Quando la sepsi diventa shock settico

Home / Articoli / Quando la sepsi diventa shock settico

Quando la sepsi diventa shock settico

La sepsi è una risposta alle infezioni. In alcuni casi, l’organismo reagisce in modo estremo alle sostanze chimiche rilasciate nel flusso sanguigno per combattere gli invasori e i cambiamenti che si verificano causano danni agli organi di più sistemi. Quando la sepsi progredisce fino a questo punto, si parla di shock settico. Questa emergenza medica può portare alla morte se non viene trattata tempestivamente.

Cause dello shock settico

La causa più comune di shock settico è un’infezione contratta in ospedale . I pazienti immunocompromessi, gli anziani e quelli con malattie croniche sono più a rischio. Lo shock settico può verificarsi anche dopo un intervento chirurgico se il sito chirurgico si infetta. Lo shock tossico è una forma poco comune di shock settico causato da infezioni da stafilococco e streptococco.

Quando la sepsi diventa shock settico 1

Fattori predisponenti

I fattori di rischio predisponenti allo shock settico includono malattie dell’apparato intestinale, biliare, respiratorio o urinario e quelli che indeboliscono il sistema immunitario. Anche la leucemia, il linfoma e una storia di trapianto di organi o di midollo osseo aumentano il rischio. La sepsi può rapidamente evolvere in shock settico nei neonati, nelle donne in gravidanza e negli anziani.

Quando la sepsi diventa shock settico 3

Può accadere a chiunque

Alcune persone sono più a rischio di shock settico di altre, ma poiché l’infezione lo causa, può accadere a chiunque . Per questo motivo le infezioni, soprattutto nei pazienti ricoverati, devono essere monitorate attentamente. L’uso prolungato di cateteri indwelling, l’uso prolungato di antibiotici e un recente intervento chirurgico, un’infezione o l’uso di steroidi possono portare allo shock settico, indipendentemente da fattori preesistenti.

Quando la sepsi diventa shock settico 5

I sintomi

Lo shock settico provoca un’improvvisa e brusca diminuzione della pressione sanguigna, che influisce sul sistema nervoso centrale cervello, cuore, fegato, reni, intestino e altri apparati . I sintomi includono febbre, brividi, bassa pressione sanguigna quando si sta in piedi, estremità pallide, emissione di urina scarsa o assente, frequenza cardiaca elevata, letargia, palpitazioni, confusione, irrequietezza, eruzioni cutanee e diminuzione della capacità cognitiva.

Quando la sepsi diventa shock settico 7

Diagnosi

I medici confermano le diagnosi di shock settico con esami del sangue multipli , compresi gli esami ematochimici, l’emocromo, il basso livello di ossigeno e i disturbi acido-base. I risultati dell’emocoltura rivelano i batteri che causano l’infezione, ma possono richiedere alcuni giorni per dare un risultato positivo. Altri esami comprendono radiografie del torace per valutare l’eventuale presenza di polmonite e campioni di urina per rilevare l’infezione.

Quando la sepsi diventa shock settico 9

Trattamento antibiotico

Il trattamento immediato è fondamentale: l’obiettivo principale è trattare la sepsi in tempo per evitare lo shock settico. Il trattamento iniziale è costituito da antibiotici ad ampio spettro per combattere l’infezione fino a quando le emocolture non rivelano lo specifico organismo responsabile. Le prime sei ore sono le più importanti per una buona prognosi. L’incidenza dello shock settico è dimezzata con uso tempestivo e appropriato degli antibiotici , indipendentemente dalla malattia di base.

Quando la sepsi diventa shock settico 11

Aumentare il volume del sangue

Una volta che il paziente passa dalla sepsi allo shock settico, l’obiettivo principale del trattamento è di aumentare il volume ematico per mantenere la pressione sanguigna . Questo assicura un’adeguata perfusione dei tessuti e degli organi in tutto il corpo. Gli interventi comprendono la rapida somministrazione di liquidi per via endovenosa e di farmaci vasoattivi per migliorare la contrazione e la gittata cardiaca. Anche i corticosteroidi e le trasfusioni di sangue possono migliorare i risultati in alcuni casi.

Quando la sepsi diventa shock settico 13

Interventi aggiuntivi

Oltre ad aumentare il volume di sangue e a mantenere la perfusione, i pazienti in shock settico richiedono supporto medico di altri sistemi di organi . Molti hanno bisogno di essere intubati e sottoposti a ventilazione meccanica per respirare. Il supporto metabolico è necessario anche per soddisfare le esigenze nutrizionali e mantenere un corretto equilibrio elettrolitico.

Quando la sepsi diventa shock settico 15

Prognosi

La prognosi dipende in larga misura dalla rapidità con cui l’équipe medica inizia il trattamento. Oggi la mortalità per shock settico è tra il 30 e il 40 per cento . Gli esiti peggiori si verificano quando il trattamento non è immediato e aggressivo. Se si sviluppa un’insufficienza d’organo multisistemica o se i processi metabolici come l’acidosi lattica o metabolica non sono ben controllati, l’inversione dello shock settico è eccezionalmente difficile e spesso risulta fatale.

Quando la sepsi diventa shock settico 17

Prevenzione e possibili complicazioni

In alcuni casi è impossibile evitare lo shock settico. La migliore prevenzione è la trattamento tempestivo ed efficace delle infezioni batteriche. Chiunque mostri segni di sepsi o shock settico deve rivolgersi subito a un medico d’urgenza. Anche i soggetti guariti devono affrontare possibili complicazioni. Gli organi possono essere danneggiati in modo permanente e può verificarsi una cancrena se i liquidi non vengono somministrati adeguatamente alle estremità.

Quando la sepsi diventa shock settico 19