10 Sintomi della rosolia

Home / Articoli / 10 Sintomi della rosolia

10 sintomi della rosolia

La rosolia è un tipo di infezione virale che colpisce soprattutto i bambini piccoli. È caratterizzata da una rapida insorgenza, il che significa che i sintomi si sviluppano molto rapidamente. La maggior parte dei pazienti ha un’età compresa tra i 6 e i 24 mesi, anche se i bambini più grandi e persino gli adolescenti possono essere infettati. Le cause della roseola sono diverse, ma nella maggior parte dei casi il virus herpesvirus 6 è il responsabile. È difficile determinare le modalità di diffusione della rosolia, ma si ritiene che possa diffondersi da persona a persona. Scoprite i 10 principali sintomi della rosolia.

Febbre alta

L’indicazione principale della roseola è la febbre, di solito una febbre alta che si sviluppa rapidamente. Questo tipo di febbre viene spesso definito febbre improvvisa. I pazienti affetti da roseola hanno spesso febbre fino a 100.4F o più. In caso di febbre molto alta, è necessario rivolgersi immediatamente a un medico. La febbre è la risposta dell’organismo alla presenza di un’infezione o di un batterio invasore. Oltre alla febbre, il bambino potrebbe accusare mal di gola o tosse. Per curare la febbre è necessario garantire un riposo prolungato e un’assunzione sufficiente di liquidi.

10 Sintomi della rosolia 1

Ghiandole gonfie

A seconda del tipo di infezione e dell’età del paziente, l’entità dei sintomi riscontrati può variare. Nella maggior parte dei casi, tuttavia, si possono osservare ghiandole e linfonodi gonfi. L’ingrossamento dei linfonodi indica che l’organismo sta affrontando un’infezione o una malattia. Si trovano soprattutto nel collo, nelle ascelle, nell’inguine e dietro l’orecchio. È possibile verificare la presenza di linfonodi ingrossati massaggiando delicatamente la zona con le dita. Per essere certi che la malattia sia effettivamente la roseola, è necessario osservare un’eruzione cutanea che si sviluppa dopo la febbre, oltre a stanchezza e irritabilità.

10 Sintomi della rosolia 3

Irritabilità

L’irritabilità è uno dei principali segni e indicazioni della rosolia ed è particolarmente indicativa della condizione se compare nei bambini piccoli. I bambini colpiti da rosolia appaiono spesso irritabili e nervosi e possono non comportarsi come al solito. Ciò è dovuto ai sintomi che stanno affrontando, che possono influenzare il loro corpo in modi diversi. Il risultato è un bambino che potrebbe non rispondere bene ai comandi verbali ed è più probabile che si agiti. Per aiutare il paziente a sentirsi meglio, è necessario intervenire sui sintomi per migliorare il comfort.

10 Sintomi della rosolia 5

Naso che cola

La rosolia può provocare la comparsa di un’ampia gamma di sintomi che imitano il comune raffreddore o l’influenza. Uno di questi sintomi è il naso che cola, che può manifestarsi in concomitanza con la tosse. Il naso che cola è causato dal tentativo dell’organismo di eliminare i batteri che potrebbero nascondersi nelle narici o nella cavità nasale. Per trattare il naso che cola, assicuratevi che il bambino assuma molta acqua per mantenere la produzione di muco continua e regolare. Inoltre, si possono provare alcuni farmaci da banco per alleviare i sintomi. Se si manifesta anche una febbre alta, contattare il medico.

10 Sintomi della rosolia 7

Diarrea lieve

In alcuni casi, ma non in tutti, la roseola può causare la comparsa di una lieve diarrea per un breve periodo. Sebbene questo sintomo non sia pericoloso o preoccupante, può causare disagio al paziente. Inoltre, la diarrea può rendere difficile l’assunzione di cibi e liquidi, quindi è importante trattarla con attenzione. Per rimediare alla diarrea, si consiglia di bere inizialmente piccoli sorsi d’acqua per garantire l’idratazione e la corretta guarigione dello stomaco. In seguito, si possono aggiungere lentamente solidi insipidi, tra cui cracker e pane bianco.

10 Sintomi della rosolia 9

Arrossamento

Uno dei sintomi più riconoscibili della roseola è l’eruzione cutanea, che di solito si sviluppa dopo la febbre. Nella maggior parte dei casi, l’eruzione cutanea compare dopo che la febbre si è attenuata o è scesa. Per riconoscere un’eruzione cutanea causata dalla roseola, è necessario osservare la presenza di chiazze di piccole macchie rosso-rosa che compaiono sul petto, sullo stomaco e sulla schiena. In alcuni casi, possono essere presenti anche sul viso e sul collo o sulle braccia. Ciò che distingue le eruzioni da roseola dalle altre è che di solito non prudono e non sono dolorose. In ogni caso, è importante consultare il medico se si nota qualcosa di insolito.

10 Sintomi della rosolia 11

Palpebre gonfie

Uno dei sintomi più insoliti che si possono osservare in un bambino infetto è il gonfiore delle palpebre. La maggior parte delle persone non manifesta questo sintomo, ma chi lo manifesta ha spesso l’aspetto di una persona che si è appena svegliata dopo una lunga notte di sonno. Le palpebre gonfie sono solitamente accompagnate da altri sintomi, come febbre o eruzioni cutanee. È bene ricordare che le palpebre gonfie possono essere causate da un gran numero di condizioni, quindi è importante prestare attenzione anche ad altri sintomi. Può essere utile applicare un impacco caldo sugli occhi.

10 Sintomi della rosolia 13

Diminuzione dell’appetito

Potreste notare che il vostro bambino consuma meno cibo durante l’inizio dell’infezione. Si tratta di una risposta comune da parte dell’organismo per combattere l’infezione. La sovralimentazione può essere dispendiosa dal punto di vista energetico, quindi l’organismo mangia il meno possibile. Tuttavia, è importante ricordare di fornire all’organismo una quantità sufficiente di sostanze nutritive, quindi non dimenticate di seguire un programma alimentare rigoroso. Nella maggior parte dei casi, i bambini guariscono nel giro di una settimana e, in generale, non c’è bisogno di ulteriori cure mediche. Tuttavia, se si nota un peggioramento dei sintomi o una febbre alta, è bene contattare il medico.

10 Sintomi della rosolia 15

Stanchezza

La stanchezza è un altro sintomo che compare in caso di malattie e infezioni dell’organismo, perché il nostro corpo è impegnato a combattere i batteri invasori e quindi consuma quantità di energia superiori al normale. Inoltre, i bambini più piccoli non hanno un corpo molto sviluppato e potrebbero non avere gli stessi livelli di energia degli adulti. Ecco perché la stanchezza può essere particolarmente preoccupante per loro. Nella maggior parte dei casi, il riposo è il rimedio migliore, soprattutto se accompagnato da altri trattamenti prescritti. È importante permettere al corpo di guarire dall’infezione, anche se il bambino potrebbe voler uscire a giocare.

10 Sintomi della rosolia 17

Tosse

Il bambino potrebbe sviluppare una tosse durante la malattia. La tosse è di solito uno dei sintomi più rari della roseola e può verificarsi anche nei bambini di età inferiore ai sei mesi. Fortunatamente, i neonati non sono a rischio di sviluppare la rosolia, perché hanno molti anticorpi forniti dalla madre che li proteggono dalle infezioni. Tuttavia, con l’avanzare dell’età, il sistema immunitario del bambino si indebolisce e il rischio di infezione aumenta. Se notate che il vostro bambino tossisce, verificate che riesca a respirare bene; se i sintomi peggiorano, contattate il medico.

10 Sintomi della rosolia 19