Cosa c’è da sapere sulla sacroileite

Home / Articoli / Cosa c’è da sapere sulla sacroileite

Cosa c’è da sapere sulla sacroileite

La sacroileite rientra in un gruppo di patologie chiamate spondiloartropatie: condizioni infiammatorie della colonna vertebrale Altre spondiloartropatie includono spondilite anchilosante, artrite reattiva, spondiloartrite enteropatica, spondiloartrite assiale e artrite psoriasica. Tutte queste condizioni comportano l’infiammazione delle ossa della colonna vertebrale e delle articolazioni adiacenti. Le spondiloartropatie causano vari gradi di dolore e limitazioni nei movimenti.

Che cos’è la sacroileite?

La sacroileite è un’infiammazione dell’articolazione sacroiliaca, lo spazio tra l’osso iliaco dell’anca e il sacro della colonna vertebrale inferiore. L’infiammazione delle articolazioni può causare dolore e rigidità, soprattutto in alcuni movimenti. I sintomi possono iniziare con un’articolazione lesionata o che non funziona bene come dovrebbe, e poi si manifesta l’infiammazione. Le ricerche suggeriscono che tra il 10% e il 25% di tutte le dolore lombare è legato alla sacroileite.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 1

Cause della sacroileite

La sacroileite è spesso associata a danni alle articolazioni sacroiliache dovuti ad altre patologie articolari o a lesioni dirette. Tra le cause vi sono altri problemi alla colonna vertebrale, traumi durante la gravidanza o il parto e infiammazioni alle articolazioni causate da altre condizioni come l’ artrite, la gotta o la spondilite anchilosante .

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 3

Fattori di rischio della sacroileite

Il principale fattore di rischio per la sacroileite è la lesione dell’articolazione sacroiliaca dovuta a un trauma o a un’infiammazione. Tuttavia, le donne possono sviluppare la sacroileite durante la gravidanza . I cambiamenti ormonali associati alla gravidanza fanno sì che le articolazioni si allentino e si allunghino per prepararsi al passaggio del bambino. La crescita del bambino nel grembo materno modifica l’andatura della donna e anche questo contribuisce all’infiammazione dell’articolazione sacroiliaca.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 5

Sintomi della sacroileite

Il sintomo più comune della sacroileite è il dolore e la rigidità della parte bassa della schiena, dell’anca, del gluteo o della gamba. I sintomi si accentuano dopo essere stati seduti per un po’ di tempo e dopo essersi alzati da una sedia. Il dolore può peggiorare quando si fa un movimento improvviso a letto, con conseguente perdita di sonno. Il fastidio è di solito più accentuato anche quando ci si alza dal letto al mattino. La febbre di basso grado è un altro segno di sacroileite e deriva dall’infiammazione.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 7

Diagnosi di sacroileite

L’esame fisico è importante per diagnosticare la sacroileite. L’operatore sanitario applicherà una pressione diretta sull’articolazione sacroiliaca per verificare se provoca dolore. Può anche muovere le gambe in varie direzioni per vedere se questi movimenti causano dolore alle articolazioni sacroiliache. Potrebbero essere consigliate radiografie o immagini più avanzate, come la risonanza magnetica, per verificare la presenza di danno alle articolazioni sacroiliache .

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 9

Trattamento della sacroileite

I farmaci più trattamenti comuni per la sacroileite sono i farmaci per alleviare il dolore e la rigidità e l’esercizio fisico o la terapia fisica. Gli esercizi di stretching delicato aiutano ad alleviare la rigidità dei muscoli e delle articolazioni. Gli operatori sanitari talvolta raccomandano sedute con un fisioterapista per allungare e rafforzare i muscoli che si trovano sopra le articolazioni sacroiliache. Questo può migliorare la rigidità e la funzione fisica.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 11

Farmaci per la sacroileite

I medici talvolta prescrivono farmaci antinfiammatori non steroidei per ridurre l’infiammazione dell’articolazione sacroiliaca e ridurre il dolore. In caso di rigidità o tensione alla schiena o ai glutei, possono consigliare un rilassante muscolare. Se il dolore è forte o interferisce con le attività quotidiane, si può ricorrere a farmaci antidolorifici più potenti. La terapia farmaci prescritti dipenderà dall’entità dei sintomi e dalla loro interferenza con le attività quotidiane.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 13

Chirurgia e altri trattamenti

La chirurgia è un trattamento poco comune per la sacroileite, ma può essere un’opzione nei casi che non rispondono ad altri trattamenti. L’intervento chirurgico consiste nel tenere insieme le due ossa che compongono l’articolazione con una placca metallica. Più comunemente, i medici raccomandano trattamenti avanzati non chirurgici per i casi che non rispondono. Questi possono includere iniezione di corticosteroidi nell’articolazione per alleviare il dolore. Tuttavia, questa operazione presenta degli svantaggi. Un altro trattamento consiste nel colpire i nervi che causano il dolore con la radiofrequenza, che li danneggia.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 15

Trattamenti domiciliari e alternativi

I trattamenti domiciliari comprendono un leggero stretching per alleviare la tensione sull’articolazione sacroiliaca. L’applicazione di ghiaccio o l’alternanza di ghiaccio e calore possono ridurre l’infiammazione e aumentare il flusso sanguigno nella zona. Esercizi di rilassamento, respirazione controllata e meditazione possono essere utili per ridurre il dolore. È inoltre importante trovare un equilibrio tra movimento e riposo, senza sforzarsi troppo ma con movimenti delicati per evitare la rigidità.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 17

Prognosi della sacroileite

Se la sacroileite insorge all’improvviso a causa di un infortunio o di una gravidanza, può rispondere rapidamente a una terapia conservativa come farmaci e stretching. Se le articolazioni sono danneggiate, la sacroileite può diventare un problema cronico o ricorrente e, se interferisce con l’attività, può portare a debolezza e atrofia muscolare. Tuttavia, la maggior parte dei casi di sacroileite può essere gestita attraverso la terapia fisica, i cambiamenti dello stile di vita e i farmaci.

Cosa c'è da sapere sulla sacroileite 19