Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti

Home / Articoli / Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti

La tricuriasi è un’infezione da tricocefalo o Trichuris trichiura. Il parassita prende il nome comune dalla sua forma a frusta. Le infezioni da tricocefali si verificano nell’intestino crasso degli esseri umani e possono causare sintomi gastrointestinali. Si può contrarre un’infezione da tricocefali dopo aver ingerito terreno o acqua contaminati da feci portatrici del parassita. Sebbene chiunque possa contrarre l’infezione, i bambini hanno maggiori probabilità di contrarla, così come le persone che vivono nei climi caldi e umidi dove il parassita risiede prevalentemente.

Che aspetto ha il Trichuris Trichiura?

Il Trichuris trichiura è il parassita responsabile dell’infezione da tricocefali. Il parassita è spesso su un’estremità, simile al manico di una frusta, con un’attaccatura più sottile.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 1

Sintomi dell’infezione da tricocefali

I sintomi di un’infezione da tricocefali possono variare da lievi a gravi. Dolori addominali, perdita di peso improvvisa e inaspettata, nausea, vomito, movimenti intestinali dolorosi o frequenti e mal di testa sono i sintomi di un’infezione da tricocefali. Si possono anche verificare diarrea sanguinolenta e incontinenza intestinale o incapacità di controllare i movimenti intestinali.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 3

Complicazioni di un’infezione da tricocefalo

Con un trattamento tempestivo, la maggior parte delle persone guarisce completamente dalle infezioni da tricocefali. L’infezione può diffondersi all’appendice o al colon e alcune persone sviluppano anemia o una diminuzione del numero di globuli rossi. Altre persone con un’infezione non trattata possono avere un prolasso rettale, in cui parte dell’intestino crasso sporge fuori dal retto. Nei bambini, la mancanza di trattamento può portare a ritardi nello sviluppo cognitivo o nella crescita fisica.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 5

Cause dell’infezione da tricocefali

Le persone contraggono solitamente l’infezione da tricocefali attraverso l’ingestione di acqua o terreno con feci contaminate. Il terreno si contamina con le uova di tricocefalo quando l’uomo o gli animali defecano all’aperto o quando il fertilizzante contiene feci contaminate. A volte, frutta e verdura non correttamente cotte, lavate o sbucciate possono trasportare e trasferire il parassita. È possibile ingerire uova o larve di tricocefalo anche toccando il terreno con le mani e poi avvicinando o mettendo in bocca le mani o le dita.

5. Sviluppo di un’infezione da tricocefali

Quando una persona ingerisce le uova di tricocefalo, queste si annidano nell’intestino tenue, dove si schiudono e rilasciano le larve. Una volta mature, le larve migrano nell’intestino crasso dove vivono come vermi adulti. Le femmine di tricocefalo iniziano a produrre uova circa due mesi dopo. Ogni femmina adulta di tricocefalo può produrre da 3.000 a 20.000 uova al giorno.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 7

Cause dell’infezione da tricocefali

Le persone contraggono solitamente l’infezione da tricocefali attraverso l’ingestione di acqua o terreno con feci contaminate. Il terreno si contamina con le uova di tricocefalo quando l’uomo o gli animali defecano all’aperto o quando il fertilizzante contiene feci contaminate. A volte, frutta e verdura non correttamente cotte, lavate o sbucciate possono trasportare e trasferire il parassita. È possibile ingerire uova o larve di tricocefalo anche toccando il terreno con le mani e poi avvicinando o mettendo in bocca le mani o le dita.

5. Sviluppo di un’infezione da tricocefali

Quando una persona ingerisce le uova di tricocefalo, queste si annidano nell’intestino tenue, dove si schiudono e rilasciano le larve. Una volta mature, le larve migrano nell’intestino crasso dove vivono come vermi adulti. Le femmine di tricocefalo iniziano a produrre uova circa due mesi dopo. Ogni femmina adulta di tricocefalo può produrre da 3.000 a 20.000 uova al giorno.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 7

Fattori di rischio per un’infezione da tricocefalo

Le infezioni da tricocefali possono colpire chiunque, ma alcune persone sono più a rischio. Vivere in un’area con un clima caldo e umido, mangiare verdure crude coltivate con fertilizzanti contenenti letame contaminato e svolgere lavori che richiedono il contatto con il suolo contaminato rendono più probabile contrarre un’infezione da tricocefali. Anche i bambini sono più a rischio di contrarre un’infezione da tricocefali, perché spesso giocano all’aperto e potrebbero non lavarsi bene le mani prima di mangiare.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 11

Diagnosi dell’infezione da tricocefali

Per diagnosticare un’infezione da tricocefali, il medico invia al laboratorio un campione di feci del paziente. I tecnici utilizzeranno un microscopio per cercare i parassiti e le uova di tricocefalo nelle feci. Il test non dovrebbe causare alcun disagio e può essere effettuato a casa o presso l’ambulatorio del medico.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 13

Trattamento dell’infezione da tricocefali

Il trattamento più comune ed efficace per l’infezione da tricocefali è rappresentato dai farmaci antiparassitari. Il medico prescriverà il farmaco dopo aver confermato la diagnosi, che dovrebbe uccidere sia i tricocefali adulti che le loro uova dopo pochi giorni. Una volta terminato il trattamento, il paziente potrebbe dover fornire un altro campione di feci da analizzare per verificare che l’infezione sia stata debellata.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 15

Somministrazione di massa del farmaco

A volte, la tigna e altre malattie tropicali trascurate vengono trattate attraverso la somministrazione di farmaci di massa come misura preventiva, perché i farmaci utilizzati per trattare le infezioni da tarlo sono poco costosi e sicuri. I gruppi a rischio sono spesso trattati periodicamente per la tigna e altre malattie tropicali trascurate allo stesso tempo.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 17

Prevenzione delle infezioni da tricocefali

Per ridurre il rischio di contrarre infezioni da tricocefali, tutti dovrebbero lavarsi bene le mani, soprattutto prima di mangiare o maneggiare cibo. Lavare, sbucciare e cuocere accuratamente frutta e verdura crude prima di mangiarle, soprattutto quelle coltivate con fertilizzanti contenenti letame, e purificare o bollire l’acqua che potrebbe essere contaminata. Evitate di toccare il terreno che contiene feci e fate attenzione quando pulite le feci degli animali.

Infezioni da tricocefali: Cause, sintomi e trattamenti 19