Quando preoccuparsi degli odori vaginali

Home / Articoli / Quando preoccuparsi degli odori vaginali

Quando preoccuparsi degli odori vaginali

Gli odori vaginali sono fonte di ansia per molte persone, soprattutto a causa dell’associazione tra odori e igiene. Nonostante questa convinzione, l’odore vaginale è normale, anche se un po’ complesso. La presenza di un odore non è necessariamente indice di un problema, ma può esserlo in determinate circostanze.

“Odori “sani

Un leggero odore vaginale è normale e sano . Molte persone credono che l’odore vaginale sia un segno di scarsa igiene, ma questo non è necessariamente vero. Ogni vagina ha un odore diverso e non esiste un odore sano standard. È invece importante riconoscere il proprio odore abituale per individuare rapidamente eventuali cambiamenti. Secondo gli esperti, finché non ci sono sintomi correlati, l’odore della vagina non è probabilmente malsano.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 1

Cause dei cambiamenti di odore

Molte condizioni ed eventi possono causare una odore vaginale che cambia . I rapporti sessuali, ad esempio, possono aumentare l’intensità dell’odore. L’odore può anche cambiare in modo significativo durante il ciclo mestruale. Anche lievi modifiche delle abitudini igieniche o della dieta possono modificare l’odore vaginale. Anche lo stress o l’ansia possono influenzare l’odore.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 3

Vaginite

Una condizione comune che provoca un forte odore vaginale è vaginite infiammazione della vagina. Oltre all’odore forte, la donna può avvertire anche perdite, dolore e prurito. La vaginite ha diversi sottotipi, i più comuni dei quali sono la vaginosi batterica, le infezioni da lievito e la tricomoniasi. La minzione e i rapporti sessuali possono diventare dolorosi. Alcune persone affette da vaginite sviluppano un leggero sanguinamento vaginale o spotting.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 5

Scarsa igiene

Sebbene l’odore vaginale non sia necessariamente indice di scarsa igiene, l’igiene di una persona influisce sull’odore. L’accumulo di sudore è uno dei principali responsabili dell’odore vaginale. La regione inguinale ha ghiandole sudoripare apocrine che producono un composto oleoso e fortemente odoroso. I batteri decompongono questo composto, creando un odore pungente. Una pulizia inadeguata può anche portare ad accumuli di urina nella biancheria intima o intorno alla vulva, peggiorando l’odore vaginale.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 7

Eccesso di pulizia

Così come una pulizia troppo scarsa può peggiorare l’odore vaginale, troppo può fare anche questo . Le vagine sane contengono batteri e lieviti che l’acidità naturale della regione tiene sotto controllo. Lavaggi con saponi profumati o douching possono alterare il delicato equilibrio del pH dell’organo, peggiorando l’odore vaginale.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 9

Cancro

Sebbene sia raro, molti tipi di cancro includono il cattivo odore vaginale tra i loro sintomi. Per esempio, i tumori della vagina e del collo dell’utero possono causare perdite abbondanti con un odore forte. A volte queste perdite contengono una piccola quantità di sangue. L’odore proviene dalla morte delle cellule cancerose negli organi sessuali interni.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 11

Alimentazione

La dieta di una persona anche gli odori vaginali possono essere responsabili di odori indesiderati. In genere, ciò è dovuto al consumo di alimenti che alterano il delicato equilibrio del pH della vagina. Alcuni dei peggiori sono l’aglio, la menta, il formaggio blu, il cavolo, la carne rossa, l’aceto, le cipolle e gli asparagi. Anche il consumo di alcolici e di acqua in quantità insufficiente può causare un peggioramento dell’odore vaginale.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 13

La prevenzione

Poiché gli odori vaginali sono del tutto naturali, è impossibile prevenirli o eliminarli del tutto. Tuttavia, è possibile evitare che l’ odore peggiori . La pratica di una buona igiene e di una pulizia adeguata è fondamentale per prevenire le infezioni maleodoranti e per evitare gli odori dovuti al sudore e all’urina. Inoltre, non utilizzare douches o prodotti simili per la pulizia interna della vagina.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 15

Pulizia adeguata

Conoscere come pulire correttamente l’inguine e i genitali è fondamentale per evitare odori indesiderati. Lavate solo le parti esterne – la vulva. Limitate l’uso di saponi e gel profumati e non usate mai antisettici o prodotti simili su nessuna zona dei genitali. La vagina è in grado di pulirsi da sola, quindi non è necessario inserire qualcosa per pulirla. È inoltre importante mantenere pulita la zona perineale tra la vulva e l’ano.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 17

Quando rivolgersi a un medico

Un odore vaginale caratteristico, mutevole o prolungato può talvolta essere il segno di un problema medico serio che richiede l’attenzione di un esperto . Un peggioramento dell’odore che si verifica insieme a perdite, bruciore o prurito significa che potrebbe esserci un’infezione grave. Gli esperti raccomandano che se un odore sembra allarmante o insolito, è meglio rivolgersi a un professionista.

Quando preoccuparsi degli odori vaginali 19