10 miti sul colesterolo sfatati

Home / Articoli / 10 miti sul colesterolo sfatati

10 miti sul colesterolo sfatati

Quando si sente la parola “colesterolo”, sembra che si pensi automaticamente a qualcosa di negativo. Tuttavia, il colesterolo è una sostanza già presente in ogni cellula del nostro corpo. Il colesterolo non entra nel corpo solo attraverso gli alimenti che mangiamo, ma il 75% del colesterolo dell’organismo viene prodotto nel fegato. Anche se il nostro corpo ha bisogno di colesterolo, dobbiamo comunque cercare di mantenere un equilibrio tra il colesterolo “buono” e quello “cattivo”. Esploriamo alcuni dei miti che spesso vengono raccontati sul colesterolo per capire meglio perché e come il nostro corpo reagisce ad esso.

Mito 1. Tutto il colesterolo è “cattivo”

Molte persone partono dal presupposto che qualsiasi tipo di colesterolo sia dannoso per l’organismo e possa portare a problemi gravi come malattie cardiache, pressione alta e diabete. In realtà esistono due tipi diversi di colesterolo. La lipoproteina ad alta densità è un tipo di colesterolo “buono” e può essere utilizzato per la digestione, per creare vitamina D, estrogeni e testosterone. Raccoglie anche il colesterolo “cattivo” da depositare nel fegato. La lipoproteina a bassa densità è il tipo di colesterolo “cattivo” che è il vero colpevole e la causa di tutte le reazioni negative a tutte le forme di colesterolo, che spesso portano ad arterie strette e indurite.

10 miti sul colesterolo sfatati 1

Mito 2. Dovremmo smettere di mangiare uova

Molte persone sembrano associare il consumo di uova al fatto che un individuo abbia il colesterolo alto. È un dato di fatto che le uova contengono fino a 200 mg di colesterolo alimentare, ovvero più della metà di quello che l’American Heart Association suggerisce di ingerire in un solo giorno. Tuttavia, quando l’assunzione di colesterolo attraverso gli alimenti aumenta, l’organismo inizia automaticamente ad adattarsi creando meno colesterolo. Pertanto, un uovo o due volte alla settimana non causano alcun danno all’organismo, soprattutto perché sono un’ottima fonte di proteine.

10 miti sul colesterolo sfatati 3

Mito 3. I bambini non hanno mai il colesterolo alto

Molte persone danno per scontato che il colesterolo alto colpisca solo gli adulti, in particolare quelli di mezza età o più anziani. Tuttavia, anche i bambini possono avere il colesterolo alto. Infatti, se un bambino è ossessionato, ha la pressione alta o una storia familiare di colesterolo alto, i medici di solito iniziano a testare il colesterolo alto già all’età di due anni. Se un bambino ha il colesterolo alto, viene sottoposto a una dieta a basso contenuto di grassi saturi e viene incoraggiato a iniziare un regolare regime di esercizio fisico. È molto importante che le arterie non inizino a indurirsi e a restringersi in età così precoce.

10 miti sul colesterolo sfatati 5

Mito 4. Gli alimenti con 0 mg di colesterolo sono salutari

Spesso le persone che cercano di mangiare cibi più sani non sanno esattamente a cosa fare attenzione sulle etichette degli alimenti. Pensare che solo perché un alimento non contiene colesterolo sia un’opzione sana può essere molto fuorviante. Alti livelli di grassi, in particolare grassi saturi e grassi trans, sono sicuramente fattori importanti nel contribuire alla formazione di lipoproteine a bassa densità, che possono facilmente portare all’aterosclerosi, ovvero all’indurimento e al restringimento delle arterie a causa dell’accumulo di placca lungo le loro pareti. Quando fate la spesa, prestate particolare attenzione alle etichette degli alimenti confezionati e dei prodotti animali e caseari.

10 miti sul colesterolo sfatati 7

Mito 5. L’unico modo per abbassare il colesterolo è con i farmaci

A molte persone è stato detto che l’unico modo veramente efficace per ridurre il colesterolo è l’assunzione di un farmaco prescritto per il colesterolo alto. Tuttavia, tutti noi abbiamo visto la pubblicità dei Cheerios, quindi sappiamo anche che una dieta sana per il cuore può aiutare a ridurre il colesterolo. Anche se alcuni pazienti vengono sottoposti a terapia farmacologica per arrestare l’accumulo di placca nelle arterie, ciò non significa che la dieta e l’esercizio fisico non siano più necessari per mantenere bassi i livelli di colesterolo “cattivo”. Spesso è necessaria una serie di metodi per garantire che il nostro corpo rimanga in salute, non solo prendendo una pillola al mattino.

10 miti sul colesterolo sfatati 9

Mito 6. Il fumo non ha nulla a che fare con il colesterolo alto

Il fumo in realtà abbassa i livelli di lipoproteine ad alta densità (colesterolo “buono”) presenti nel corpo umano. Le HDL aiutano a rimuovere parte delle lipoproteine a bassa densità (colesterolo “cattivo”) depositandole nel fegato, per cui meno HDL ci sono, più LDL rimangono nell’organismo. Inoltre, il fumo si aggiunge alla placca che si sta già formando nelle arterie a causa del colesterolo alto, quindi il fumo non fa che aumentare la velocità di formazione della placca. Poiché il fumo è già uno dei principali responsabili delle malattie cardiache, l’abbinamento con il colesterolo alto può produrre risultati molto pericolosi.

10 miti sul colesterolo sfatati 11

Mito 7. L’alta pressione sanguigna non è causata dal colesterolo alto

Molte persone non vedono immediatamente il legame tra le cause dell’ipertensione e il colesterolo alto. Tuttavia, è un dato di fatto che il colesterolo alto può essere un fattore che contribuisce a far sì che un paziente soffra degli effetti della pressione alta, nota anche come ipertensione. Il colesterolo alto provoca l’indurimento e il restringimento delle arterie, a causa dell’accumulo di placca provocato dal colesterolo. Quando ciò si verifica, il cuore deve lavorare ancora più duramente del normale per pompare il sangue attraverso queste arterie un po’ ristrette, e questo sforzo supplementare provoca un aumento della pressione del sangue.

10 miti sul colesterolo sfatati 13

Mito 8. Il diabete non è un fattore che influisce sul colesterolo alto

Tutti sanno che chi soffre di diabete deve tenere costantemente sotto controllo i livelli di zucchero nel sangue. Tuttavia, anche quando i livelli di zucchero nel sangue sono considerati “normali” per una persona diabetica, un evento chiamato dislipidemia diabetica può aumentare le lipoproteine a bassa densità, abbassando al contempo i livelli delle proteine a più alta densità. Inoltre, chi soffre di diabete ha sempre un rischio molto maggiore di avere una qualche forma di malattia cardiaca, che è anche legata al colesterolo alto. L’accumulo di placche nelle arterie, unito a un fattore di rischio elevato associato al diabete, può spesso portare a esiti gravi.

10 miti sul colesterolo sfatati 15

Mito 9. Eliminare tutti i grassi ridurrà il colesterolo

Sembra che le parole “colesterolo” e “grassi” siano quasi sempre collegate tra loro e quando i pazienti scoprono che il loro colesterolo è alto, la prima cosa che cercano di fare è eliminare la maggior parte dei grassi dalla loro dieta. Tuttavia, dobbiamo tenere presente che il nostro corpo ha bisogno di alcuni tipi di grassi e che alcuni di essi ci fanno addirittura bene! Sebbene i grassi artificiali provenienti da alimenti lavorati e confezionati vadano sempre evitati quando possibile, è bene tenere presente che i grassi naturali e crudi sono un elemento che il nostro corpo desidera. Alcuni grassi sani sono l’avocado, le noci, l’olio d’oliva, l’olio di cocco, il pesce selvatico e le carni selvatiche.

10 miti sul colesterolo sfatati 17

Mito 10. La maggior parte degli americani ha il colesterolo alto

Quando cerchiamo di fornire una scusa per le nostre condizioni, di solito ne va bene una qualsiasi che abbia una certa validità. Tuttavia, l’idea errata che la maggior parte degli americani abbia il colesterolo alto si basa su una solida mitologia. Secondo alcuni studi recenti, sembra che gli uomini americani siano all’83° posto nel mondo per il colesterolo alto e le donne americane all’81°. I livelli medi si aggirano intorno ai 197, al di sotto della categoria Borderline High Risk. In Colombia, il livello tipico di colesterolo negli uomini è di 244, quindi gli americani non sembrano andare così male in questo settore, dopo tutto.

10 miti sul colesterolo sfatati 19