Storia e cause del mal di sonno africano

Home / Articoli / Storia e cause del mal di sonno africano

Storia e cause della malattia del sonno africana

In oltre 35 Paesi africani, quasi 3.000 persone vengono infettate ogni anno dalla tripanosomiasi africana umana o malattia del sonno africana. La malattia, che esiste da generazioni, è anche responsabile della morte del bestiame e quindi dei mezzi di sostentamento, portando alla povertà in alcune regioni. La malattia del sonno africana è una sfida per i medici perché è facile sbagliare la diagnosi; nella fase avanzata, il trattamento richiede una precisione unica.

Storia della Nagana del bestiame

Nell’Antico Egitto, i veterinari identificarono una misteriosa malattia che stava uccidendo il bestiame. Alla fine abbatterono gli animali infetti, ma nei secoli successivi la nagana del bestiame è stata causa di difficoltà per molte persone che allevano bestiame per lavoro. La malattia rimase un mistero mortale fino al 1895, quando il microbiologo scozzese David Bruce isolò la causa esatta della nagana del bestiame: il Trypanosoma brucei.

Storia e cause del mal di sonno africano 1

Tripanosomiasi africana umana

I tripanosomi sono protozoi parassiti noti come patogeni dei mammiferi. La malattia del sonno africana è causata da almeno due specie di questo protozoo, entrambe derivate dall’originale T. brucei. La T. b. gambiense , o tripanosomiasi dell’Africa occidentale, è stata la prima forma umana della malattia, trovata nel 1902 nel liquido spinale di un capitano di battello a vapore in Gambia. La seconda specie umana, la T. b. rhodesiense, tripanosomiasi dell’Africa orientale, fu scoperta nel 1910.

Storia e cause del mal di sonno africano 3

Mosca tse-tse

La causa principale della malattia è il morso della mosca tse-tse, un insetto rurale africano che succhia il sangue. L’insetto trasmette il parassita sia attraverso la sua saliva sia attraverso il processo di scambio di sangue, proprio come una zanzara. Una caratteristica che rende questo parassita facilmente identificabile è che ripiega le ali, una sopra l’altra, quando si riposa. Un’altra caratteristica unica è la sua pronunciata proboscide, un organo allungato simile a un ago che utilizza per prelevare il sangue.

Storia e cause del mal di sonno africano 5

Altri modi di trasmissione

Oltre allo scambio di saliva e sangue, la malattia può essere trasmessa in altri modi poco comuni. Ci sono stati casi di professionisti di laboratorio medico che si sono accidentalmente punti con aghi contaminati e alcuni casi di trasmissione sessuale. Gli esperti ipotizzano che anche altri insetti succhiatori di sangue trasmettano il parassita, ma gli scienziati non hanno ancora identificato un caso del genere.

Storia e cause del mal di sonno africano 7

Malattia del sonno africana: Stadio 1

La malattia del sonno africana si manifesta in due fasi. Durante la prima fase, il parassita si moltiplica nel sangue e nei linfonodi, che possono diventare gonfi. Altri sintomi includono mal di testa, febbre e dolori articolari, ma sono talmente generalizzati da non essere immediatamente associati alla malattia e possono passare inosservati finché la situazione non peggiora.

Storia e cause del mal di sonno africano 9

Stadio 2

Il secondo stadio della malattia del sonno africana si verifica quando il parassita attraversa la barriera emato-encefalica. Una volta nel liquido cerebrospinale, provoca un’infiammazione nelle meningi, gli strati di tessuto che proteggono il midollo spinale, e nel cervello. I disturbi del sonno sono un sintomo primario, da cui il nome, insieme a cambiamenti comportamentali e scarsa coordinazione. La progressione dal primo al secondo stadio varia, ma la media per i soggetti affetti dalla specie rhodesiense è tra le tre e le otto settimane, mentre i soggetti affetti dalla gambiense non manifesteranno i sintomi del secondo stadio prima di uno o un anno e mezzo.

Storia e cause del mal di sonno africano 11

Diagnosi

Esistono tre modi per diagnosticare la malattia del sonno africana. Oltre a verificare la presenza di linfonodi ingrossati, i medici ordinano un semplice esame del sangue. Purtroppo, questo esame è in grado di individuare in modo definitivo solo il tipo di parassita dell’Africa occidentale. Ulteriori esami di altri fluidi corporei, come il liquido spinale e il midollo osseo, forniscono una diagnosi più conclusiva e aiutano nella stadiazione.

Storia e cause del mal di sonno africano 13

Relazione con la tripanosomiasi americana

IlTrypanosoma cruzi è un parassita che causa la tripanosomiasi americana, formalmente nota come malattia di Chagas, diffusa principalmente negli Stati Uniti e in America centrale e meridionale. Appartiene allo stesso genere della tirpanosomiasi africana umana, ma non è altrettanto infettiva. A differenza del T. brucei, che può entrare nel corpo attraverso la pelle intatta tramite la puntura della mosca tse-tse, il T. cruzi viene trasmesso attraverso le feci dell’insetto baciatore, specie Reduviidae , quando defeca su o vicino a un taglio o a una puntura.

Storia e cause del mal di sonno africano 15

Trattamento

Il morbo del sonno africano è una malattia complessa e la tossicità e la somministrazione dei farmaci per il trattamento aumentano le difficoltà. Sono circa cinque i farmaci confermati per il trattamento dell’infezione. Due farmaci possono essere somministrati solo durante il primo stadio. Un antibiotico a base di nitrofurano in combinazione con una crema a base di cloridrato è efficace durante il secondo stadio, ma solo per il gambiense. Infine, un farmaco a base di arsenico trivalente, considerato l’ultima risorsa, funziona solo durante lo stadio avanzato della malattia. Nonostante questa complessità, in media il 95% delle persone diagnosticate guarisce, anche se questo numero varia a seconda dei tempi e dei farmaci utilizzati.

Storia e cause del mal di sonno africano 17

La prevenzione

Poiché non esiste ancora un vaccino, la prevenzione è il modo migliore per gli abitanti e i viaggiatori di affrontare la tripanosomiasi africana umana. Le persone sono avvertite di evitare i cespugli durante il giorno, poiché disturbare la mosca la spinge a mordere. Evitate di indossare abiti dai colori vivaci, che attraggono le mosche, e usate repellenti che contengono olio di limone ed eucalipto o altri ingredienti attivi per proteggere la pelle. Vestitevi con indumenti trattati con il repellente per una maggiore copertura.

Storia e cause del mal di sonno africano 19