Tutto sul cordone ombelicale

Home / Articoli / Tutto sul cordone ombelicale

Tutto sul cordone ombelicale

Durante la gravidanza, il cordone ombelicale è l’ancora di salvezza tra la madre e il bambino. Collega il bambino alla placenta e gli fornisce l’ossigeno e il nutrimento di cui ha bisogno nei primi nove mesi.

Anatomia del cordone ombelicale

Quando il cordone ombelicale si forma per la prima volta, è composto da due arterie e due vene . Nella maggior parte dei casi, una delle vene si atrofizza e forma un cordone a tre vasi. Rimane una vena che trasporta il sangue ossigenato dalla placenta al feto e due arterie che riportano il sangue dal feto alla placenta.

Tutto sul cordone ombelicale 1

Mobilità

Il cordone ombelicale non solo funge da collegamento vitale per l’ossigeno e le sostanze nutritive, ma è anche strutturato in modo da consentire al feto di muoversi nell’utero. È meccanicamente forte ma sufficientemente flessibile da promuove lo sviluppo neuromotorio . Il cordone ombelicale inizia a formarsi intorno alla quarta settimana di gravidanza e cresce fino a circa 22 pollici [https] nei mesi successivi.

Tutto sul cordone ombelicale 3

Strati

La stabilità e la flessibilità del cordone ombelicale sono un risultato diretto della strati che lo formano . Il tessuto connettivo nello strato esterno, chiamato gelatina di Wharton, è in gran parte responsabile della protezione del cordone contro la trazione e la compressione. Le fibre di collagene, inoltre, circondano il cordone per evitare ostruzioni, piegature e rotture.

Tutto sul cordone ombelicale 5

Durante il travaglio

Molte donne si preoccupano di ciò che accade al cordone ombelicale durante il travaglio e il parto. Nella maggior parte dei casi non ci sono problemi, anche se possono verificarsi alcune complicazioni. Il prolasso del cordone ombelicale si verifica quando il cordone ombelicale entra il canale del parto prima del bambino. Si verifica solo in un caso su 300 nascite. Un’altra possibile complicazione è il cordone nucale, quando il cordone è avvolto intorno al collo del bambino. Di solito viene rilevato da un’ecografia. Sebbene possa causare un rallentamento della frequenza cardiaca del bambino durante il parto, nella maggior parte dei casi il medico può facilmente rimuoverlo dal collo del bambino.

Tutto sul cordone ombelicale 7

Chiusura ritardata del cordone ombelicale

Alcune madri, ostetriche e fornitori scelgono di utilizzare clampaggio ritardato del cordone ombelicale . Invece di clampare il cordone appena il bambino viene partorito, il clampaggio ritardato del cordone prevede un’attesa di almeno 30-60 secondi per consentire al sangue della placenta di continuare a fluire nel bambino per un periodo di tempo prolungato.

Tutto sul cordone ombelicale 9

Vantaggi del clampaggio tardivo del cordone ombelicale

Gli studi hanno confermato la vantaggi del clampaggio tardivo del cordone ombelicale sia nei neonati a termine che in quelli prematuri. Tra questi, l’aumento dei livelli di emoglobina, il miglioramento della circolazione e del volume sanguigno e la diminuzione della necessità di trasfusioni di sangue. Tuttavia, questa pratica aumenta il rischio di ittero. Gli studi non mostrano inoltre un aumento del rischio di emorragia per la madre.

Tutto sul cordone ombelicale 11

Taglio del cordone

Dopo il parto e il clampaggio ritardato del cordone, se la madre lo preferisce, il bambino non è più necessario il cordone ombelicale . Un medico clampa il cordone per interrompere il flusso di sangue tra il bambino e la placenta, quindi lo taglia, lasciando un breve moncone. Nel corso della settimana successiva, il moncone diventa giallo o verde, marrone o nero quando si secca e alla fine cade.

Tutto sul cordone ombelicale 13

Fa male?

Nel cordone ombelicale non ci sono nervi, quindi il taglio non fa male al bambino . La procedura è semplice. Vengono posizionate due pinze sul cordone, una a circa 5 cm dall’ombelico del bambino e la seconda a circa 5 cm dalla prima. Il cordone viene quindi tagliato tra le due pinze. Di solito è il medico o l’ostetrica a tagliare il cordone, ma in alcuni casi è la madre, il partner o una persona di supporto a farlo.

Tutto sul cordone ombelicale 15

Cura del moncone

Sebbene il moncone del cordone ombelicale si secchi e cada da solo, ci sono delle misure che i neogenitori devono adottare per evitare complicazioni alcuni accorgimenti di base i neo-genitori devono fare per evitare complicazioni. La cosa principale è mantenere il moncone asciutto. Esponetelo all’aria e tenete il pannolino del bambino ripiegato sul davanti, in modo che non sfreghi o irriti il moncone. Il bambino dovrebbe ricevere solo spugnature fino alla caduta del moncone per aiutarlo ad asciugarsi più velocemente. Sebbene fosse una pratica comune, non è necessario pulire il moncone con l’alcol. I genitori dovrebbero anche evitare di tirare il moncone e lasciare che cada da solo. Un po’ di sangue durante la guarigione è normale. Considerate il moncone del cordone ombelicale come una crosta: potrebbe sanguinare un po’ quando si stacca.

Tutto sul cordone ombelicale 17

Segni di infezione

Alcune cose possono indicano un problema con il moncone del cordone ombelicale; la pelle rossa e gonfia, il pus o una protuberanza rosa vicino all’area possono indicare un’infezione. Se un genitore nota questi segni, deve contattare subito il pediatra per evitare che l’infezione si diffonda. I genitori devono parlare con il medico anche se il cordone non si è staccato dopo tre settimane, perché questo può indicare un’infezione o un disturbo immunitario.

Tutto sul cordone ombelicale 19