10 fatti sul cateterismo cardiaco

Home / Articoli / 10 fatti sul cateterismo cardiaco

10 fatti sul cateterismo cardiaco

Il cateterismo cardiaco è una procedura diagnostica che valuta il funzionamento del cuore di un paziente. I medici ordinano il cateterismo cardiaco quando sospettano la presenza di problemi cardiaci o per verificare l’evoluzione di un problema esistente. La procedura prevede l’inserimento di un tubo in uno dei grandi vasi sanguigni del cuore. Sebbene spesso sia esclusivamente diagnostica, a volte il chirurgo esegue anche un’angioplastica.

Il cateterismo cardiaco come strumento diagnostico

Ci sono diversi motivi per cui una persona può richiedere un cateterismo cardiaco. Quando viene utilizzato a scopo diagnostico, il chirurgo può iniettare del colorante nel cuore per esaminare le condizioni delle arterie con una radiografia, alla ricerca di eventuali restringimenti o ostruzioni. Questa procedura è nota come angiografia coronarica. Il cateterismo cardiaco può essere utilizzato anche per valutare la pressione sanguigna all’interno del cuore e per verificare l’efficacia del pompaggio dell’organo. Il chirurgo può esaminare l’interno del cuore per individuare eventuali difetti. I campioni di sangue possono mostrare l’ossigenazione del sangue e i campioni di tessuto indicano segni di malattia.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 1

La chirurgia

A volte il cateterismo cardiaco consente di intervenire sulle arterie del cuore. Ad esempio, se una delle arterie del cuore è troppo stretta, il cateterismo cardiaco può allargare l’arteria ristretta utilizzando un palloncino speciale. Successivamente, il chirurgo può posizionare uno stent per mantenere l’arteria aperta e il sangue fluire liberamente. Il cateterismo cardiaco può anche essere utilizzato per sostituire i vasi bloccati o malati con tessuto sano.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 3

Rischi potenziali

Fortunatamente è improbabile che il cateterismo cardiaco causi complicazioni gravi. Tuttavia, alcune persone possono sviluppare lividi nel punto in cui il medico ha inserito l’ago. In genere si rimarginano rapidamente. Se viene iniettato del colorante nel cuore per effettuare le radiografie, a volte si possono verificare delle reazioni avverse. Il colorante può far sentire male il paziente o sviluppare una reazione cutanea pruriginosa.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 5

Anestetico

Nella maggior parte dei casi, i pazienti sono svegli durante il cateterismo cardiaco. Tuttavia, è probabile che venga offerto loro un farmaco sedativo per aiutarli a mantenere la calma, soprattutto se si sentono nervosi. Il medico inietta un anestetico locale nel sito di inserimento del catetere, che di solito è il braccio, ma può anche essere l’inguine. Questo dovrebbe alleviare l’eventuale dolore dovuto all’inserimento.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 7

Inserimento del catetere

Per prima cosa, il chirurgo rade e pulisce accuratamente l’area e somministra l’anestetico locale. Quindi inserisce un ago in un vaso sanguigno e un tubo sottile chiamato catetere attraverso questo ago. Il medico guiderà il catetere attraverso i grandi vasi sanguigni fino al cuore. La maggior parte dei pazienti non trova questa procedura dolorosa, anche se può sentire una certa pressione. Spesso il paziente può assistere allo svolgimento della procedura su uno schermo.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 9

Dopo la procedura

Al termine dell’intervento, il paziente rimane in una sala di recupero dell’ospedale per alcune ore. Durante questo periodo, il personale medico esercita una pressione sul sito di inserimento per arginare eventuali emorragie. Il paziente deve rimanere disteso sulla schiena ed evitare di muovere l’arto in cui il medico ha inserito il catetere. Il personale ospedaliero verificherà che il paziente si stia riprendendo bene controllando regolarmente i suoi segni vitali. Verificherà inoltre che non vi siano dolori o gonfiori eccessivi nel punto di puntura.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 11

Andare a casa dopo il cateterismo cardiaco

Una volta che il paziente si sente abbastanza bene, può riprendersi a casa. In genere ciò avviene lo stesso giorno dell’esame, a meno che non vi siano complicazioni. Tuttavia, il paziente deve organizzare un trasporto e non deve guidare da solo, a causa dei farmaci sedativi. Il paziente dovrebbe sentirsi meglio abbastanza rapidamente, anche se è normale sentirsi stanco per qualche giorno. Eventuali dolori o ecchimosi dovrebbero scomparire entro una settimana.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 13

Cura successiva

Quando i pazienti lasciano l’ospedale, ricevono istruzioni su come prendersi cura di sé a casa. In genere, il paziente può tornare al lavoro il giorno successivo. Il medico probabilmente consiglierà di tenere la ferita asciutta per un paio di giorni durante la guarigione, quindi l’ideale è evitare i bagni. È inoltre consigliabile evitare qualsiasi attività fisica vigorosa per un paio di giorni. Il medico può prescrivere dei farmaci che il paziente dovrà assumere dopo l’intervento.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 15

Quando cercare aiuto

La maggior parte delle persone si riprende bene dopo il cateterismo cardiaco. Tuttavia, il paziente deve consultare tempestivamente un medico se le condizioni del sito della ferita peggiorano. Ciò include qualsiasi gonfiore, scolorimento, secrezione o arrossamento che peggiora invece di migliorare. Altre indicazioni di problemi sono l’aumento del dolore o il sanguinamento che non si arresta quando si applica la pressione. Se l’arto colpito inizia a formicolare, a sentirsi insensibile o diventa blu o grigio, è bene rivolgersi a un medico.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 17

Risultati e trattamento

Il medico comunica al paziente i risultati degli esami di cateterismo cardiaco. A seconda dei risultati, può raccomandare ulteriori trattamenti o indagini. Se viene individuata una patologia cardiaca, il medico può prescrivere dei farmaci. Se c’è un problema di flusso sanguigno intorno al cuore, come ad esempio un’arteria ostruita, il paziente può richiedere un’ulteriore procedura per allargare o sostituire le vie danneggiate. Occasionalmente, il cateterismo cardiaco può identificare la necessità di un intervento chirurgico al cuore, come un bypass.

10 fatti sul cateterismo cardiaco 19