Iperacusia, estrema sensibilità al suono

Home / Articoli / Iperacusia, estrema sensibilità al suono

Iperacusia, un’estrema sensibilità al suono

L’iperacusia è un raro disturbo dell’udito. Le persone affette da questo disturbo percepiscono i suoni a volume normale come dolorosamente forti. Suoni lievi come il fruscio della carta, il tintinnio dell’argenteria o il funzionamento di un asciugacapelli sono altrettanto dolorosi per queste persone di rumori forti come sirene e clacson. Secondo l’Hyperacusis Network, circa 1 persona su 50.000 soffre di questo disturbo in una o entrambe le orecchie.

Segni e sintomi

L’incapacità di tollerare i suoni quotidiani è il sintomo caratteristico dell’iperacusia. Questi rumori diventano fastidiosi e dolorosi, compromettendo drasticamente la capacità della persona di funzionare in pubblico. Le persone affette da iperacusia possono iniziare a indossare tappi per le orecchie fuori casa o in situazioni in cui non hanno alcun controllo sul rumore. Può anche iniziare a evitare le situazioni sociali e sviluppare una vera e propria paura dei rumori e dei suoni improvvisi.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 1

Cause: Malattie e disturbi

L’iperacusia non ha un’unica causa, ma gli esperti la collegano a una serie di disturbi, tra cui la malattia di Lyme, il PTSD, la paralisi di Bell e la sindrome da fatica cronica. Esistono anche forti connessioni con l’autismo. Si stima che circa il 40% dei bambini nello spettro autistico abbia anche l’iperacusia. Anche i traumi cranici, le infezioni gravi dell’orecchio interno e persino gli interventi chirurgici al viso possono portare all’iperacusia.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 3

Cause: Rumori forti

Una delle principali cause e fattori di rischio dell’iperacusia è la lunga esposizione a rumori forti. Le persone che svolgono lavori in cui l’esposizione al rumore è frequente, come i macchinisti, i lavoratori edili e i musicisti, corrono un rischio maggiore. È interessante notare che l’iperacusia può essere scatenata anche da un singolo rumore forte, come un colpo di pistola.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 5

Diagnosi

Per diagnosticare l’iperacusia, l’audiologo esegue un esame fisico e raccoglie l’anamnesi; farà molte domande su quando sono iniziati i sintomi e sulla loro intensità. Un test dell’udito verificherà la reazione della persona ai suoni a varie frequenze. Tuttavia, i test dell’udito non presentano necessariamente risultati anormali, perché le persone affette da iperacusia hanno un udito altrimenti normale.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 7

Migliorerà?

È difficile prevedere se l’iperacusia migliorerà o meno o quanto tempo ci vorrà perché diventi più tollerabile; spesso dipende dalla causa. L’iperacusia causata da un trauma può regredire nel tempo, man mano che il corpo guarisce. Nei casi in cui la causa non è identificabile, la condizione potrebbe non migliorare mai da sola. Anche se l’uso di tappi per le orecchie allevia i sintomi, i medici non raccomandano di indossarli sempre, perché il blocco costante di tutti i rumori influisce ulteriormente sul modo in cui il cervello elabora i suoni.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 9

Desensibilizzazione al suono

Un possibile trattamento per l’iperacusia è la desensibilizzazione al suono. Questo trattamento viene eseguito da uno specialista e si protrae per un periodo che va da sei mesi a un anno, o più. La persona affetta da iperacusia ascolta un rumore statico a un livello appena udibile per un determinato periodo di tempo ogni giorno. Con il tempo, la tolleranza al suono può migliorare e la sensibilità ai suoni normali diminuisce. Questo trattamento non può curare la condizione, ma i miglioramenti possono aiutare la persona a funzionare più comodamente nella vita quotidiana.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 11

Terapia di integrazione uditiva

Un altro trattamento è la terapia di integrazione uditiva o AIT, che è comune per le persone dello spettro autistico e può essere efficace per l’iperacusia. La persona ascolta ogni giorno musica filtrata a volumi diversi per un periodo di tempo prestabilito. Non ci sono molte prove scientifiche a sostegno dell’efficacia di questa terapia, quindi potrebbe non essere disponibile ovunque.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 13

Altri trattamenti

Sono disponibili anche trattamenti alternativi per l’iperacusia, tra cui strategie di rilassamento, agopuntura e biofeedback, che possono aumentare il rilassamento e, di conseguenza, migliorare la capacità di un individuo di affrontare i propri sintomi. Non esistono farmaci per il trattamento dell’iperacusia, anche se non è raro che le persone affette da questo disturbo ricevano prescrizioni per l’ansia o la depressione.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 15

Prevenzione

I fattori scatenanti e le cause dell’iperacusia, come traumi, interventi chirurgici e infezioni, non possono essere evitati ed è difficile prevedere o prendere precauzioni anche contro singoli suoni forti. L’unica causa di iperacusia su cui gli individui hanno un controllo è l’esposizione regolare a rumori forti per un lungo periodo. Le persone che lavorano in fabbrica, nelle officine meccaniche o nei cantieri edili dovrebbero sempre indossare una protezione adeguata per le orecchie.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 17

Prognosi dell’iperacusia

Le prospettive dell’iperacusia dipendono dalla causa e dal trattamento. Alcune persone possono non vedere miglioramenti con la desensibilizzazione al suono o l’AIT. Per altri, possono essere necessari da tre mesi a diversi anni prima che l’udito inizi a normalizzarsi. La terapia può essere utile per aiutare le persone a sviluppare strategie di coping e a gestire l’ansia.

Iperacusia, estrema sensibilità al suono 19