Cosa c’è da sapere sulla malattia di Leigh

Home / Articoli / Cosa c’è da sapere sulla malattia di Leigh

Cosa c’è da sapere sulla malattia di Leigh

La malattia di Leigh è una rara malattia neurologica caratterizzata da una progressiva degenerazione delle capacità motorie e mentali. Questa degenerazione è dovuta a una diminuzione dell’energia disponibile all’interno delle cellule del corpo, anche se gli esperti non hanno ancora compreso appieno lo specifico meccanismo di innesco. Ciò che è certo è che nelle persone affette dalla malattia di Leigh i sistemi corporei finiscono per degenerare fino a spegnersi. In alcuni casi, questa malattia mortale compare negli adulti, ma la maggior parte dei casi inizia durante l’infanzia, di solito in seguito all’esposizione a un virus.

Cause genetiche della malattia di Leigh

La malattia di Leigh colpisce circa un neonato su 40.000. Affinché la malattia si manifesti, una delle almeno 26 mutazioni genetiche identificate deve essere presente in uno degli oltre 75 geni. Queste mutazioni influenzano principalmente le caratteristiche metaboliche di una cellula e il modo in cui essa converte l’energia; inoltre disturbano le funzioni di vari complessi proteici.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 1

Ereditarietà

In quasi tutti i casi di malattia di Leigh, il bambino eredita il gene mutato. Esistono tre modelli di ereditarietà legati alla malattia: autosomico recessivo, mitocondriale e X-linked recessivo. La localizzazione della mutazione genetica associata – se nel DNA nucleare o mitocondriale – fornisce informazioni sulle modalità di ereditarietà.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 3

Ereditarietà autosomica recessiva della malattia di Leigh

Il modello autosomico recessivo è la forma di ereditarietà più comune. In questi casi, entrambe le copie del gene in ogni cellula (ovulo e spermatozoo) presentano mutazioni, il che significa che entrambi i genitori portano e trasmettono una copia del gene mutato. Questo tipo di mutazione genetica si verifica all’interno del DNA nucleare.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 5

Ereditarietà mitocondriale della malattia di Leigh

L’ereditarietà del modello mitocondriale della malattia di Leigh si verifica in circa il 20% dei casi. Poiché il DNA mitocondriale può muoversi solo attraverso le cellule uovo e non attraverso gli spermatozoi, i bambini possono ereditare questa mutazione solo dalla madre. Secondo il National Institute of Health, sono state riscontrate mutazioni in almeno 11 geni mitocondriali che causano questo tipo di malattia di Leigh.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 7

Ereditarietà recessiva legata all’X

L’ereditarietà recessiva legata all’X si verifica a causa di un cromosoma X mutato. Questa ereditarietà si riscontra più spesso nei maschi che nelle femmine, poiché i maschi hanno un solo cromosoma X e quindi la mutazione ha pieno effetto. Affinché una donna erediti questo tipo di malattia, entrambi i cromosomi X devono essere disfunzionali, il che è raro. Questa mutazione genetica si verifica all’interno del DNA nucleare.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 9

Sintomi neurologici della malattia di Leigh

I sintomi neurologici della malattia di Leigh comprendono solitamente una perdita evidente delle capacità motorie, come il controllo della testa, la suzione e la conversazione. Possono anche verificarsi contrazioni muscolari involontarie e problemi di movimento e di equilibrio. Anche l’indebolimento dei muscoli che muovono gli occhi e i movimenti rapidi e involontari degli occhi sono sintomi, così come la perdita di sensibilità degli arti.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 11

Sintomi non neurologici

I sintomi non neurologici della malattia di Leigh includono vomito, diarrea, difficoltà di deglutizione e convulsioni, oltre a un aumento dell’irritabilità e alla perdita di appetito. Nel corso del tempo, con il progredire della malattia, sistemi corporei come l’apparato respiratorio iniziano a spegnersi, con conseguenti difficoltà respiratorie. La patologia può anche compromettere la funzione cardiovascolare e renale. Sono sintomi anche particolari caratteristiche fisiche legate all’attività ormonale, come la bassa statura.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 13

Diagnosi

Se un medico sospetta la malattia di Leigh, somministrerà una batteria di test per valutare l’aumento del lattato e le alterazioni dei tessuti del sistema nervoso. Il medico esaminerà anche il cervello, di solito tramite risonanza magnetica per immagini (RM) o tomografia computerizzata (TC), per identificare la presenza di malattie del tronco cerebrale e altre caratteristiche associate, tra cui la presenza di cellule epiteliali in decomposizione, di solito sotto forma di lesioni, sul cervello. Nuove ricerche suggeriscono anche di effettuare test per la disfunzione mitocondriale.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 15

Trattamento della malattia di Leigh

Poiché non esiste una cura conosciuta, il trattamento della malattia di Leigh si concentra sull’attenuazione dei sintomi. I medici di solito prescrivono integratori di vitamina B1 e minerali e raccomandano una dieta specifica che può aiutare a risolvere i problemi metabolici derivanti dalla malattia. Gli esperimenti in corso stanno testando l’efficacia del dicloroacetato per trattare l’acidosi lattica, un sintomo comune della malattia di Leigh.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 17

Prognosi

Purtroppo, la maggior parte delle persone affette dalla malattia di Leigh ha un’aspettativa di vita breve e di solito non supera la metà dell’infanzia o l’adolescenza. Sono disponibili consulenze e gruppi di sostegno per coloro che convivono con la malattia di Leigh, in particolare per i caregiver, e i medici spesso raccomandano di cercare questa assistenza professionale.

Cosa c'è da sapere sulla malattia di Leigh 19