Colecistite: Sintomi e trattamenti

Home / Articoli / Colecistite: Sintomi e trattamenti

Colecistite: Sintomi e trattamenti

La cistifellea è un piccolo organo situato nella parte superiore destra dell’addome, sotto il fegato. Si collega al dotto biliare e al dotto cistico, che trasportano la bile dal fegato all’intestino tenue. La cistifellea immagazzina temporaneamente la bile. Quando si consuma del cibo, la cistifellea si contrae e fa sì che la bile si sposti attraverso i dotti nell’intestino. La colecistite è una condizione in cui la cistifellea si infiamma perché la bile non riesce a passare. Esistono due tipi di questa patologia: la colecistite acuta e la colecistite cronica. La colecistite acuta comporta un’infiammazione improvvisa della cistifellea. La forma cronica, invece, si verifica quando l’infiammazione persiste.

Sintomo: calcoli biliari

I calcoli biliari sono depositi duri di liquido che si accumulano all’interno della cistifellea. Se uno di questi calcoli interrompe il deflusso dalla cistifellea bloccando il dotto cistico, la bile rimane intrappolata nella cistifellea. A sua volta, la bile intrappolata contiene sostanze chimiche che possono portare a un’infezione batterica. La colecistite si sviluppa spesso nelle persone che hanno calcoli biliari, con conseguente ingrossamento e dolore dell’organo. È importante notare che i calcoli biliari possono causare dolore addominale anche in assenza di un’infezione. La probabilità di sviluppare calcoli biliari è maggiore se si è una donna di età superiore ai 60 anni. Le donne incinte possono soffrire di calcoli biliari, così come le donne che assumono la pillola anticoncezionale o la terapia estrogenica sostitutiva. Se si segue una dieta ad alto contenuto di grassi, se si è perso peso rapidamente o se si è obesi, si può avere una maggiore probabilità di contrarre i calcoli biliari.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 1

Sintomo: dolore addominale

Oltre al dolore addominale associato ai calcoli biliari, la colecistite può causare un fastidio generalizzato al centro dell’addome superiore, sotto lo sterno. Si può avvertire un dolore al fegato o alla cistifellea, che si trova nell’area superiore destra dell’addome. In alcuni casi il dolore può estendersi alla spalla destra o alla schiena. Il dolore può iniziare dopo aver consumato un pasto e peggiorare durante un respiro profondo, ma può durare per ore. La colecistite cronica può causare un dolore intermittente che va e viene in modo irregolare. Può essere lieve e non essere accompagnato da altri sintomi. Pertanto, può essere difficile diagnosticare la colecistite cronica perché i sintomi non sono specifici di un’unica malattia. È possibile che si verifichi un attacco o un episodio improvviso di dolore prima di rendersi conto della sua gravità.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 3

Sintomo: addome teso

Oltre al dolore, si può avvertire una sensazione di tenerezza nell’addome destro quando lo si tocca. Anche se questo sintomo della colecistite sembra minore, o come se potesse essere raggruppato nella categoria “dolore”, è un segno particolare. Infatti, in alcune persone anziane che non hanno dolore o febbre, l’unico sintomo evidente è un addome tenero.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 5

Sintomo: sintomi simili all’influenza

La colecistite può causare sintomi simili a quelli dell’influenza, tra cui nausea o vomito. Anche febbre e brividi sono comuni. Come già detto, i calcoli biliari possono bloccare il flusso della bile, causando una grave infezione. Quando il fegato non riesce a liberarsi della bile, i dotti si infettano con una condizione nota come colangite. I segni comuni di questa particolare infezione sono febbre e dolore nella parte superiore dell’addome destro. Se si avvertono febbre e brividi, oltre all’ittero, è possibile che si tratti di colecistite acuta.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 7

Sintomo: ittero

L’ittero è un segno di colangite e quindi è direttamente collegato alla colecistite. Ogni volta che una persona ha un problema al fegato, può verificarsi un ingiallimento della pelle o degli occhi, noto come ittero. Altri segni di ittero sono i movimenti intestinali pallidi e grigiastri e la minzione scura. Se notate questi sintomi, è possibile che un calcolo dalla cistifellea sia passato in un dotto biliare e che ora stia ostruendo il flusso di bile dal fegato.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 9

Trattamento: Assistenza ospedaliera

A seconda dei sintomi, potrebbe essere necessario un ricovero in ospedale. Gli antibiotici vengono spesso somministrati per via endovenosa per curare eventuali infezioni e prevenire la disidratazione. I farmaci possono aiutare a contrastare il dolore addominale, la nausea e il vomito. I pasti saranno limitati per ridurre l’infiammazione della cistifellea. Dopo aver ripreso a mangiare e bere, aver diminuito il dolore e aver eliminato l’infezione, è possibile continuare il recupero a casa. Potrebbero essere necessari ancora due o tre giorni prima che i sintomi siano completamente scomparsi. Tuttavia, la colecistite spesso ritorna, soprattutto se si tratta di colecistite cronica.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 11

Trattamento: ERCP

Se sono presenti calcoli nel dotto biliare comune, è necessario rimuoverli. Una procedura nota come colangiopancreatografia retrograda endoscopica (ERCP) può rimuovere i calcoli. Il medico utilizza un telescopio flessibile che scende dalla bocca nello stomaco per allargare l’area in cui i dotti si riversano nell’intestino tenue. Un piccolo taglio allarga l’apertura e i calcoli biliari possono essere estratti e fatti passare di nuovo attraverso il telescopio flessibile. Potrebbe essere necessario rimuovere anche la cistifellea, poiché è qui che i calcoli hanno origine e possono ripresentarsi. In rari casi, l’ERCP non può essere eseguita e sarà necessario un altro intervento.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 13

Trattamento: Colecistectomia laparoscopica

Le persone affette da colecistite spesso necessitano di un intervento chirurgico per rimuovere completamente la cistifellea. Potreste essere idonei alla colecistectomia laparoscopica. La procedura prevede una serie di piccole fessure nell’addome. Si tratta di un intervento minimamente invasivo che richiede solo poche e minuscole incisioni. La cistifellea non è necessaria per vivere una vita normale e sana.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 15

Trattamento: Rimozione estesa della cistifellea

L’asportazione estesa della cistifellea è un intervento a cielo aperto che raramente è necessario per le persone affette da colecistite. Il paziente e il medico possono discutere i benefici e i rischi dell’intervento, che di solito viene eseguito in due giorni o durante il ricovero d’urgenza. L’intervento dipende dal vostro stato di salute generale e dalla gravità dei sintomi della colecistite cronica. Dopo la rimozione della cistifellea attraverso un’incisione nell’addome, la bile fluisce dal fegato all’intestino tenue.

Colecistite: Sintomi e trattamenti 17