Che cos’è l’ablazione cardiaca?

Home / Articoli / Che cos’è l’ablazione cardiaca?

Che cos’è l’ablazione cardiaca?

L’ablazione cardiaca è un tipo di procedura eseguita da uno specialista chiamato cardiologo interventista, un medico che esegue interventi per problemi cardiaci. Questa procedura prevede l’inserimento di fili lunghi e flessibili, chiamati cateteri, attraverso un vaso sanguigno specifico e poi nel cuore. Il cardiologo si avvale di elettrodi per rilasciare impulsi elettrici sicuri in particolari parti del cuore come trattamento per i battiti cardiaci irregolari. A volte viene eseguita anche attraverso un intervento chirurgico a cuore aperto.

Tipi di procedure di ablazione cardiaca

L’ablazione cardiaca non è un tipo di procedura chirurgica ed è la scelta meno invasiva per il trattamento. Il medico inserisce un tubo flessibile in uno dei vasi sanguigni del collo o della gamba. Successivamente, il medico guiderà il tubo fino al cuore per raggiungere l’area che causa l’aritmia. Quindi invierà segnali elettrici che distruggeranno le cellule e riporteranno il battito cardiaco regolare. Esistono due tipi principali di ablazione cardiaca. Nella crioablazione, il catetere eroga un palloncino collegato a una sostanza che congela i tessuti e crea una cicatrice. Nell’ablazione a radiofrequenza, il catetere invia energia a radiofrequenza che crea cicatrici a forma di cerchio intorno alle vene.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 1

Scelta del giusto tipo di ablazione cardiaca

I tipi di ablazione cardiaca mirano a varie parti del cuore. In alcuni casi è possibile tornare a casa subito dopo il trattamento, ma a volte può essere necessario rimanere in ospedale per un periodo più lungo. A volte i medici somministrano farmaci per dare al cuore un ritmo regolare. Tuttavia, questi farmaci possono avere effetti collaterali e, a un certo punto, potrebbero smettere di funzionare. In questi casi, l’ablazione cardiaca è l’opzione successiva. Questa procedura offre una forma di trattamento migliore in quanto gli effetti durano più a lungo e può persino curare i battiti cardiaci irregolari. Poiché l’ablazione cardiaca è meno invasiva, il medico può eseguire uno dei due tipi di intervento o entrambi come parte del trattamento.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 3

Cosa succede durante l’ablazione cardiaca?

I medici eseguono le ablazioni cardiache in un laboratorio di elettrofisiologia. L’intera procedura dura in genere un paio d’ore. Inoltre, il medico può eseguire l’ablazione cardiaca in anestesia locale o generale con sedazione. Dopo aver somministrato l’anestesia, il medico pulisce l’area della pelle e la rende insensibile. Quindi, il medico inserisce il catetere attraverso il vaso sanguigno e lo guida fino al cuore. Di solito, il medico inietta anche un colorante di contrasto per consentire una maggiore visibilità, in modo da poter vedere le aree del cuore con muscoli anomali. Successivamente, lo specialista somministra una scarica di elettricità o di energia attraverso il catetere per distruggere i tessuti cardiaci anomali e correggere il battito cardiaco irregolare.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 5

Quando è necessaria l’ablazione cardiaca?

In alcuni casi il cuore batte in modo irregolare, troppo lentamente o troppo velocemente. Questi problemi del ritmo cardiaco sono comunemente noti come aritmie e il loro trattamento avviene attraverso l’ablazione cardiaca. Le aritmie sono piuttosto comuni, soprattutto nelle persone affette da patologie cardiache e negli anziani. Potrebbe essere necessario sottoporsi all’ablazione cardiaca se si soffre di aritmie e la condizione non risponde ai farmaci. Inoltre, se si verificano effetti collaterali negativi dovuti all’assunzione di farmaci per le aritmie o se si ha un rischio elevato di arresto cardiaco improvviso o complicazioni simili.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 7

L’ablazione cardiaca aiuta coloro che soffrono di aritmie

A volte le persone soffrono di alcuni tipi di aritmia che richiedono l’ablazione cardiaca come trattamento. L’aritmia è un disturbo in cui la frequenza cardiaca risulta irregolare. Può verificarsi con un battito cardiaco anomalo. Queste tipologie comprendono la tachicardia da rientro del nodo AV o AVNRT, la via accessoria, la fibrillazione atriale, il flutter atriale o la tachicardia ventricolare.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 9

Vantaggi dell’ablazione cardiaca

Se si soffre di aritmia e non ci si sottopone a un trattamento, si rischia di andare incontro a insufficienza cardiaca, ictus, coaguli di sangue e altro ancora. Tutte queste condizioni sono straordinariamente fatali, quindi è necessario prendere in considerazione un trattamento. Prima di consigliare l’ablazione cardiaca o altri tipi di trattamento, il medico prenderà in considerazione altri fattori di rischio. Tuttavia, questa procedura può essere molto utile per il paziente, soprattutto se i sintomi della sua condizione sono già gravi. Inoltre, se l’aritmia inizia a interferire con la vostra vita, l’ablazione cardiaca è essenziale.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 11

Preparazione all’ablazione cardiaca

Prima di sottoporsi all’ablazione cardiaca, il medico registra il ritmo e l’attività elettrica del cuore. Poi il medico chiede anche informazioni su eventuali condizioni mediche, come malattie renali, diabete o gravidanza. Se tutto è chiaro, il medico vi ordinerà di non bere o mangiare nulla dopo la mezzanotte della sera precedente l’ablazione cardiaca. È inoltre necessario sospendere l’assunzione di qualsiasi farmaco che possa aumentare il rischio di effetti collaterali negativi, come il sanguinamento eccessivo. Esistono altre fasi di preparazione ed è importante discutere di tutto con il medico in anticipo.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 13

Cosa succede dopo l’ablazione cardiaca?

Dopo l’intervento è possibile che ci si senta stanchi e che si avverta un certo disagio nei primi due giorni. Assicuratevi di seguire tutte le istruzioni del medico riguardo ai farmaci, all’attività fisica, alla cura delle ferite e anche a tutti gli appuntamenti di follow-up. È necessario sottoporsi a elettrocardiogrammi periodici per monitorare il ritmo cardiaco. In alcuni casi, dopo l’intervento si verificano ancora brevi episodi di battiti irregolari. Si tratta di un fenomeno del tutto normale, in quanto il tessuto guarisce e, con il tempo, i battiti cardiaci torneranno alla normalità. Mantenete tutti gli appuntamenti con il vostro medico, che vi informerà se avete bisogno di altre procedure per trattare la vostra condizione.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 15

I rischi dell’ablazione cardiaca

Come qualsiasi altra procedura medica, l’ablazione cardiaca comporta alcuni rischi. Tra questi vi sono il dolore, il sanguinamento e persino l’infezione nel sito di inserimento del catetere. Esistono anche altre complicazioni gravi, sebbene siano piuttosto rare. Queste includono attacchi cardiaci, coaguli di sangue, accumulo di liquidi nelle aree circostanti il cuore, pericardite e persino danni alle arterie o alle valvole del cuore.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 17

Le prospettive per coloro che hanno subito un’ablazione cardiaca

In generale, le prospettive per i pazienti sottoposti ad ablazione cardiaca sono buone. Ma ciò dipende dalla gravità della condizione e dal tipo di tessuto interessato. Per esempio, chi ha aritmie persistenti ha una percentuale di successo significativamente inferiore rispetto a chi soffre di problemi intermittenti. È previsto un periodo di attesa di tre mesi prima che il medico possa determinare il successo della procedura. Se state prendendo in considerazione questa procedura, fate delle ricerche, in modo da sapere esattamente a cosa andate incontro. Inoltre, parlate della procedura con il vostro medico finché non l’avrete compresa appieno.

Che cos'è l'ablazione cardiaca? 19