Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali

Home / Articoli / Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie dell’intestino

La malattia infiammatoria intestinale, nota anche come IBD o malattia di Crohn, colpisce diverse parti dell’apparato digerente, dall’ano alla bocca. Di solito, però, colpisce soprattutto la parte iniziale dell’intestino crasso e l’intestino tenue. Esistono alcuni fattori che possono contribuire al suo sviluppo. In primo luogo, la genetica può svolgere un ruolo nello sviluppo della malattia, che di solito è familiare. L’IBD è inoltre più comune in alcune razze e in coloro che vivono in climi settentrionali, paesi sviluppati o aree urbane.

Quali sono i sintomi tipici della malattia infiammatoria intestinale?

I sintomi comuni delle IBD sono febbre, dolore addominale e diarrea. Esistono anche altri sintomi che si manifestano in base alla posizione delle lesioni. Questi sintomi includono calcoli renali, perdita di peso, perdita di grasso o di sangue nelle feci e altro ancora. Di solito i sintomi compaiono quando si è stressati e poi scompaiono per qualche tempo. Per questo motivo è piuttosto difficile che le persone si rendano conto di essere già affette da IBD.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 1

Le infezioni causano la malattia infiammatoria intestinale?

Attualmente si ritiene che la predisposizione genetica sia la causa principale delle malattie infiammatorie intestinali. Ciò significa che determinate persone possono rispondere in modo diverso a determinate infezioni. A quanto pare, però, c’è un particolare insetto che le provoca e che vive già nell’intestino della persona. In effetti, il nostro intestino ospita più insetti o microbi delle cellule di tutto il corpo.

Ciò suggerisce che l’infezione non può essere trasmessa da una persona all’altra. Non è qualcosa che si può prendere da un altro membro della famiglia. Significa che esiste un tipo distinto di E. coli che può essere la causa dell’IBD. Tuttavia, sono necessarie ulteriori ricerche per dimostrare questo fatto. Se confermato, è possibile che gli scienziati e i ricercatori trovino un antibiotico che possa aiutare a curare la malattia.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 3

La dieta di una persona può essere la causa della malattia infiammatoria intestinale?

È possibile che l’alimentazione di una persona possa contribuire o scatenare l’IBD. È anche possibile che determinati alimenti favoriscano la crescita eccessiva di particolari microbi nell’intestino che causano la malattia. Tuttavia, non esistono prove che dimostrino che uno specifico tipo di dieta possa favorire la comparsa del microbo che causa l’IBD.

Il tipo di dieta che i medici raccomandano è quella a basso contenuto di residui. In questo modo si riduce la probabilità che si verifichi un’ostruzione intestinale quando si soffre della malattia. Inoltre, i pazienti con IBD hanno una maggiore possibilità di essere intolleranti al lattosio. Evitare determinati alimenti può quindi contribuire ad alleviare i sintomi.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 5

Lo stress causa o contribuisce alla malattia infiammatoria intestinale?

Molti considerano lo stress come un fattore considerevole che causa o contribuisce alle IBD. Questa convinzione è nata dal fatto che in molti casi le persone iniziano a manifestare la malattia dopo aver vissuto un evento stressante nella loro vita. Inoltre, l’insorgenza della malattia si verifica quando le persone sperimentano uno stress significativo. Tuttavia, non esistono prove concrete che lo stress sia la causa della malattia infiammatoria intestinale.

Oggi, però, si sta affermando l’idea che lo stress e il modo in cui una persona viene colpita dallo stress possano avere un impatto sulle IBD e su altre malattie croniche. Quindi, se siete sempre stressati o non sapete come gestire correttamente lo stress, potreste iniziare ad avvertire i sintomi dell’IBD.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 7

Le malattie infiammatorie intestinali possono causare il cancro?

I pazienti affetti da colite, una malattia infiammatoria intestinale, hanno un rischio maggiore di sviluppare il cancro del colon-retto. Tuttavia, casi isolati di malattia dell’intestino tenue non sembrano comportare tali rischi. Esiste tuttavia un certo rischio di sviluppare il cancro dell’intestino tenue, ma è molto raro. Se si soffre di IBD cronica, è utile sottoporsi a uno screening colonscopico per monitorare la displasia.

Quando si verifica una displasia, significa che c’è un cambiamento nell’intestino che può essere un’indicazione di un cancro o di un cancro che si sta già sviluppando. Naturalmente, il rischio di sviluppare un cancro in caso di IBD è piuttosto basso. È più alto nelle persone che hanno la malattia rispetto a quelle che non ce l’hanno.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 9

Esistono farmaci per le malattie infiammatorie intestinali che hanno un effetto rapido?

Fortunatamente per chi soffre di IBD sono disponibili farmaci ad azione rapida. Ma non bisogna usarli a lungo termine perché possono causare effetti collaterali negativi. Esistono farmaci di mantenimento che possono essere utilizzati a lungo termine e che sono molto più sicuri.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 11

I narcotici dovrebbero far parte dei farmaci per il trattamento della malattia infiammatoria intestinale?

I narcotici possono trattare i sintomi dell’IBD ma non la causa sottostante. Infatti, i farmaci potrebbero addirittura peggiorare l’infiammazione. Secondo le ricerche, chi assume questo tipo di farmaci ha una maggiore probabilità di sviluppare ostruzioni intestinali, stenosi e ascessi. A causa di questi effetti nocivi, i medici non prescrivono narcotici come parte del trattamento della malattia.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 13

Dovrete assumere farmaci per le malattie infiammatorie intestinali per il resto della vostra vita?

Sì, perché la malattia infiammatoria intestinale è una malattia cronica. Pertanto, la maggior parte delle persone che ne soffrono ha bisogno di farmaci di mantenimento per ridurre la gravità e la frequenza delle crisi. I farmaci possono aiutare ad alleviare i sintomi. La maggior parte di questi farmaci ha però un effetto lento. Quindi, se si è in una fase di flare attiva, potrebbe essere necessario assumere ulteriori farmaci.

Potrebbe anche essere necessario assumere farmaci biologici, che possono aiutare a prevenire la produzione di anticorpi contro il farmaco di mantenimento. La formazione di anticorpi può provocare reazioni allergiche che fanno perdere i benefici dei farmaci di mantenimento.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 15

La chirurgia può curare completamente la malattia infiammatoria intestinale?

Purtroppo la chirurgia non può curare completamente l’IBD. Tuttavia, può essere di grande aiuto per ridurre i sintomi della malattia. L’intervento chirurgico è un’operazione importante da prendere in considerazione, ma può migliorare significativamente la qualità della vita.

L’effetto principale dell’intervento chirurgico è come quando si preme il pulsante di reset di una macchina. Con l’intervento, i medici rimuovono le fistole, le strozzature, gli ascessi e i tessuti cicatrizzati che causano i sintomi. Dopo l’intervento, si noterà che i farmaci di mantenimento sono più efficaci e aiutano a prevenire eventuali complicazioni in futuro.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 17

Esiste una cura per la malattia infiammatoria intestinale?

Purtroppo non esiste una cura conosciuta per la malattia infiammatoria intestinale. Si tratta di una di quelle malattie con cui bisogna fare i conti per il resto della vita. Questo fino a quando gli esperti medici non troveranno un modo per trattare l’IBD e curarla completamente. Esistono tuttavia farmaci e altre opzioni che possono aiutare ad alleviare i sintomi dell’IBD. Grazie a questi, è possibile mantenere la propria salute, soprattutto se si abbinano le opzioni terapeutiche a scelte di vita sane.

Domande frequenti sulle malattie infiammatorie intestinali 19