Delirio: Che cos’è e che cosa non è

Home / Articoli / Delirio: Che cos’è e che cosa non è

Delirio: Cos’è e cosa non è

Lo stato confusionale acuto, più comunemente noto come delirio, è uno stato di alterazione della coscienza, delle funzioni cognitive e della percezione. L’appellativo “acuto” della condizione significa che può comparire nel giro di ore o giorni e può risolversi in ore, giorni, settimane o mesi, a seconda della causa e della gravità del disturbo. Sebbene non sia permanente, il delirio richiede l’intervento di un medico e può essere pericoloso per la vita se la persona che sperimenta lo stato confusionale acuto viene lasciata sola.

I sintomi

I sintomi del delirio sono suddivisi in quattro categorie .

  • Categoria uno: ridotta consapevolezza dell’ambiente, come l’incapacità di seguire una conversazione, la facilità di distrarsi o la mancanza di capacità di concentrarsi, il ritiro dall’ambiente e la mancanza di risposta alle cose che accadono nell’ambiente.
  • Categoria due: capacità di pensiero, come scarsa memoria, disorientamento, discorsi sconclusionati o senza senso, difficoltà a ricordare le parole o a parlare, difficoltà a comprendere il discorso e difficoltà a leggere o scrivere.
  • Categoria tre: cambiamenti comportamentali, tra cui allucinazioni, disturbi o inversione del ritmo del sonno, letargia, comportamento irrequieto, agitato o combattivo, gemiti, grida o altri rumori insoliti.
  • Categoria 4: Disturbi emotivi come cambiamenti di personalità, cambiamenti d’umore imprevedibili, paranoia improvvisa, ansia, paura, irritabilità o depressione.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 1

Tipi

Ricerca identifica tre tipi di delirio.

  • Il delirio iperattivo è quello più facilmente riconoscibile e comprende movimenti irrequieti come il camminare, agitazione, rapidi cambiamenti d’umore e rifiuto di collaborare con gli operatori. Possono svilupparsi anche allucinazioni.
  • Il delirio ipoattivo è caratterizzato da mancanza di attività motoria, pigrizia generale, sonnolenza anomala e aspetto stordito.
  • Il delirio misto comprende i sintomi di entrambi i tipi e la persona può passare da un tipo all’altro.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 3

Diagnosi

Per diagnosticare uno stato confusionale acuto o delirio, il medico esegue una valutazione psicologica per escludere condizioni di salute mentale. A esame fisico e neurologico può aiutare il medico a verificare la presenza di lesioni. Gli esami delle urine e del sangue possono determinare i livelli di farmaci o di alcol nel sistema della persona.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 5

Cause

Molti problemidi fondo possono scatenare un episodio di delirio. Spesso lo stato si sviluppa a causa di una malattia cronica combinata con febbre alta, infezioni, disidratazione, privazione del sonno, alterazioni dell’equilibrio metabolico come uno squilibrio di sodio, alcuni farmaci, compresi quelli per le allergie e il dolore, interventi chirurgici, traumi cranici e abuso o astinenza da sostanze.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 7

Fattori di rischio

La ricerca suggerisce che alcune fattori dirischio possono aumentare la possibilità di sperimentare uno stato confusionale acuto. L’età avanzata, l’ictus e un precedente episodio di delirio rendono più probabile l’insorgere di questa condizione. Anche la disidratazione e i disturbi della vista o dell’udito sono fattori di rischio per uno stato confusionale acuto.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 9

Delirio vs. Demenza

Sebbene abbiano sintomi simili, il delirio e la demenza sono condizioni diverse Demenza la demenza è una condizione degenerativa che peggiora lentamente nel tempo. Sebbene il delirio possa essere un sintomo di demenza, si distingue per l’insorgenza improvvisa dei sintomi e per la natura fluttuante e reversibile del disturbo. Le ricerche dimostrano anche che uno stato confusionale acuto può peggiorare di notte, a differenza della demenza.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 11

Delirio vs. Fuga Dissociativa

Il delirio e fugadissociativa sembrano simili per l’esordio improvviso, la perdita di memoria e la possibilità che si risolvano spontaneamente, ma queste due condizioni sono molto diverse. Lo stato di fuga dissociativa, un tipo di amnesia, si differenzia dallo stato confusionale acuto perché il primo è sempre causato da uno stress estremo o da un evento psicologicamente traumatico, dopo il quale la persona dimentica solo le proprie informazioni anagrafiche. Una persona in fuga dissociativa fugge. Un episodio di delirio non comporta l’oblio di tutte le informazioni autobiografiche o la fuga dal luogo dell’evento traumatico.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 13

Complicazioni

Le persone in stato di delirio possono andare incontro ad alcune complicazioni come risultato della loro condizione . Non ricordano se hanno mangiato, bevuto o assunto farmaci essenziali. I disturbi del ritmo del sonno possono comportare la necessità di un’assistenza 24 ore su 24, che può essere costosa. Potrebbe anche essere più difficile riprendersi da un intervento chirurgico. Il disorientamento può rappresentare un pericolo per la vita se la persona esce senza sorveglianza.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 15

Trattamento

Il solo trattamento per uno stato confusionale acuto è quello di affrontare le condizioni sottostanti, anche se questo non curerà immediatamente il delirio, a meno che non sia causato da una sostanza, dalla febbre alta o dalla disidratazione. In questo caso, la persona ha ancora bisogno di cure finché il delirio non si attenua. Potrebbe essere necessario il ricovero in ospedale.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 17

Prevenzione

La ricerca indica che alcune strategie possono prevenire o ridurre la gravità degli episodi di delirio. Buone abitudini di sonno, l’aggiornamento su questioni mediche e il mantenimento di un ambiente calmo e familiare per aiutare la persona a rimanere ben orientata possono contribuire a ridurre la frequenza e la gravità degli episodi.

Delirio: Che cos'è e che cosa non è 19