Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative

Home / Articoli / Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative

Il prelievo dei villi coriali o CVS è un test diagnostico somministrato all’inizio della gravidanza che può determinare se un feto possiede determinate condizioni. In genere, queste condizioni sono cromosomiche o genetiche, come la sindrome di Down o la fibrosi cistica. I medici eseguono il test prelevando un piccolo campione di tessuto dalla placenta. Sebbene il CVS sia un metodo efficace per conoscere la salute del bambino, ci sono diversi rischi. Inoltre, i medici possono eseguire il test in due modi: per via transcervicale o transaddominale.

Anatomia

La placenta è un organo temporaneo che collega il feto in via di sviluppo alla parete uterina della madre attraverso il cordone ombelicale. Ciò consente una serie di funzioni importanti, tra cui l’assorbimento dei nutrienti, lo scambio di gas, l’eliminazione dei rifiuti e la regolazione della temperatura. I villi coriali sono piccole proiezioni di tessuto che condividono il patrimonio genetico del feto. Nel campionamento dei villi coriali, i medici prelevano un piccolo campione dai villi coriali e verificano la presenza di eventuali anomalie. Sebbene la maggior parte delle persone associ il CVS al test per la sindrome di Down, il test può rilevare più di 200 disturbi diversi.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 1

Motivi della procedura

I motivi per cui un medico sceglie di eseguire il CVS sono molteplici. In genere, gli esperti medici eseguono il test tra l’11a e la 14a settimana di gravidanza. Questo perché i risultati del test possono influenzare il modo in cui i medici e la madre gestiranno la gravidanza. I medici eseguono il test soprattutto in seguito a ecografie anomale o a test del DNA libero da cellule. Le madri che hanno avuto gravidanze precedenti con condizioni cromosomiche possono richiedere il CVS per determinare se anche la gravidanza in corso presenta problemi. I medici tendono a sottoporre al test anche le donne di età superiore ai 35 anni, poiché le loro gravidanze presentano un rischio maggiore di condizioni cromosomiche.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 3

Motivi per evitare il prelievo dei villi coriali

Sebbene il prelievo dei villi coriali sia una procedura di analisi efficace, ci sono alcuni motivi per cui madri e medici lo evitano. Il test non è in grado di rilevare disabilità congenite come i difetti del tubo neurale. Alcune donne possono avere condizioni che limitano il tipo di CVS che i medici possono utilizzare. Per esempio, i medici possono scegliere di non utilizzare il CVS transcervicale se una donna ha un’infezione genitale come l’herpes. Inoltre, la placenta di una donna può non essere accessibile per diversi motivi.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 5

Sensibilizzazione Rh

In generale, il CVS è un metodo di analisi abbastanza sicuro. Tuttavia, comporta diversi rischi. Il rischio principale è la sensibilizzazione all’Rh. Il processo di campionamento può far sì che parte del sangue del feto entri nel flusso sanguigno della madre. Se il sangue del feto è Rh-positivo mentre quello della madre è Rh-negativo, il corpo della madre inizierà a creare anticorpi per proteggersi dal sangue Rh-positivo. Questo può potenzialmente danneggiare il feto. Se questo è un problema, i medici useranno l’immunoglobulina Rh per impedire al corpo della madre di creare gli anticorpi.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 7

Altri rischi

Sebbene rari, altri problemi possono derivare dal prelievo dei villi coriali. Alcune donne possono avere un aborto spontaneo dopo la procedura. Mentre alcune fonti affermano che il rischio è pari al 2%, studi recenti hanno rilevato che il rischio di un aborto spontaneo che deriva direttamente dalla CVS è pari allo 0,22%. Studi più vecchi suggeriscono che il CVS può portare a difetti delle dita delle mani e dei piedi del bambino. Tuttavia, la ricerca moderna suggerisce che ciò si verifica solo se la procedura viene eseguita prima della decima settimana di gravidanza. Sebbene non sia comune, è stato segnalato che alcune donne hanno sviluppato infezioni uterine in seguito alla CVS.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 9

Il test vero e proprio

Prima del test, il medico informa il paziente dei rischi e delle fasi della procedura. Spesso questo include la firma di un modulo di consenso. A seconda della posizione dell’utero e della placenta, i medici possono chiedere ad alcune donne di avere la vescica piena prima dell’esame. Questo può aiutare a spostare l’utero in una posizione più accessibile. L’esame inizia con la paziente sdraiata su un tavolo da visita con le mani dietro la testa. Un tecnico esegue un’ecografia. Poi, a seconda della posizione della placenta, il medico eseguirà il test, entrando dalla cervice o dalla parete addominale.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 11

CVS transcervicale

Se il medico sceglie di eseguire una procedura di prelievo dei villi coriali per via transcervicale, inizierà inserendo uno speculum nella vagina. Questo permette di osservare correttamente la cervice. Quindi, utilizzerà una soluzione antisettica per pulire la vagina e la cervice. L’ecografia fornirà al medico una guida per inserire un tubo sottile attraverso la cervice verso i villi coriali. Il medico aspira delicatamente le cellule dai villi coriali attraverso il tubo in una siringa. Il medico rimuoverà quindi il tubo e lo speculum per concludere la procedura.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 13

CVS transaddominale

L’utero di alcune donne si trova in una posizione che rende più pericolose le procedure CVS transcervicali. In questo caso, i medici eseguono il CVS transaddominale. Si tratta di un’operazione leggermente più complessa del CVS transcervicale. Per iniziare, l’operatore sanitario pulisce l’addome con un antisettico. Alcune donne possono ricevere un anestetico locale per sopportare il dolore. La procedura inizia quando il medico inserisce un piccolo ago nell’addome. L’ecografia permetterà al medico di guidare l’ago attraverso l’addome, nell’utero e nella placenta. Il medico aspira quindi delicatamente le cellule nella siringa. Dopo aver rimosso la siringa, può coprire l’area con un bendaggio adesivo.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 15

Come si sente il test

Molte donne che sentono parlare delle fasi della procedura si preoccupano di come si sente il CVS. L’ecografia non fa male. Alcune donne possono avvertire un lieve fastidio se il medico esercita una leggera pressione per individuare la posizione dell’utero. Alcune donne affermano che il metodo transcervicale è simile a un Pap test. Ciò può comportare disagio, una sensazione di pressione, possibili crampi e un leggero sanguinamento vaginale. Il metodo transaddominale può causare una sensazione di bruciore se i medici scelgono di non utilizzare un anestetico locale. Inoltre, molte donne avvertono crampi quando l’ago entra nell’utero.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 17

Dopo il test

I medici monitoreranno sia la madre che il feto nelle settimane successive alla procedura. Può essere necessario un certo periodo di tempo prima che i risultati del test arrivino dal laboratorio di genetica. Gli operatori sanitari raccomandano almeno 24 ore di riposo dopo il prelievo dei villi coriali e possono suggerire di astenersi dai rapporti sessuali per diverse settimane. Si assicureranno inoltre che non ci siano problemi dopo la procedura, come emorragie, perdite di liquidi o febbre. Se i risultati della procedura mostrano una condizione cromosomica o genetica nel feto, i medici collaboreranno con i genitori per determinare un percorso adeguato per la gravidanza.

Campionamento dei villi coriali: Scopo, rischi e aspettative 19