Capire la stenosi dell’arteria carotidea

Home / Articoli / Capire la stenosi dell’arteria carotidea

Informazioni sulla stenosi dell’arteria carotidea

La stenosi carotidea è una malattia delle arterie che portano il sangue al cervello. La stenosi porta al progressivo restringimento dell’arteria e alla conseguente limitazione del flusso sanguigno a questo organo vitale. I fattori di rischio per lo sviluppo della malattia sono ben noti e, con scelte di vita e cure mediche, la stenosi carotidea è prevenibile. La malattia è gestibile con interventi chirurgici, farmaci e cambiamenti dello stile di vita. Se non trattata, tuttavia, la stenosi carotidea può provocare ictus, complicazioni a lungo termine e morte.

Le arterie carotidi

Le arterie sono i vasi sanguigni responsabili del trasporto del sangue ricco di ossigeno e nutrienti dal cuore a tutto il corpo. Le arterie carotidi sono situate sui lati destro e sinistro del collo e trasportano il sangue al cervello, al viso e al collo. Ogni arteria si divide in carotide esterna e interna. L’arteria carotidea interna, in particolare, fornisce il sangue al lobo frontale del cervello, la regione strumentale alla cognizione, alle funzioni sensoriali e motorie e alla personalità.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 1

Che cos’è la stenosi?

Per stenosi si intende il restringimento di un canale o di un vaso dell’organismo. La stenosi carotidea, quindi, è il restringimento delle arterie carotidi. La stenosi limita il flusso sanguigno e, in questo caso, priva il tessuto cerebrale dell’ossigeno e dei nutrienti di cui ha bisogno per funzionare e sopravvivere. Questo restringimento potrebbe portare a un’ostruzione dell’arteria, interrompendo completamente l’apporto di sangue.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 3

Quali sono le cause della stenosi delle arterie carotidi?

La stenosi delle arterie carotidee è spesso causata dall’aterosclerosi: le arterie sono ristrette o bloccate dall’accumulo della cosiddetta placca. Colesterolo, grassi e cellule infiammatorie si combinano per formare questa sostanza appiccicosa, che aderisce alle pareti dei vasi e ostruisce le arterie, limitando il flusso sanguigno al cervello.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 5

Fattori di rischio

I fattori di rischio per lo sviluppo della stenosi carotidea sono chiaramente definiti. Una storia familiare di aterosclerosi aumenta il rischio di sviluppare la malattia. Il fumo di sigaretta, l’ipertensione, il diabete e l’obesità sono i fattori di rischio più comuni. Anche livelli elevati di lipoproteine a bassa densità (LDL, o colesterolo “cattivo”) espongono a un rischio elevato di stenosi delle arterie.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 7

I sintomi

La stenosi carotidea è spesso asintomatica e può passare inosservata finché la malattia non progredisce, soprattutto in assenza di precedenti familiari o di altri fattori di rischio. Un medico può sentire dei bruit, suoni anomali del flusso sanguigno, attraverso uno stetoscopio posizionato sulle arterie carotidi, e questo può indicare un’ostruzione del flusso sanguigno causata dalla stenosi. Un bruit, tuttavia, spesso non è un’indicazione affidabile della malattia. In alcuni casi, i medici non sanno come verificare la presenza di una stenosi carotidea fino a quando un individuo non subisce un attacco ischemico transitorio o un ictus.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 9

Stenosi carotidea e ictus

Il restringimento delle arterie carotidi a causa della stenosi può provocare un attacco ischemico transitorio (TIA) o un ictus. Un TIA o un mini-ictus sono causati da un blocco temporaneo del flusso sanguigno al cervello:

  • Visione offuscata
  • Debolezza o intorpidimento di un lato del corpo
  • Eloquio confuso
  • Confusione

Un TIA e un ictus condividono i sintomi, ma l’ictus è un evento potenzialmente letale che si verifica quando l’arteria è completamente bloccata. L’ictus richiede un intervento medico urgente per aprire l’ostruzione e prevenire danni permanenti ai tessuti, complicazioni a lungo termine o la morte. Un TIA indica un rischio elevato di ictus e la diagnosi e il trattamento della stenosi carotidea dopo l’evento sono fondamentali.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 11

Diagnosi della stenosi carotidea

La stenosi carotidea può essere diagnosticata in seguito a un TIA o a un ictus, alla scoperta di un bruit o all’identificazione di fattori di rischio. Lo strumento diagnostico di maggior successo è l’ecografia duplex carotidea (CDU). Nella CDU, il medico osserva le arterie attraverso onde sonore ad alta frequenza per identificare le aree ristrette o ostruite. L’angiografia carotidea, l’angiografia a risonanza magnetica e l’angiografia a tomografia computerizzata sono meno comuni nella diagnosi di stenosi delle arterie.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 13

Trattamento non invasivo

Le stenosi asintomatiche o minori delle arterie carotidi sono spesso gestibili con una terapia farmacologica. I farmaci più comunemente prescritti sono quelli utilizzati per impedire alle piastrine del sangue di raggrupparsi, per ridurre il rischio di ostruzione dell’arteria ristretta. L’individuo può anche richiedere farmaci per trattare i fattori di rischio sottostanti all’aterosclerosi e alla stenosi carotidea. Tra questi, le statine per abbassare il colesterolo o i farmaci per controllare la pressione sanguigna e i livelli di zucchero nel sangue.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 15

Procedure chirurgiche

Le persone con ostruzioni gravi o ad alto rischio di ictus possono richiedere un intervento chirurgico. Queste procedure comprendono l’endarterectomia e lo stenting. Nell’endarterectomia carotidea, il chirurgo rimuove la placca dall’arteria attraverso un’incisione nel collo e nel vaso. Nello stenting, un catetere viene guidato nell’arteria e attraversa l’accumulo di placca. Un tubo cilindrico a rete, chiamato stent, viene posizionato per allargare l’arteria e prevenire futuri restringimenti. Sebbene lo stenting sia meno invasivo, l’endarterectomia è il metodo di trattamento preferito.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 17

Modifiche dello stile di vita e prevenzione

I cambiamenti nello stile di vita sono fondamentali per gestire le stenosi minori, evitare ostruzioni gravi e interventi chirurgici e prevenire l’ictus. Una dieta a basso contenuto di grassi saturi, colesterolo e sodio è l’ideale, mentre l’esercizio fisico e la gestione del peso sono fondamentali. I medici consigliano inoltre ai soggetti a rischio di evitare alcol e sigarette. Uno stile di vita sano e attivo può aiutare a prevenire lo sviluppo della stenosi carotidea, in particolare in chi ha una storia familiare della malattia.

Capire la stenosi dell'arteria carotidea 19