10 rimedi per le intossicazioni alimentari

Home / Articoli / 10 rimedi per le intossicazioni alimentari

10 rimedi per le intossicazioni alimentari

L’intossicazione alimentare è un evento spiacevole che la maggior parte delle persone sperimenta prima o poi. L’infezione ha diverse cause, le più comuni sono virus e batteri presenti in frutti di mare contaminati, carne, uova o latticini poco cotti e frutta e verdura non lavata. Alcuni ceppi, come il norovirus, possono anche essere trasmessi da persona a persona. Il trattamento rapido dei sintomi di un’intossicazione alimentare aumenta la velocità di guarigione.

Lasciare che accada

Molti medici concordano sul fatto che lasciare che l’intossicazione alimentare faccia il suo corso può essere l’opzione migliore. Per quanto spiacevoli siano sintomi come il vomito e la diarrea, sono anche il modo in cui l’organismo si libera degli organismi indesiderati che causano l’infezione. Anche se è facile acquistare farmaci antidiarroici e antiemetici da banco, impedendo all’organismo di espellere l’infezione, possono prolungare la malattia.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 1

Antibiotici

A seconda della causa dell’intossicazione alimentare, il medico può prescrivere antibiotici o farmaci antivirali. Ciò è più frequente nei casi più gravi, quando l’organismo deve respingere un ceppo virale o batterico particolarmente potente o quando le difese immunitarie sono limitate per altri motivi. Un ceppo di intossicazione alimentare che può richiedere l’uso di antibiotici è la listeria. Questo pericoloso batterio può essere fatale, soprattutto in chi ha un sistema immunitario indebolito. Se i sintomi di un’intossicazione alimentare durano più di 36 ore o se l’individuo non riesce ad assumere cibo o acqua per 24 ore, è necessario l’intervento di un medico.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 3

Evitare il cibo

Non dovrebbe essere difficile evitare il cibo, perché spesso anche solo il pensiero fa venire la nausea a una persona affetta da intossicazione alimentare. Spesso è meglio mangiare solo una quantità sufficiente di cibi insipidi, come i cracker salati, per non sentire la fame. I cibi acidi e piccanti devono essere evitati, così come il consumo di cibo nelle poche ore successive all’inizio dei sintomi. Quest’ultima pratica può contribuire a ridurre il vomito e i disturbi generali dello stomaco.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 5

Rimanere idratati

I sintomi di un’intossicazione alimentare possono causare una grave disidratazione. Oltre a perdere liquidi, il corpo perde anche elettroliti e altri nutrienti. Bere liquidi può aiutare a prevenire la disidratazione. Alcune persone hanno difficoltà a bere liquidi; in questo caso, possono mangiare lentamente dei ghiaccioli. L’ideale è bere piccoli sorsi piuttosto che grandi sorsate che potrebbero far reagire violentemente lo stomaco. Evitate le bibite o l’acqua gassata, ma i succhi di frutta possono aiutare a reintegrare alcuni dei nutrienti persi.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 7

Riprendere a mangiare lentamente

Quando la nausea comincia a scomparire, è importante reintrodurre lentamente il cibo nel tratto gastrointestinale. Iniziate con cibi insipidi e facili da digerire, come pane tostato, riso, gelatina o cracker. Il consumo di Pedialyte può aiutare a recuperare gli elettroliti persi durante la malattia. È importante non cercare di mangiare di nuovo troppo velocemente. Se la nausea torna a farsi sentire, smettete di mangiare e lasciate riposare l’intestino un po’ più a lungo prima di riprovare.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 9

Riposare molto

L’intossicazione alimentare è estenuante. La nausea e i crampi rendono difficile dormire e il vomito è fisicamente faticoso. La maggior parte delle persone colpite da intossicazione alimentare deve prendersi qualche giorno di riposo finché non recupera le forze. Il riposo di solito aiuta la malattia a superare più rapidamente il suo decorso.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 11

Evitare cibi e bevande irritanti

Nei giorni successivi all’inizio di un’intossicazione alimentare, anche quando i sintomi più acuti sono passati, l’individuo dovrebbe cercare di non consumare nulla che possa peggiorare o sollecitare i sintomi. Ciò significa evitare cibi grassi o piccanti. Anche la caffeina, le bevande gassate, l’alcol e i latticini dovrebbero essere evitati per qualche giorno, così come le sigarette. Naturalmente, se è possibile identificare l’alimento che ha causato l’infezione, eliminatelo.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 13

Bevete bevande allo zenzero

Lo zenzero può essere uno dei rimedi più efficaci per alleviare il mal di stomaco. Dopo che i sintomi gastrointestinali dell’intossicazione alimentare sono passati, il consumo di zenzero in uno dei tanti modi possibili può aiutare a ridurre al minimo le recidive. Il più comune è il tè allo zenzero, che si trova nella maggior parte dei negozi di alimentari o si può preparare da zero con la radice di zenzero fresca. Anche se le bevande gassate dovrebbero essere evitate, il ginger ale sorseggiato lentamente può aiutare a calmare lo stomaco. Anche l’aggiunta di miele al tè allo zenzero può contribuire ad alleviare il dolore alla gola causato dal vomito.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 15

Mangiare yogurt

Sebbene i latticini possano esacerbare i sintomi di un’intossicazione alimentare, lo yogurt può rappresentare un’eccezione nei giorni successivi alla scomparsa della nausea. La diarrea e il vomito frequenti possono liberare lo stomaco e l’intestino non solo dai batteri cattivi che hanno causato la malattia, ma anche dai batteri buoni che mantengono il corpo in salute. I probiotici contenuti negli yogurt naturali possono ripopolare questi organismi e aiutare a guarire lo stomaco.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 17

Quando un’intossicazione alimentare necessita di cure mediche

La maggior parte dei casi di intossicazione alimentare si risolve da sola e tutto ciò che la persona colpita deve fare è assicurarsi che il suo organismo abbia l’aiuto necessario per debellare l’infezione. A volte, però, le tossine causano danni o pericoli maggiori di quelli che il nostro interno è in grado di gestire da solo. Oltre a una persistente disidratazione o all’incapacità di ingerire cibo, altri segnali che indicano che la malattia potrebbe essere progredita oltre i rimedi casalinghi sono crampi estremi, sangue nelle feci o nel vomito, febbre superiore a 101,5 gradi, visione offuscata e formicolio alle estremità.

10 rimedi per le intossicazioni alimentari 19