Tossicità dell’alluminio

Home / Articoli / Tossicità dell’alluminio

Tossicità dell’alluminio

L’alluminio è il terzo minerale più abbondante della crosta terrestre. È presente nella maggior parte dei tessuti animali e vegetali e in quasi tutte le fonti d’acqua naturali. L’alluminio è un catione trivalente molto reattivo, il che significa che si lega facilmente ad altri elementi. In natura, il minerale è quasi sempre combinato con altri elementi come ossigeno, silicio e fluoro. L’avvelenamento da alluminio o tossicità da alluminio si verifica quando se ne accumulano livelli eccessivi nell’organismo.

Esposizione all’alluminio

L’esposizione all’alluminio è quasi inevitabile. Il minerale è presente nell’acqua di rubinetto perché molti impianti di depurazione dell’acqua utilizzano solfato di alluminio. Le particelle di polvere sospese nell’aria contengono alluminio. I livelli di alluminio nell’aria variano a seconda delle condizioni meteorologiche, della posizione e dell’attività urbana o industriale. La maggior parte delle persone inala pochissimo alluminio, ma piccole quantità sono state trovate nel tessuto polmonare e nei linfonodi vicini.

Tossicità dell'alluminio 1

Fonti ingerite per via orale

I produttori lavorano la farina, il lievito e i coloranti alimentari con l’alluminio. Il sale da cucina contiene quasi sempre alluminio come antiagglomerante. Gli adulti consumano generalmente tra i sette e i nove milligrammi di alluminio al giorno. Altre fonti sono le lattine, i contenitori per alimenti e gli utensili da cucina in alluminio. Alcuni farmaci e alcuni antiacidi contengono fino a 600 milligrammi di alluminio per dose. Possiamo assorbire il minerale attraverso la pelle grazie agli antitraspiranti, ma la maggior parte degli esperti medici considera questa forma di esposizione trascurabile.

Tossicità dell'alluminio 3

Fattori di rischio

Chiunque può sviluppare una tossicità da alluminio quando se ne accumula troppo nell’organismo, ma le persone con funzionalità renale compromessa, soprattutto quelle in emodialisi, sono più a rischio. Anche chi vive o lavora vicino a luoghi in cui l’alluminio viene estratto o lavorato è più suscettibile. Altri fattori di rischio sono gli ambienti polverosi, il fatto di lavorare o vivere vicino a siti di smaltimento di rifiuti pericolosi, l’assunzione di una nutrizione endovenosa a lungo termine e il consumo di cibi e bevande contenenti quantità eccessive di alluminio.

Tossicità dell'alluminio 5

Sintomi iniziali

I sintomi iniziali della tossicità da alluminio includono confusione, convulsioni, problemi di linguaggio e debolezza muscolare. Instabilità emotiva, sbalzi d’umore, insonnia e ansia sono comuni. L’anemia è dovuta al danneggiamento dei globuli rossi e allo scarso assorbimento del ferro. Possono insorgere anche alterazioni della funzionalità renale ed epatica, ulcere, bruciori di stomaco, tachicardia e sudorazione eccessiva. In alcuni casi, i bambini hanno difficoltà di apprendimento.

Tossicità dell'alluminio 7

Sintomi a lungo termine

Gli effetti della tossicità dell’alluminio sul sistema nervoso portano ad azioni volontarie di scarsa esecuzione che coinvolgono la motricità fine e ad un aumento dei movimenti involontari. Livelli eccessivi di alluminio interferiscono con l’assorbimento di calcio, fosforo e fluoro. Questo porta a ossa deboli e dolorose, inclini alla rottura e alla carie. Una quantità eccessiva di alluminio può rallentare la crescita dei bambini.

Tossicità dell'alluminio 9

Alluminio e insufficienza renale

L’organismo ha bisogno di pochissimo alluminio, quindi ne elimina la maggior parte attraverso l’escrezione. Le persone in fase avanzata di insufficienza renale o in emodialisi presentano livelli estremamente elevati di alluminio, accumulati nel tempo. La dialisi non è efficiente come i reni funzionanti e i farmaci essenziali per le persone in dialisi contengono quantità relativamente elevate di alluminio, che possono causare due condizioni. L’encefalopatia da dialisi provoca demenza e l’osteomalacia si riferisce a un aumento anomalo del contenuto osseo.

Tossicità dell'alluminio 11

Tossicità nei neonati prematuri

I neonati prematuri ricoverati nelle unità di terapia intensiva neonatale spesso necessitano di fluidi per via endovenosa e di nutrizione parenterale totale o TPN per settimane o mesi, a seconda dello stato di salute generale. Ciò significa che sono idratati e ricevono nutrimento attraverso infusioni endovenose. I ricercatori hanno studiato gli alti livelli di alluminio nei neonati prematuri perché la tossicità è un rischio noto della TPN. Anche l’insufficienza renale acuta è associata alla TPN. Sono in corso ricerche su un possibile legame tra la tossicità dell’alluminio e i danni a lungo termine al sistema nervoso e al sistema renale.

Tossicità dell'alluminio 13

Anatomia cerebrale

I livelli di alluminio nel cervello e nei polmoni aumentano con l’età, mentre i livelli negli altri tessuti non sembrano seguire alcun modello legato all’età. Il minerale può interferire con i neurotrasmettitori, in particolare con la dopamina e la noradrenalina. La tossicità dell’alluminio legata al morbo di Parkinson è interessante perché i soggetti affetti da questa patologia presentano spesso livelli elevati di alluminio nel tessuto cerebrale. I medici trovano un elevato accumulo di alluminio anche nei soggetti affetti da demenza. Tuttavia, è importante notare che non esistono raccomandazioni ufficiali o prove conclusive a sostegno di un rapporto di causa-effetto tra queste condizioni e il contenuto di alluminio, anche se la ricerca è in corso.

Tossicità dell'alluminio 15

Diagnosi

I medici diagnosticano la tossicità da alluminio attraverso l’esame fisico, l’anamnesi e la valutazione dei sintomi. Gli esami diagnostici comprendono l’analisi delle feci e delle urine. Anche le analisi dei capelli, del siero del sangue, del sudore e di una sostanza oleosa prodotta dalle ghiandole, il sebo, possono indicare i livelli di alluminio. Se questi esami invasivi, relativamente poco invasivi, mostrano livelli significativi di alluminio, il medico può eseguire una biopsia ossea. Livelli elevati di alluminio nel midollo osseo confermano una diagnosi di tossicità.

Tossicità dell'alluminio 17

Trattamento della tossicità da alluminio

I farmaci possono aiutare a rimuovere l’alluminio dall’organismo attraverso un processo chiamato chelazione. Gli agenti chelanti sono stati sviluppati e utilizzati per trattare la tossicità da ferro e altri metalli pesanti, ma ora possono rimuovere dall’organismo l’eccesso di piombo, mercurio, rame, ferro, arsenico, alluminio e calcio. Il trattamento è controverso; sebbene i medici utilizzino una varietà di agenti chelanti, alcuni di essi non sono supportati da una ricerca scientifica. Il processo di chelazione deve essere strettamente monitorato perché può avere gravi effetti collaterali o causare carenze di minerali importanti.

Tossicità dell'alluminio 19