Che cos’è un embolia?

Home / Articoli / Che cos’è un embolia?

Che cos’è un embolo?

Un embolo è una massa non ancorata che viaggia attraverso i vasi sanguigni. Questa massa può essere costituita da una varietà di materiali diversi, anche se i coaguli di sangue sono i più comuni. Alla fine, l’embolo raggiunge un vaso sanguigno troppo stretto per essere attraversato e vi si deposita. Ciò impedisce al sangue di attraversarlo e impedisce alla zona di ricevere sangue ossigenato e di riossigenarsi. Questo blocco è un’embolia.

Emboli

Esistono diversi tipi di emboli, ciascuno con una causa unica e composto da materiali diversi:

  • Una tromboembolia è una porzione di coagulo di sangue che si stacca dalla sua sede originaria e viaggia attraverso i vasi sanguigni.
  • L’embolia grassa si verifica quando il tessuto adiposo fuoriesce dal flusso sanguigno. Questo fenomeno si verifica più spesso in seguito a fratture ossee.
  • L’embolia d’aria è solitamente il risultato di un problema polmonare in cui l’aria inalata fuoriesce nei vasi sanguigni.
  • L’embolia gassosa è un problema frequente per i subacquei di profondità, perché durante la risalita in superficie si formano piccole bolle nel sangue. Questa è la causa della malattia da decompressione.
  • Anche il pus o gli oggetti estranei, come i frammenti di proiettile, possono formare un embolo. Tuttavia, questo fenomeno è incredibilmente raro.

Che cos'è un embolia? 1

Embolia arteriosa

Le arterie sono i principali vasi sanguigni che trasportano il sangue dal cuore al resto del corpo. Ad eccezione delle arterie polmonari e ombelicali, le arterie trasportano sangue ossigenato. Per questo motivo, un’embolia arteriosa ha una serie di possibili effetti collaterali. Le tromboembolie sono la forma più comune di embolia arteriosa, anche se qualsiasi embolo può potenzialmente creare un’ostruzione. La diagnosi di un’embolia arteriosa prevede in genere qualsiasi esame che possa confermare la presenza dell’embolia, come un’ecografia, una risonanza magnetica o un elettrocardiogramma.

Che cos'è un embolia? 3

Sintomi di un’embolia arteriosa

A seconda delle dimensioni dell’embolo, i sintomi possono svilupparsi lentamente o rapidamente. Inoltre, i sintomi variano a seconda dell’arteria bloccata dall’embolo. I sintomi più comuni sono il dolore intorno all’area interessata e una temporanea riduzione della funzionalità degli organi. Alla fine, l’embolia può provocare un infarto. Si tratta della morte dei tessuti dovuta alla mancanza di sangue ossigenato. Gli infarti possono compromettere in modo permanente la funzionalità dell’area colpita, oltre a causare ulteriori problemi. Ad esempio, l’infarto del miocardio può causare dolore al petto, stordimento e vomito.

Che cos'è un embolia? 5

Cause di un’embolia arteriosa

Esistono diversi fattori di rischio per le embolie arteriose. Qualsiasi lesione della parete arteriosa aumenta la probabilità di formazione di un’embolia arteriosa. Anche le condizioni o le procedure che disturbano il flusso sanguigno sono pericolose. Una delle cause più comuni di embolia arteriosa è l’aterosclerosi. Si tratta di una malattia in cui la placca si accumula all’interno di un’arteria, restringendola gravemente. Per questo motivo, l’aterosclerosi e le embolie arteriose condividono fattori di rischio. Il fumo di sigaretta, l’ipertensione, l’obesità, lo stress, il diabete e uno stile di vita sedentario aumentano le probabilità di sviluppare sia l’aterosclerosi che l’embolia arteriosa.

Che cos'è un embolia? 7

Embolia venosa

Le vene sono vasi sanguigni che portano il sangue deossigenato al cuore. In genere sono meno muscolose delle arterie, ma più vicine alla superficie della pelle. Le arterie polmonari e ombelicali sono simili alle vene perché anch’esse portano il sangue deossigenato al cuore. Le vene si collegano infine a queste arterie. Qualsiasi embolia venosa in una vena sistemica finisce per entrare nell’arteria polmonare. Questo provoca un’embolia polmonare. La maggior parte delle embolie venose si verifica nelle vene femorali delle gambe.

Che cos'è un embolia? 9

Sintomi di un’embolia venosa

Un sintomo frequente di un’embolia venosa è il rossore intorno all’area di origine. Poiché l’arteria polmonare è l’arteria principale dei polmoni, i sintomi che ne derivano comportano tipicamente una carenza di ossigeno. La maggior parte dei sintomi è improvvisa e si sviluppa rapidamente. La mancanza di respiro e il dolore al petto durante la respirazione sono i sintomi più comuni. La persona può anche accusare una respirazione rapida e un’accelerazione del battito cardiaco. Alla fine, l’embolia può provocare lo svenimento della persona o, in casi estremi, la morte improvvisa. Uno dei principali segnali di allarme di un’embolia polmonare grave è una colorazione blu intorno alle labbra e alle dita.

Che cos'è un embolia? 11

Cause di embolia venosa

Circa il 90% delle embolie polmonari sono il risultato di una tromboembolia venosa proveniente da una vena profonda delle gambe, come la trombosi venosa profonda. Come per le embolie arteriose, esistono diversi fattori di rischio che aumentano la possibilità di sviluppare un’embolia venosa. Qualsiasi evento che provochi un’alterazione del flusso sanguigno, come l’immobilizzazione in seguito a un intervento chirurgico, una gravidanza o una lesione, è un fattore di rischio importante. Alcuni farmaci possono influenzare direttamente il sangue e favorire la coagulazione. Questi farmaci possono essere contraccettivi che contengono estrogeni o trattamenti antitumorali che migliorano la coagulazione.

Che cos'è un embolia? 13

Embolia paradossa

Talvolta chiamate embolie incrociate, le embolie paradossali si riferiscono a un embolo che il sangue trasporta dal lato venoso a quello arterioso o dal lato arterioso a quello venoso. Alcuni medici ritengono che le embolie paradosse siano difficili da diagnosticare. Molti pazienti con embolia paradossa presentano sintomi che riflettono un problema neurologico o suggeriscono un’embolia arteriosa. Le embolie paradosse condividono i fattori di rischio con le embolie venose e di solito iniziano nelle gambe. Tuttavia, invece di raggiungere i polmoni, l’embolo si dirige verso aree come il cervello o i reni.

Che cos'è un embolia? 15

Sintomi di un’embolia paradossa

I sintomi delle embolie paradosse dipendono in ultima analisi dalla localizzazione finale dell’embolo. In alcuni casi, le embolie paradosse imitano le embolie venose e arteriose. Se l’embolia colpisce il cervello, può provocare deficit neurologici o cecità. Le embolie che bloccano il flusso sanguigno alle estremità possono causare una cancrena che richiede l’amputazione. Le embolie paradosse particolarmente grandi o di lunga durata possono causare danni irreparabili agli organi. Ad esempio, le embolie paradosse causano spesso un infarto renale nei reni. Questo può portare all’insufficienza renale o all’insufficienza renale completa.

Che cos'è un embolia? 17

Trattamento

I medici trattano le embolie in modo diverso a seconda della gravità e del materiale dell’embolo. Gli anticoagulanti possono rompere i coaguli minori e permettere al sangue di scorrere liberamente. Possono rivelarsi efficaci anche agenti anticoagulanti meno potenti. Le embolie da corpo estraneo possono richiedere un intervento chirurgico per rimuovere l’embolo. In alcuni casi, una fascia o una calza compressiva può essere in grado di aumentare la pressione sanguigna nell’arto interessato. In alcuni casi, il chirurgo può inserire un filtro venoso per impedire agli emboli di entrare nei polmoni. Se questa operazione si rivela inutile a lungo termine, il chirurgo può rimuovere il filtro in un secondo momento.

Che cos'è un embolia? 19