10 fatti sulla linfoadenopatia

Home / Articoli / 10 fatti sulla linfoadenopatia

10 fatti sulla linfoadenopatia

In tutto il corpo sono presenti più di 600 linfonodi. Fanno parte del sistema linfatico, una rete di vasi che trasporta un liquido chiaro chiamato linfa nelle cellule della pelle e in tutti gli organi. I linfonodi contengono milioni di cellule che combattono le infezioni, chiamate linfociti. Quando il corpo contrae un’infezione o una malattia, i linfociti agiscono come filtri, intrappolando l’infezione, il virus o i batteri, e di conseguenza si gonfiano. L’ingrossamento dei linfonodi è chiamato linfoadenopatia.

La linfoadenopatia è un sintomo

I linfonodi ingrossati non sono una malattia, ma un sintomo di una malattia o di un’infezione. Infezioni fungine, batteriche o virali possono causare l’ingrossamento dei linfonodi, annunciando la presenza di una patologia come un’infezione delle vie respiratorie superiori, una tonsillite o una congiuntivite. L’ingrossamento dei linfonodi indica la localizzazione dell’infezione; per esempio, se i linfonodi sono ingrossati nella zona della mascella, l’infezione riguarda probabilmente la bocca o i denti. Nella maggior parte dei casi, la linfoadenopatia non è grave.

10 fatti sulla linfoadenopatia 1

Sintomi della linfoadenopatia

Le persone con linfonodi ingrossati possono non accorgersene, perché non avvertono alcun sintomo. In altri casi, l’area intorno ai linfonodi può diventare rossa. Quando viene toccata, l’area dei linfonodi risulta calda, tenera o addirittura dolorosa. Altri sintomi dipendono dalla causa dell’infezione. Alcune infezioni provocano perdita dell’appetito, dolori corporei, affaticamento, febbre, congestione o tosse. Anche il mal di testa può indicare un’infezione.

10 fatti sulla linfoadenopatia 3

Linfoadenopatia nei bambini

La varicella e la mononucleosi sono infezioni virali che spesso causano l’ingrossamento dei linfonodi nei bambini. Altre infezioni, come lo streptococco o la malattia da graffio di gatto, entrambe infezioni batteriche, sono spesso diagnosticate nei bambini e possono essere accompagnate da ingrossamento dei linfonodi. I linfonodi colpiti nel collo indicano solitamente un’infezione respiratoria. Un’infezione virale della gola presenta linfonodi gonfi su entrambi i lati del collo. Se il gonfiore si verifica solo su un lato, è più probabile che si tratti di un’infezione batterica. L’ingrossamento dei linfonodi ascellari può indicare un’infezione della pelle.

10 fatti sulla linfoadenopatia 5

Gonfiore generalizzato dei linfonodi

Alcune patologie, come la mononucleosi, o disturbi immunitari come l’artrite reumatoide, causano l’ingrossamento dei linfonodi in tutto il corpo. Un gonfiore diffuso dei linfonodi significa di solito che l’infezione si sta diffondendo attraverso il flusso sanguigno. Potrebbe trattarsi di un’eruzione cutanea, come un eczema, o di qualcosa di più grave, come il lupus. In una piccola percentuale di casi, la linfoadenopatia generalizzata può essere un segno di tubercolosi o di cancro.

10 fatti sulla linfoadenopatia 7

HIV e linfoadenopatia

Come altre infezioni virali, i soggetti affetti da HIV possono manifestare ingrossamento dei linfonodi. La linfoadenopatia si manifesta generalmente circa 14 giorni dopo l’esposizione all’HIV, al termine della fase acuta della sindrome retrovirale. A differenza di altri sintomi iniziali, la linfoadenopatia può continuare per mesi o più. I linfonodi si ingrossano nel collo, nella parte superiore dell’inguine, sotto le ascelle e dietro le orecchie. Il dolore spesso accompagna questo gonfiore e può essere l’unico segno visivo dell’infezione. Tuttavia, una diminuzione del gonfiore non significa che l’infezione da HIV sia scomparsa. Le persone che sospettano un’infezione da HIV devono consultare subito un medico.

10 fatti sulla linfoadenopatia 9

Cancro e linfoadenopatia

Quando i linfonodi si ingrossano, è un messaggio del corpo che indica che qualcosa non va bene. Nella maggior parte dei casi si tratta di una comune infezione facile da trattare. Tuttavia, in una piccola percentuale di casi, i linfonodi ingrossati indicano un disturbo molto più grave. Una linfadenopatia generalizzata può indicare un linfoma o una leucemia. Il cancro può avere inizio nei linfonodi o diffondersi da altre parti del corpo. Il linfoma è un tipo di cancro che si sviluppa nei linfonodi, ma la maggior parte dei tumori inizia altrove e poi si diffonde.

10 fatti sulla linfoadenopatia 11

Diagnosi di cancro ai linfonodi

Quando il cancro invade i linfonodi, è probabile che il tumore primario si trovi nelle vicinanze. Il cancro di solito provoca un aumento delle dimensioni del linfonodo, rendendo più facile la diagnosi. Tuttavia, in alcuni casi, all’interno del linfonodo non ci sono abbastanza cellule tumorali da causare un ingrossamento. L’unico modo in cui il medico può determinare la presenza del cancro nel linfonodo è rimuoverlo chirurgicamente ed eseguire una biopsia. In alcuni casi, il medico può ricorrere a un’agobiopsia. Le cellule tumorali nel linfonodo di solito assomigliano alle cellule tumorali trovate nel tumore primario.

10 fatti sulla linfoadenopatia 13

Diagnosi delle cause di linfoadenopatia

I medici possono determinare la causa della linfoadenopatia attraverso esami che eliminano altre condizioni. In primo luogo, il medico individua il linfonodo ingrossato e ne determina le dimensioni. Gli esami delle urine e del sangue possono diagnosticare un’infezione. A volte il medico ordina una radiografia, una TAC, un’ecografia o una risonanza magnetica dei linfonodi.

10 fatti sulla linfoadenopatia 15

Trattamento della linfoadenopatia

Nella maggior parte dei casi, la linfoadenopatia scompare da sola. Gli antibiotici possono aiutare a combattere i problemi causati dai batteri, come le infezioni dell’orecchio, lo streptococco o le infezioni della pelle. Occasionalmente, se il gonfiore non si attenua, i linfonodi possono richiedere un drenaggio, per il quale il paziente deve recarsi da uno specialista. Dopo qualsiasi trattamento per i linfonodi ingrossati, la persona deve prestare molta attenzione o rivolgersi al medico per un controllo, per assicurarsi che il gonfiore non ritorni.

10 fatti sulla linfoadenopatia 17

Come controllare i linfonodi ingrossati

Iniziare con i linfonodi appena davanti all’orecchio, sul lato del viso. Muovete la punta delle dita con un leggero movimento circolare intorno all’area per verificare l’eventuale presenza di gonfiore. Passare all’area appena dietro l’orecchio e lungo la nuca, vicino all’attaccatura dei capelli. Quindi controllare lungo la mascella, risalendo verso il lato del collo, fino alla clavicola. Un linfonodo gonfio significa che il corpo sta facendo il suo lavoro, combattendo un’infezione. Tuttavia, un’emorragia o una difficoltà di respirazione dovuta al gonfiore richiedono l’intervento immediato di un medico.

10 fatti sulla linfoadenopatia 19