Storia delle erbe curative e dei loro usi

Home / Articoli / Storia delle erbe curative e dei loro usi

Storia delle erbe curative e dei loro usi

L’erboristeria è l’uso delle piante a scopo curativo. Per migliaia di anni, le culture hanno cercato di curare le malattie guardando alle erbe come risposta. L’uomo ha iniziato a usare le erbe a scopo medicinale già nel Paleolitico, 60.000 anni fa. Nel corso degli anni, le persone hanno studiato le piante e le erbe più da vicino e hanno iniziato a registrare gli effetti delle erbe curative in diari chiamati erbari. Questo lega la storia dell’erboristeria agli inizi della medicina moderna. Molti farmaci moderni fanno uso di composti di origine vegetale.

Esempi di erboristeria

A causa delle migliaia di società con lingue diverse che hanno utilizzato l’erboristeria nel corso dei millenni, è difficile elencare ogni singola erba e i suoi effetti. Tuttavia, ancora oggi, l’erboristeria rimane popolare in tutto il mondo. I tè contenenti camomilla trattano l’insonnia e l’ansia, nonché i problemi gastrointestinali. Il basilico santo ha proprietà antimicrobiche e serve a combattere le infezioni. Il crescione è un ingrediente popolare per le insalate che può prevenire il cancro e contiene una grande quantità di vitamina K. Tuttavia, la scienza moderna mette in dubbio molti dei benefici delle erbe.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 1

L’antico erborismo

Le prime testimonianze scritte sull’erboristeria risalgono all’antica Sumeria che, insieme all’Antico Egitto e alla Valle dell’Indo, fu una delle prime grandi civiltà. Una lastra di argilla elencava 12 ricette per vari farmaci che utilizzavano circa 250 piante tra loro. Sulla tavoletta compaiono erbe come il papavero, il giusquiamo e la mandragola. Anche altre culture avevano erbari che elencavano le piante, i loro usi e le possibili combinazioni. L’antico Egitto, l’India e la Cina hanno diari dettagliati e traducibili che forniscono una visione moderna dell’erboristeria culturale.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 3

L’Egitto

Purtroppo non esiste una traduzione perfetta dei geroglifici egizi. I traduttori continuano a cercare di decifrare la lingua egizia e di convertirla in idee moderne. Questo ha portato a dibattiti nel corso della storia sull’esatto significato delle erbe egizie. Il Papiro di Ebers è uno degli unici testi rimasti che contiene usi medicinali delle erbe. In esso si parla di trattamenti per problemi come le “malattie degli arti” e si fa riferimento a erbe come l’aglio, il salice e il ricino. Gli Egizi usavano l’aglio come antibiotico, il salice per alleviare il dolore e l’olio di ricino per qualsiasi cosa, dal lassativo allo schiarente per gli occhi.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 5

India

I libri sacri dell’antica India, i Veda, contenevano molti degli usi delle erbe nella cultura indiana. Alcune di queste erbe sono oggi ingredienti comuni nelle ricette indiane. Per esempio, la curcuma, una pianta a fiore della famiglia dello zenzero, compare in molti piatti asiatici moderni, ma gli antichi erboristi indiani la usavano originariamente come medicina popolare. Molti indiani usavano il pepe come moneta e lo scambiavano con altre culture. Aveva valore perché si credeva che potesse curare l’insonnia, le scottature, il mal di denti e molti altri problemi. Ramesse II, noto anche come Ozymandias, era un faraone egiziano i cui servitori gli riempirono le narici di pepe nero durante la mummificazione.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 7

Cina

L’imperatore Shen Nung scrisse un libro sulle radici e sulle erbe intorno al 2500 a.C.. In questo libro sono elencate 365 parti di piante essiccate che egli riteneva avessero effetti medicinali. Molte persone in tutto il mondo usano ancora alcune delle erbe elencate nel libro. Per esempio, il ginseng ha usi culinari e medicinali. Gli studi moderni non sono riusciti a trovare i suoi esatti scopi medicinali, ma alcuni suggeriscono che influisca positivamente sulla memoria, sull’affaticamento e sui sintomi della menopausa. Il libro elencava anche la corteccia di cannella come avente molti effetti medicinali, il che porta a considerarla un bene di scambio.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 9

Roma e Grecia

Molti testi dell’antichità romana e greca sono sopravvissuti nel tempo e contengono suggerimenti sull’uso delle erbe. Gli esempi più noti si trovano nell’Iliade e nell’Odissea di Omero. I testi epici descrivono 63 piante di tutto il mondo, tra cui l’aglio e il ricino. Uno dei più importanti ricercatori di piante fu Dioscoride, medico e botanico greco. Viaggiò con l’esercito romano come medico e, durante la sua permanenza, scrisse di molte erbe che avrebbero ispirato la pratica medica durante il Medioevo e oltre. Nei suoi scritti, si parla di 657 farmaci di origine vegetale.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 11

Diffusione delle erbe

Le maggiori opportunità di commercio hanno aumentato la diffusione delle erbe. Molte aree più fredde o umide non potevano coltivare certe erbe. Il commercio permise alle popolazioni slave e agli inglesi di accedere a erbe come il rosmarino e l’aglio. È interessante notare che l’aglio rimase popolare tra molte culture per secoli, con la notevole eccezione degli inglesi. Questi ultimi ne disprezzavano l’odore e il sapore e si rifiutavano di usarlo come medicina. Ciò è continuato per centinaia di anni, anche dopo la colonizzazione dell’America. Per questo motivo, anche gli americani hanno disprezzato l’aglio per quasi 300 anni.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 13

Il Medioevo

Grazie al lavoro dei primi medici, a partire dal Medioevo cominciarono ad apparire aree dedicate alla guarigione e alla coltivazione di erbe. Molti monaci traducevano e copiavano antichi testi contenenti conoscenze mediche. Di conseguenza, iniziarono a coltivare erbe medicinali e i monasteri si trasformarono in centri di cura. La terapia si concentrava su 16 piante medicinali specifiche. I saggi e le donne usavano la salvia per migliorare le funzioni cognitive. La menta era un trattamento popolare per l’indigestione e la nausea. Alcuni commercializzavano incantesimi e intrugli insieme alle erbe. Questo portò molte persone a considerare l’erboristeria come stregoneria nel tardo Medioevo.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 15

Prima età moderna

Grazie agli sforzi dei monaci del Medioevo, nel corso del XVI e XVII secolo gli erbari divennero ampiamente disponibili in lingue diverse dal latino e dal greco. In questo periodo la richiesta di farmaci composti aumentò notevolmente. I medici iniziarono a combinare le erbe con sostanze animali e altri materiali. Con il proseguire della colonizzazione europea, divennero disponibili anche testi ed erbe provenienti da altri Paesi. Il Manoscritto Badianus era un’erba azteca che suggeriva di usare l’ortica per l’epistassi. Conteneva anche istruzioni per farmaci composti in grado di curare i fulmini.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 17

L’era moderna

Il XIX secolo ha segnato una svolta nell’uso delle erbe medicinali. I ricercatori riuscirono a isolare gli alcaloidi da piante come il papavero, lo strychnos e l’ipecacuanha. Questo portò all’isolamento delle sostanze chimiche responsabili dei benefici medicinali di molte erbe. La creazione di farmaci a partire da queste sostanze fu chiamata “farmacia” Con il miglioramento della tecnologia, sono migliorati anche i farmaci che i farmacisti potevano creare. Oggi, molte organizzazioni sanitarie considerano le erbe come medicina alternativa e la ricerca moderna mette in dubbio molti dei loro benefici.

Storia delle erbe curative e dei loro usi 19