Che cos’è l’anidrosi?

Home / Articoli / Che cos’è l’anidrosi?

Che cos’è l’anidrosi?

Molte persone, soprattutto quelle che sudano spesso, possono desiderare di non sudare mai più. L’anidrosi causa una parziale o totale incapacità di sudare. Sebbene possa sembrare una situazione ideale, può essere una condizione grave. La sudorazione è una funzione essenziale che aiuta a regolare la temperatura corporea. Senza sudore, si possono sviluppare i sintomi di un colpo di calore. Una persona può nascere con l’anidrosi o svilupparla più tardi nella vita.

I sintomi

Il sintomo principale dell’anidrosi è la mancanza di sudorazione. L’anidrosi può essere presente su tutto il corpo o interessare piccole zone della pelle. Se l’anidrosi si manifesta solo in una singola zona, la persona potrebbe non rendersi conto di avere questa condizione. L’anidrosi che colpisce tutto il corpo può provocare sensazioni di arrossamento o di calore anche a temperature moderate e può causare crampi muscolari e debolezza.

Che cos'è l'anidrosi? 1

Problemi legati al calore

Poiché la sudorazione è necessaria all’organismo per regolare correttamente la temperatura, spesso può portare a problemi legati al calore, come arrossamenti o aree rosse e a chiazze sulla pelle. Le persone affette da anidrosi possono sviluppare i sintomi di crampi da calore, esaurimento da calore o colpo di calore. I crampi da calore includono dolore muscolare e possibili spasmi. Con l’esaurimento da calore si possono manifestare sintomi come debolezza e nausea. Il colpo di calore si verifica quando il corpo raggiunge o supera la temperatura di 103 gradi Fahrenheit. La pelle diventa calda al tatto e in genere è secca. In assenza di trattamento, il colpo di calore può causare la perdita di coscienza e può portare alla morte.

Che cos'è l'anidrosi? 3

Cause dell’anidrosi

Le cause dell’anidrosi sono molteplici. Alcuni individui nascono con questa condizione. Nuovi studi dimostrano che ciò può essere dovuto alla mutazione di un singolo gene. Il gene ITPR2 controlla il processo sottostante che promuove il rilascio di calcio. Questa connessione implica che il corpo umano richiede il rilascio di calcio per la produzione di sudore. Le persone che non sono nate con questa condizione possono acquisire l’anidrosi a causa di una serie di influenze esterne e malattie.

Che cos'è l'anidrosi? 5

Anidrosi acquisita

Le informazioni disponibili sull’anidrosi acquisita sono maggiori rispetto alla forma ereditaria. Tuttavia, i medici non conoscono ancora tutte le possibili condizioni responsabili dell’anidrosi, anche se sono in grado di teorizzare le possibili cause.

  • Se la disidratazione dura abbastanza a lungo, una persona può non essere più in grado di sudare. Questa reazione estrema richiede un grave livello di disidratazione che causerebbe altri sintomi precedenti, come debolezza e confusione.
  • I traumi possono danneggiare la pelle e le ghiandole sudoripare. In particolare, le ustioni di terzo grado spesso portano all’anidrosi.
  • Qualsiasi danno ai nervi può inibire l’attività delle ghiandole sudoripare. Questi danni possono essere dovuti a traumi fisici, gotta, diabete o dipendenza da alcol.

Che cos'è l'anidrosi? 7

Anidrosi indotta da farmaci

Alcuni farmaci, in particolare gli antipsicotici, possono interferire con la funzione delle ghiandole sudoripare. I farmaci antipsicotici contengono agenti antimuscarinici anticolinergici che aiutano a controllare alcuni dei loro effetti collaterali. Questi agenti bloccano alcuni neurotrasmettitori del sistema nervoso centrale e periferico e impediscono la sudorazione come effetto collaterale. Anche alcuni farmaci antidepressivi hanno effetti anticolinergici, anche se la maggior parte dei farmaci in questo campo non utilizza più anticolinergici. Inoltre, anche i farmaci con calcio-antagonisti possono causare anidrosi.

Che cos'è l'anidrosi? 9

Una causa rara

Sebbene l’anidrosi sia già una condizione rara, una delle sue cause è ancora più rara. Alcune persone nascono con un’insensibilità congenita al dolore con anidrosi o CIPA. Normalmente, i sintomi di questa condizione compaiono alla nascita o durante l’infanzia. La CIPA impedisce di percepire il dolore e la temperatura. L’anidrosi è un effetto collaterale naturale di questa condizione. Poiché le persone affette da CIPA non sentono il dolore e non sudano, possono sviluppare febbri estremamente elevate e convulsioni dovute all’alta temperatura corporea.

Che cos'è l'anidrosi? 11

Visualizzatori di sudore e sudorazione forzata

Per diagnosticare l’anidrosi, i medici possono utilizzare una serie di test. Il test Minor è una procedura qualitativa che utilizza iodio e amido per identificare le aree con sudore. Quando l’amido iodato si combina con il sudore, si verifica un drastico cambiamento di colore. Per testare la reazione di una persona alla temperatura, i medici possono metterla in una scatola calda o usare una coperta termica. Alcuni medici si affidano invece all’esercizio fisico. Se il visualizzatore di sudore non cambia colore durante uno di questi eventi, è probabile che la persona soffra di anidrosi.

Che cos'è l'anidrosi? 13

Altri test diagnostici

Se gli esperti medici sospettano che l’anidrosi sia il risultato di un problema nel cervello o nel midollo spinale, possono utilizzare la risonanza magnetica (RM) per scansionare le aree. È anche possibile che la causa sia un problema dermatologico. Per determinarlo, i medici possono asportare una piccola porzione di pelle per effettuare una biopsia. I risultati della biopsia riveleranno la distruzione, la necrosi o la fibrosi delle ghiandole sudoripare, oltre ad altri problemi dermatologici.

Che cos'è l'anidrosi? 15

Trattamento

L’anidrosi che colpisce solo una singola area o alcune chiazze di pelle non richiede generalmente un trattamento. Se le aree colpite sono ampie o se la condizione interessa tutto il corpo, l’anidrosi può essere pericolosa per la vita. In questi casi, il trattamento varia a seconda della causa. Ad esempio, se una persona ha acquisito l’anidrosi a causa degli effetti collaterali dei farmaci, i medici troveranno delle alternative a tali farmaci. Se una persona è nata con l’anidrosi, potrebbe essere necessario apportare modifiche allo stile di vita per garantire che la condizione non minacci la sua vita.

Che cos'è l'anidrosi? 17

Vivere con l’anidrosi

Può essere impegnativo gestire l’anidrosi, ma essere consapevoli della condizione è il primo passo per convivere in modo sicuro con questa patologia. Le persone affette da anidrosi devono prestare attenzione alle condizioni atmosferiche. L’anidrosi rappresenta il rischio maggiore nelle giornate calde. In questi giorni, le persone affette da questa patologia dovrebbero prepararsi con abiti leggeri e traspiranti ed evitare le attività all’aperto. Se una persona affetta da anidrosi desidera continuare a condurre uno stile di vita attivo, deve fare pause frequenti durante qualsiasi attività fisica e limitare la durata di queste attività.

Che cos'è l'anidrosi? 19