Che cos’è la CPPD?

Home / Articoli / Che cos’è la CPPD?

Che cos’è la CPPD?

A tutti capita di avere dolori e malesseri, e quando non passano cominciamo a sospettare che ci sia qualcosa che non va. Immaginiamo le possibilità: osteoartrite, artrite reumatoide, gotta, o forse ci siamo strappati, stirati o ammaccati un muscolo o un tendine. Un’altra possibilità che a molti può sfuggire è la CPPD o deposito di pirofosfato di calcio.

Che cos’è la CPPD?

CPPD è l’acronimo di deposito di pirofosfato di calcio, ma è anche chiamata pseudogotta perché i sintomi possono imitare quelli della gotta, soprattutto a livello di ginocchia, caviglie e piedi. La condizione è nota anche come condrocalcinosi e artrite da cristalli. La CPPD si verifica quando i cristalli di calcio formano depositi nelle articolazioni portanti e in altre articolazioni di grandi dimensioni e nel tessuto circostante. Il solo utilizzo delle articolazioni può essere doloroso quando i depositi di minerali duri si spingono nello spazio tra le ossa. Camminare, piegarsi, sedersi e stare in piedi può essere difficile, e attività più faticose come sollevare, arrampicarsi, correre o fare ginnastica diventano quasi impossibili. La CPPD è curabile e ci sono modi per evitare che peggiori una volta diagnosticata.

Che cos'è la CPPD? 1

Chi è a rischio di CPPD?

Chiunque può essere colpito da CPPD, ma alcune persone hanno un rischio molto più elevato. Il rischio più significativo è l’età: La CPPD è più comune nelle persone di età superiore ai 70 anni, ma si riscontra anche nelle persone di età compresa tra i 40 e i 69 anni. La condizione si presenta più raramente nei soggetti di età inferiore ai 40 anni. Se la CPPD si manifesta in persone più giovani, di solito è causata da una lesione o da un intervento chirurgico sull’articolazione interessata. L’individuo può anche avere una tendenza genetica alla CPPD o un’altra condizione che la rende più probabile. Secondo uno studio, anche i disturbi della tiroide o delle paratiroidi, in particolare l’ipotiroidismo e l’iperparatiroidismo, aumentano il rischio di sviluppare la CPPD. Altri fattori sono la carenza di magnesio, l’eccesso di ferro o di calcio nel sangue e l’osteoartrite esistente.

Che cos'è la CPPD? 3

Quali sono i sintomi della CPPD?

La CPPD può essere difficile da identificare perché i suoi sintomi sono simili a quelli di molti altri disturbi. Le persone affette da CPPD possono accusare forti dolori alle articolazioni: questo è il sintomo principale, quello che più facilmente viene scambiato per gotta, altre forme di artrite o lesioni. Le articolazioni del ginocchio sono particolarmente sensibili alla CPPD. I problemi possono comparire improvvisamente ed essere accompagnati da febbre. Le articolazioni possono gonfiarsi e diventare rosse o calde, rendendo ancora più facile confondere la CPPD con una lesione. Spesso si cerca di trattare la CPPD come se fosse una lesione, alternando ghiaccio e calore e assumendo antidolorifici. Sfortunatamente, questi trattamenti possono alleviare temporaneamente il dolore, ma non curano la condizione di fondo dei depositi di cristalli di calcio.

Che cos'è la CPPD? 5

Quali sono le cause della CPPD?

I depositi di calcio che si accumulano all’interno della cartilagine e del tessuto che circonda le articolazioni principali causano la CPPD. Ciò può accadere dopo anni di consumo eccessivo di calcio, soprattutto quando il calcio non è accompagnato dalla vitamina D, che consente l’assorbimento del calcio nelle ossa. I cristalli di calcio sono taglienti e penetrano nei tessuti molli del muscolo e della cartilagine che circondano le articolazioni principali. Questo effetto è amplificato quando l’osso portante preme sui cristalli. Sebbene i problemi correlati non causino la CPPD, possono rendere l’organismo suscettibile a tale patologia e peggiorarla quando si manifesta.

Che cos'è la CPPD? 7

Quando è necessario rivolgersi a un medico?

La CPPD è una forma progressiva di artrite e più a lungo non viene trattata, più il danno alle articolazioni colpite si aggrava. Pertanto, se il dolore o l’infiammazione delle articolazioni progredisce, o se il dolore insorge improvvisamente ed è accompagnato da febbre, è necessario recarsi da un medico o da un osteopata. Il medico può ordinare esami diagnostici e determinare il trattamento migliore.

Che cos'è la CPPD? 9

Come viene diagnosticata la CPPD?

La CPPD è difficile da diagnosticare. L’unico modo infallibile per stabilire se una persona è affetta da CPPD o da un’altra patologia è che il medico estragga il liquido tra le ossa dell’articolazione e lo esamini al microscopio alla ricerca di cristalli di calcio. Anche le radiografie possono talvolta mostrare la presenza di questi cristalli nelle articolazioni.

Che cos'è la CPPD? 11

La CPPD può essere trattata?

Esistono molti modi per trattare la CPPD, ma purtroppo i cristalli di calcio non possono essere sciolti. Una volta diagnosticata, nella maggior parte dei casi il medico opterà per trattare i sintomi e cercare di ripristinare la normale funzionalità. Il primo metodo di trattamento consiste nell’alleviare il dolore con farmaci da banco o su prescrizione che possono alleviare il dolore delle riacutizzazioni e ridurre il gonfiore e la febbre. Anche il ghiaccio sulla zona interessata può lenire l’infiammazione e il dolore. I trattamenti medici comprendono il drenaggio del liquido intorno all’articolazione o l’iniezione di corticosteroidi; anche i trattamenti standard per la gotta possono essere utili. Nei casi più gravi, l’intervento chirurgico può riparare l’articolazione danneggiata o addirittura sostituirla completamente.

Che cos'è la CPPD? 13

Esistono altri trattamenti per la CPPD?

Molte persone preferiscono ricorrere a trattamenti non medici o naturali per la CPPD. Il trattamento dietetico, sebbene sia utile per chi soffre di gotta, non sembra essere altrettanto efficace per la CPPD. Il riposo è una delle opzioni naturali più utili. Se la pressione sull’articolazione causa dolore, il riposo allevia il dolore. Molti reumatologi prescrivono diversi giorni di riposo durante le riacutizzazioni. In altri momenti, l’esercizio fisico può aiutare a rafforzare i muscoli intorno alle articolazioni colpite. Inoltre, l’integrazione di magnesio a lungo termine ha molti sostenitori, ma gli studi non sono conclusivi e sembrano indicare che l’integrazione di magnesio è utile solo quando l’individuo ha una carenza di magnesio esistente.

Che cos'è la CPPD? 15

Ci sono buone notizie sulla CPPD?

Ci sono buone notizie sulla CPPD. Sebbene sia cronica, le riacutizzazioni sono occasionali; la maggior parte delle volte la condizione non causa dolore. Alcune persone a cui è stata diagnosticata la CPPD sperimentano solo poche riacutizzazioni nel corso della loro vita. Si stanno inoltre sviluppando numerosi nuovi trattamenti, alcuni dei quali sono già in fase di sperimentazione, tra cui antinfiammatori più efficaci e farmaci studiati per prevenire la formazione dei cristalli di calcio.

Che cos'è la CPPD? 17

Come cambierà la vita con la CPPD?

Quando si verificano le riacutizzazioni della CPPD, i soggetti colpiti dovranno probabilmente riposare di più e mantenere la pressione sulle articolazioni interessate. Potrebbero dover ridurre l’esercizio fisico o altre attività fisiche. Potrebbe essere necessario recarsi dal medico per ricevere prescrizioni o altri trattamenti, il che può comportare la perdita del lavoro o un cambiamento di programma. La cosa più importante da ricordare è che la CPPD è curabile e che le persone che ne sono affette conducono di solito una vita normale e attiva.

Che cos'è la CPPD? 19