possedesse quattro umori essenziali: sangue, flegma, bile gialla e bile nera. Essi ritenevano che le malattie e i disturbi fossero il risultato di uno squilibrio degli umori. Secondo il sistema, la bile gialla causava rabbia, problemi al fegato e ulteriori squilibri degli umori. La bile nera causava depressione, problemi al fegato e cancro. I medici utilizzavano una serie di metodi per bilanciare gli umori e curare i loro pazienti.

Origine dell’umorismo

È difficile per gli storici trovare l’origine effettiva degli umori. Il concetto di sistemi chimici che regolano il comportamento umano era evidente negli scritti di Alcmeone di Crotone. Egli riteneva che ci fossero molti umori e che essi coinvolgessero anche gli elementi. Alcuni ritengono che il concetto di umori sia una derivazione della medicina egizia o mesopotamica. Gli storici sono soliti attribuire a Ippocrate la creazione degli umori medicinali e la diffusa credenza nel sangue, nella bile gialla, nella bile nera e nel flegma.

Tutto sulla bile nella medicina antica 1

Digestione e creazione

Secondo la teoria dell’umorismo, il corpo produceva naturalmente i quattro umori in quattro fasi della digestione. Durante il processo digestivo, il corpo creerebbe per ultimo la bile gialla e la bile nera. La bile gialla, essendo la terza bile del processo, riceveva pochi nutrienti dall’organismo. Ciò significava anche che la digestione creava basse quantità di bile gialla e che la bile gialla circolava molto poco nel sistema. La bile nera era l’ultimo umore creato dall’organismo. Riceveva il minor numero di sostanze nutritive ed era presente in quantità minime.

Tutto sulla bile nella medicina antica 3

Bile nera

Gli antichi medici ritenevano che la bile nera, pur essendo integrale, fosse quella che meno contribuiva a una corretta salute. Le condizioni derivanti dalla bile nera erano quasi sempre caratterizzate da un eccesso piuttosto che da una carenza. I testi medici descrivevano la bile nera come fredda e secca. La bile era in grado di solidificare i materiali del corpo, consentendo di creare ossa, denti e tessuti connettivi strutturali. Svolgeva inoltre un ruolo nella coagulazione del sangue, nella creazione di tessuto cicatriziale e nella riparazione strutturale. Dal punto di vista psicologico, gli antichi medici ritenevano che la bile nera rendesse una persona pensierosa, malinconica e chiusa in se stessa.

Tutto sulla bile nella medicina antica 5

Malinconico

Nell’ambito del sistema umorale, Ippocrate collegava i fluidi del corpo a quattro temperamenti. Egli associò la bile nera al temperamento malinconico, che era in linea con le personalità analitiche e orientate ai dettagli. In genere, gli individui malinconici erano anche introversi. La bile nera contribuiva a creare sentimenti di ansia e di nervosismo, che spesso spingevano le persone malinconiche a ricercare la perfezione. Secondo l’umorismo e i temperamenti, i disturbi depressivi hanno origine da un eccesso di bile nera.

Tutto sulla bile nella medicina antica 7

Condizioni della bile nera

I medici ritenevano che la milza fungesse da centro di stoccaggio della bile nera. Quando il corpo ha un eccesso di bile nera, questa si riversa nello stomaco e nell’intestino crasso. Ciò causava indigestione, gas, distensione, gonfiore, costipazione e altri problemi digestivi. Dal tratto digestivo, la bile nera raggiungerebbe altri organi e inizierebbe a danneggiarli. Secondo il sistema umorale, la bile nera era leggera e tendeva a salire verso la testa, provocando acufeni, vertigini, insonnia e vertigini. Altre condizioni associate dai medici alla bile nera erano l’ittero, le embolie, le disfunzioni sessuali e l’artrite.

Tutto sulla bile nella medicina antica 9

Il cancro

Una delle condizioni principali che i medici attribuivano alla bile nera era il cancro. Si tratta di una delle prime teorie sulle origini del cancro. La teoria ebbe inizio con gli antichi Romani e Galeno l’abbracciò. Egli scrisse della bile nera e del cancro in molti dei suoi testi di medicina e iniziò a insegnarla ad altri. Col tempo, l’idea che la bile nera sia responsabile del cancro divenne uno standard della medicina antica. Per oltre 1300 anni, pochissimi individui tentarono di contestare o confutare questa teoria.

Tutto sulla bile nella medicina antica 11

Bile gialla

A differenza della bile nera, i medici credevano che la bile gialla fosse calda al tatto. Pensavano che il fegato producesse bile gialla e la immagazzinasse nella cistifellea. Nei testi che paragonavano gli umori agli elementi, la bile gialla era paragonata al fuoco. L’umorismo affermava che la bile gialla aiutava la digestione e la metabolizzazione. Agisce anche come lassativo naturale per facilitare la defecazione. Alcuni scritti descrivono la bile gialla come capace di risiedere nel sangue e di viaggiare attraverso il corpo. Questo permetteva alla bile di provocare infiammazioni.

Tutto sulla bile nella medicina antica 13

Colerico

Nel sistema dei quattro temperamenti, la bile gialla appartiene al temperamento collerico. Gli individui collerici sono più facilmente estroversi. Erano indipendenti, ambiziosi e decisi. Gli antichi medici pensavano che molti leader naturali fossero nati con livelli naturalmente elevati di bile gialla, il che li rendeva più collerici. I Greci credevano che la bile gialla rendesse le persone violente, rabbiose e vendicative. Questo pensiero sarebbe diventato prevalente per tutto il Medioevo.

Tutto sulla bile nella medicina antica 15

Eccesso di bile gialla

I medici ritenevano che gli ambienti caldi e secchi e i mesi estivi influenzassero i livelli di bile gialla nell’organismo. Tuttavia, attribuivano la maggior parte delle condizioni derivanti dall’eccesso di bile gialla alle influenze della dieta. In particolare, i testi affermavano che i cibi piccanti, come peperoni e peperoncini, aumentavano i livelli di bile gialla. Livelli elevati di bile gialla influivano sul fegato. I medici antichi erano sorprendentemente precisi su quali elementi danneggiassero il fegato. Ritenevano che l’alcol, il consumo eccessivo di carne e il sale contribuissero ad aumentare i livelli di bile gialla e quindi a danneggiare il fegato. Grazie agli studi moderni, oggi conosciamo l’accuratezza di alcune di queste affermazioni.

Tutto sulla bile nella medicina antica 17

Il colera

La medicina greca antica associava il colera alla bile gialla e al temperamento collerico. Il colera è una malattia batterica che si diffonde più comunemente attraverso fonti d’acqua contaminate. I sintomi comuni sono diarrea e disidratazione. Gli antichi medici ritenevano che il colera fosse il risultato di una bile gialla in decomposizione o in decomposizione nel corpo. Credevano anche che la diarrea avrebbe espulso il calore della bile gialla. Questo sarebbe stato fatale perché il corpo non può sopravvivere senza il suo calore interno e la sua energia.

Tutto sulla bile nella medicina antica 19