La diffusione dell’influenza spagnola nel 1918

Home / Articoli / La diffusione dell’influenza spagnola nel 1918

La diffusione dell’influenza spagnola nel 1918

Si stima che l’influenza spagnola abbia ucciso tra i 20 e i 50 milioni di persone in tutto il mondo. Si verificò tra il 1918 e il 1919, in concomitanza con la fine della Prima Guerra Mondiale. La pandemia rimane la più letale della storia moderna, colpendo soprattutto i giovani e le persone sane e progredendo rapidamente fino all’insufficienza d’organo multisistemica e alla morte.

Probabilmente non è iniziata in Spagna

Sebbene sia chiamata influenza spagnola, i moderni virologi ed epidemiologi di tutto il mondo concordano sul fatto che questa pandemia di influenza non è iniziata in Spagna . Poiché la Spagna era neutrale nella Prima Guerra Mondiale, che si sovrappose alla pandemia, si ritiene che gli altri Paesi non sarebbero stati così schietti riguardo all’epidemia nei loro Paesi. La Spagna segnalò i focolai alle organizzazioni giornalistiche nella primavera del 1918, quando molti Paesi coinvolti nella guerra probabilmente non erano disposti a diffondere il tributo che l’influenza stava imponendo alle proprie truppe e ai propri rifornimenti.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 1

Ondate multiple

L’influenza spagnola colpì a ondate. La prima colpì gli Stati Uniti nella primavera del 1918 ma fu lieve e passò quasi inosservata. Una seconda ondata colpì in estate, a partire dalla fine di agosto a Boston. Questo ceppo era così infettivo che, alla fine di ottobre, si era diffuso da una costa all’altra e aveva un tasso di morbilità di circa il 28%.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 3

I sintomi

Alcuni se la cavarono con effetti lievi, ma altri sperimentarono sintomi molto più gravi tra cui febbre alta, liquido nei polmoni e dolori alla testa e al corpo. Alcune persone sembravano avere una normale infezione influenzale, ma hanno sviluppato una polmonite, che spesso ha portato alla morte. Molti hanno avuto complicazioni gravi che sono durate per settimane, come incoscienza e delirio a causa della scarsa ossigenazione, e drenaggio sanguinolento dal naso. Tra coloro che sono sopravvissuti, alcuni hanno dovuto affrontare problemi di salute per tutta la vita a causa delle complicazioni dell’influenza.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 5

La guerra e l’esercito

L’influenza spagnola e l’esperienza delle truppe americane nella Prima Guerra Mondiale erano intrecciate. Il Dipartimento della Guerra ha stimato che il 26% dell’esercito ha contratto l’influenza spagnola, che ha ucciso circa 30.000 persone nel 1918. La guerra era l’ambiente perfetto per la diffusione del virus, con i soldati che vivevano nei campi militari per l’addestramento sul suolo americano e nelle trincee in Europa. Il numero di soldati colpiti fu tale da interferire con l’addestramento e da distogliere i rifornimenti e le attrezzature necessarie dal combattimento per la cura dei malati.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 7

La gravità

Non è ancora chiaro cosa ha reso l’influenza spagnola così letale . Poiché non esistono campioni virali di quel periodo, è impossibile stabilire se ogni ondata della pandemia coinvolgesse lo stesso virus. I dati suggeriscono che coloro che si sono ammalati e sono sopravvissuti alla seconda ondata potrebbero aver avuto una protezione contro la terza. Nel 1995, gli scienziati hanno sequenziato l’RNA di un virus della pandemia di influenza spagnola; si ritiene che sia legato all’H1N1, ma questo non ci dice ancora perché fosse così infettivo o fatale.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 9

Curva a forma di W

Prima dell’influenza spagnola, la maggior parte dei decessi per influenza aveva una curva a forma di U il che significa che il numero di morti era più alto tra i giovani e gli anziani. Al contrario, il numero di morti per l’influenza del 1918 ha assunto la forma di una W, colpendo maggiormente i giovani adulti sani al centro della curva rispetto ai giovani e agli anziani. Quasi la metà dei decessi dovuti all’influenza spagnola ha riguardato persone di età compresa tra i 20 e i 40 anni. Il rischio di morire a causa dell’influenza spagnola era maggiore per le persone con meno di 65 anni rispetto a quelle più anziane.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 11

Approcci al trattamento

Le cure per l’influenza spagnola includevano chinino e codeina per trattare la tosse ma spesso non c’era nulla di curativo da fare. La polmonite che ne derivava aveva poche opzioni terapeutiche e quelle comuni all’epoca, come i colloidi d’argento e le emorragie, erano inefficaci. Poiché il tasso di mortalità era così alto, le chiese e le pompe funebri erano invase. Alcune città spagnole rimasero senza bare e l’esercito spagnolo fu chiamato per aiutare a trasportare e rimuovere i morti. I giornali dell’epoca dedicavano fino a cinque pagine al giorno ai necrologi.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 13

Origine sconosciuta

Se l’influenza spagnola non ha avuto origine in Spagna, da dove è partita? Le pandemie di influenza prima e dopo il 1918 solitamente sviluppata in Asia e si è diffusa nel resto del mondo. Ciò che rende unica l’influenza del 1918 è che si è diffusa contemporaneamente in tre ondate nell’arco di un anno, colpendo tre regioni distinte: Asia, Europa e Nord America. Ciò rende difficile, se non impossibile, determinare il punto di origine geografico.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 15

Risorse negli Stati Uniti

Gli Stati Uniti non erano messi meglio della Spagna per quanto riguarda il trattamento dell’influenza spagnola e l’assistenza ai malati. Il Paese era già sotto pressione a causa delle esigenze della guerra, con un gran numero di infermieri e medici che prestavano servizio militare. Ad esempio, a Filadelfia, il 26% dei medici della città era nell’esercito . Le aree rurali furono colpite in modo particolarmente duro, con forniture limitate e carenza di personale infermieristico.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 17

Impatto sulla Prima guerra mondiale

L’influenza spagnola ebbe un leggero impatto sulla guerra, al di là del tributo che comportò sul numero di truppe disponibili. Potrebbe aver alterò leggermente il corso della guerra . Gli attacchi pianificati dovettero essere rimandati e la forza delle truppe nel complesso fu drasticamente ridotta. Detto questo, gli storici concordano sul fatto che è improbabile che abbia cambiato il risultato. L’influenza spagnola ebbe un impatto maggiore sui singoli soldati che sull’esercito nel suo complesso.

La diffusione dell'influenza spagnola nel 1918 19