10 cose da sapere sulla milza ingrossata

Home / Articoli / 10 cose da sapere sulla milza ingrossata

10 cose da sapere sulla milza ingrossata

La milza svolge molte funzioni nell’organismo. L’organo, che si trova sotto la costola sinistra, fa parte del sistema linfatico. Non solo filtra il sangue, ma aiuta anche a combattere gli agenti patogeni. È interessante notare che è possibile vivere senza milza, anche se questo rende gli individui più suscettibili alle infezioni. La milza può essere colpita da molte condizioni; non è raro che varie malattie causino un ingrossamento della milza.

Cosa fa la milza?

La milza, un organo soffice e compatto, svolge diversi ruoli critici. Oltre a riciclare i vecchi globuli rossi, funge da deposito per le piastrine e i globuli bianchi, il primo dei quali è essenziale per la coagulazione del sangue. Come parte del sistema immunitario, produce anche globuli bianchi e anticorpi, che aiutano a prevenire le infezioni.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 1

Che cos’è la milza ingrossata?

In un individuo sano, la milza ha di solito le dimensioni di un pugno. Per varie cause, tuttavia, l’organo può ingrossarsi; quando ciò accade, le conseguenze possono essere molteplici. Per esempio, la milza può non riuscire a filtrare correttamente il sangue. A volte, può crescere così tanto da superare il suo apporto di sangue. Piuttosto che essere una malattia in sé, la milza ingrossata è spesso un segno di un problema di salute sottostante. Se non trattata, la situazione può portare a complicazioni, alcune delle quali possono essere pericolose per la vita.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 3

Fattori di rischio per la milza ingrossata

L’ingrossamento della milza è generalmente più frequente nei soggetti affetti da infezioni gravi, come la mononucleosi. Anche i soggetti affetti da malattie epatiche hanno un rischio maggiore di sviluppare questa condizione. Altri fattori di rischio sono la malattia di Gaucher e la malattia di Niemann-Pick, due patologie metaboliche. Anche le persone che vivono in aree in cui la malaria è dilagante sono più suscettibili.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 5

Sintomi della milza ingrossata

In molti casi, la milza ingrossata non provoca alcun sintomo evidente. Per questo motivo, spesso non viene rilevata fino a un esame fisico di routine. In alcuni individui, tuttavia, la milza ingrossata può provocare sintomi come dolore all’addome superiore sinistro, singhiozzo, sensazione di pienezza dopo aver mangiato un pasto piccolo, affaticamento e anemia. Possono anche insorgere infezioni frequenti.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 7

Quali sono le cause della milza ingrossata?

Numerose infezioni virali, batteriche e parassitarie possono causare l’ingrossamento della milza; alcune delle più comuni sono la mononucleosi, l’endocardite, la sifilide e la malaria. Anche le malattie del fegato, come la cirrosi, possono causare l’ingrossamento della milza, in quanto aumentano la pressione nella vena che alimenta il sangue dell’organo. Altre cause sono i tumori, come il linfoma, la leucemia e il linfoma di Hodgkin. In alcuni casi può essere responsabile anche l’anemia emolitica, una condizione in cui l’organismo distrugge i globuli rossi più velocemente di quanto li produca.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 9

Quando rivolgersi al medico

Anche se la milza ingrossata non è sempre evidente, alcuni sintomi e segni dovrebbero giustificare un appuntamento con il medico. Per esempio, una persona dovrebbe rivolgersi al medico se avverte dolore nella parte superiore dell’addome sinistro, soprattutto se peggiora durante la respirazione. Una diagnosi tempestiva svolge un ruolo importante nel trattamento del problema di salute sottostante.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 11

Diagnosi della milza ingrossata

In genere la milza non è palpabile nei soggetti sani. Quando si ingrossa, tuttavia, il medico può rilevarla durante un esame fisico. Per confermare la diagnosi, può scegliere di eseguire una risonanza magnetica o una TAC, quest’ultima per determinare se l’organo preme o meno su altri organi. Anche gli esami del sangue possono fornire indizi sulla causa dell’ingrossamento. Raramente i medici eseguono biopsie della milza, poiché la procedura comporta spesso un’emorragia incontrollabile.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 13

Trattamento della milza ingrossata

Il trattamento dipende dal disturbo di base. Per esempio, gli antibiotici possono trattare gli ingrossamenti causati da infezioni batteriche. Nei casi cronici o gravi, tuttavia, può essere necessaria l’asportazione chirurgica della milza, nota anche come splenectomia. Sebbene sia possibile vivere senza milza, questo aumenta notevolmente il rischio di infezioni.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 15

Prevenzione delle infezioni dopo una splenectomia

Esistono alcuni modi per prevenire le infezioni dopo una splenectomia. Per cominciare, il medico prescriverà probabilmente degli antibiotici. Da qui è importante tenersi aggiornati con le vaccinazioni, che sono uno dei modi più efficaci per prevenire le malattie, soprattutto in chi ha un’immunità ridotta. I soggetti dovrebbero anche evitare di viaggiare in aree in cui malattie come la malaria sono dilaganti.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 17

Possibili complicazioni

Con il tempo, la splenomegalia può ridurre il numero di cellule ematiche sane nell’organismo, con conseguenti infezioni frequenti. Non solo, ma una milza ingrossata ha maggiori probabilità di rompersi. Potenzialmente pericolosa per la vita, la rottura si verifica quando il rivestimento dell’organo si apre. A seconda delle dimensioni della rottura, può provocare una forte emorragia interna nella cavità addominale.

10 cose da sapere sulla milza ingrossata 19