Quanto si può sopravvivere senza cibo?

Home / Articoli / Anatomia / Quanto si può sopravvivere senza cibo?

Quanto tempo si può sopravvivere senza cibo?

Di tanto in tanto appaiono nei notiziari storie di persone che sopravvivono per tempi sorprendenti senza cibo. Molte di queste storie sono difficili da credere perché gli effetti del digiuno sono così evidenti già dopo poche ore. Esse spingono anche a chiedersi quanto a lungo una persona possa vivere senza accesso al cibo.

La cronologia della fame

In circostanze tradizionali, il nostro corpo scompone il cibo in glucosio, che fornisce energia all’organismo. Dopo da otto a 12 ore senza cibo il corpo brucia le sue riserve di glucosio e inizia a convertire il glicogeno del fegato e dei muscoli in glucosio. Dopo due o tre giorni di digiuno, il fegato sintetizza i corpi chetonici come combustibile, demolendo le riserve di grasso. Alla fine, tutte le cellule del corpo scindono le proteine in aminoacidi, che il fegato trasforma in glucosio. Se il digiuno continua, l’organismo conserva il tessuto magro e cerca di bilanciare il consumo di grassi. Quando non c’è più grasso, l’organismo torna a metabolizzare il muscolo perché è l’unica fonte di energia rimasta.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 1

Limite teorico

A causa dei vari problemi etici legati allo studio della fame, molte cose sull’argomento rimangono sconosciute. Inoltre, il limite cambia a seconda della percentuale di grasso corporeo e della salute generale di una persona. Ciò significa che i ricercatori e gli esperti non possono dire con precisione quanto a lungo una persona possa stare senza cibo. Alcuni studi medici stimano che l’inedia completa porti alla morte entro 12 settimane, mentre altri stabiliscono un massimo di un paio di mesi . Tuttavia, la fame causa anche molti altri problemi potenzialmente fatali, come l’insufficienza epatica o cardiaca.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 3

Tentativi di resistenza

Alcuni individui hanno tentato di testare quanto a lungo possono stare senza cibo. Nel 2003, l’illusionista David Blaine si è chiuso in una scatola di vetro acrilico e ha trascorso 44 giorni senza cibo. Riceveva acqua attraverso un tubicino. Dopo i 44 giorni, aveva perso circa 60 chili e stava sperimentando i classici sintomi della fame: perdita di massa corporea, problemi di respirazione e palpitazioni cardiache. Storicamente, diversi individui hanno praticato il digiuno professionale. Il più noto di questi individui è Henry Tanner, che sarebbe sopravvissuto al digiuno per 40 giorni sotto controllo medico.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 5

Colpi di fame

Forse le fonti più significative di informazioni sugli effetti e sui limiti della fame sono i vari scioperi della fame che si sono verificati nel corso della storia. I 21 giorni di digiuno del Mahatma Gandhi sono famosi, ma alcuni individui sono andati oltre. Gli scioperanti della prigione di Maze a Belfast sono morti dopo 45-61 giorni senza cibo. Terence MacSwiney è stato uno scrittore e politico irlandese che ha protestato contro la sua condanna in carcere con uno sciopero della fame. Dopo 68 giorni senza cibo, entrò in coma. Morì cinque giorni dopo, segnando 73 giorni.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 7

Dettagli dello sciopero della fame

Poiché gli scioperi della fame forniscono informazioni così preziose, i ricercatori li usano regolarmente come punti di riferimento Uno studio suggerisce che i medici professionisti monitorano gli scioperi della fame dopo una perdita di peso del 10% in individui magri e sani. I problemi significativi iniziano a partire dal 18% di perdita di peso. La maggior parte degli scioperanti della fame presenta ipotensione ortostatica entro il 20° giorno, con problemi gravi che insorgono subito dopo.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 9

Maschi contro femmine

Gli esperti hanno notato alcune differenze fondamentali nel modo in cui l’organismo maschile e quello femminile rispondono alla fame. Le femmine sembrano resistono alla fame molto meglio dei maschi, anche a valori di IMC inferiori. Alcuni ricercatori ritengono che ciò sia dovuto al fatto che le donne hanno una maggiore quantità di tessuto adiposo. Inoltre, è possibile che l’organismo femminile preferisca naturalmente utilizzare il grasso, piuttosto che il tessuto magro, come fonte di energia durante la fame.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 11

Stati vegetativi persistenti

Persone in stato vegetativo persistente spesso vivono per 10-14 giorni dopo la rimozione del sostentamento artificiale. Poiché sono in stato comatoso, consumano la minor quantità possibile di calorie. Gli individui sani e attivi bruciano calorie a un ritmo molto più elevato, riducendo significativamente il tempo di sopravvivenza senza cibo.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 13

L’effetto dell’assunzione di acqua

Una persona può aumentare drasticamente il tempo di sopravvivenza senza cibo idratandosi Uno studio popolare la letteratura scientifica sostiene che una persona può vivere solo fino a 21 giorni senza cibo o liquidi. Tuttavia, la durata sale a due mesi se si dispone di una fonte di liquidi Alcuni esperti ritiene che un individuo debba bere almeno sei bicchieri d’acqua al giorno per resistere alla fame.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 15

IMC minimo per la sopravvivenza

Più riserve di grasso ha una persona, più a lungo può stare senza mangiare. Ciò significa che le persone con un IMC più elevato hanno maggiori probabilità di sopravvivere per periodi più lunghi. Dopo aver studiato le persone morte per fame, carestia o anoressia nervosa, i ricercatori hanno potuto approssima il limite del corpo umano utilizzando l’IMC. Hanno scoperto che un IMC di circa 13 è fatale per i maschi, mentre per le femmine il limite inferiore è di 12. Poiché vari altri fattori influenzano l’IMC, questi numeri sono in gran parte riferiti piuttosto che limiti definitivi.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 17

Causa ultima di morte

L’inedia spesso non è la causa diretta della morte, anche se ne è la causa scatenante. La maggior parte delle persone che soffrono la fame muore per aritmia cardiaca o arresto cardiaco a causa della degradazione dei tessuti e degli squilibri elettrolitici. Per questo motivo, una persona potrebbe non sopravvivere all’inedia anche se ricomincia a ricevere cibo. Mangiare dopo l’inedia può scatenare problemi quali Encefalopatia di Wernicke e ipokaliemia. Questi possono portare a problemi cardiaci e alla morte.

Quanto si può sopravvivere senza cibo? 19