L’importanza della temperatura corporea e della termoregolazione

Home / Articoli / Anatomia / L’importanza della temperatura corporea e della termoregolazione

L’importanza della temperatura corporea e della termoregolazione

Aria, acqua, cibo, riparo, sonno – e la termoregolazione? Spesso si trascura la temperatura corporea quando si parla dei fattori necessari per sostenere la vita umana. La termoregolazione è ciò che permette alle cellule umane di sopravvivere e prosperare invece di surriscaldarsi e morire, ma la maggior parte delle persone non pensa alla propria temperatura corporea fino a quando qualcosa non va storto. Più che sentirsi sempre accaldati o essere noti per i piedi persistentemente freddi, le irregolarità nella regolazione della temperatura corporea possono essere pericolose e persino avere conseguenze letali.

L’importanza della temperatura corporea

Il mantenimento della temperatura corporea o termoregolazione è una parte vitale dell’omeostasi, ovvero del mantenimento dell’equilibrio all’interno dell’organismo. Nelle creature a sangue caldo come gli esseri umani, la termoregolazione mantiene la temperatura interna centrale entro un intervallo di sicurezza, indipendentemente dal freddo o dal caldo che fa all’esterno del corpo. La temperatura corporea di una persona deve rimanere all’interno di questo intervallo di sicurezza per la sopravvivenza delle cellule e degli organismi interni. Quando il corpo diventa troppo caldo o troppo freddo e questo non viene affrontato, una persona può andare incontro a un’insufficienza d’organo.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 1

Meccanica della termoregolazione

L’ipotalamo è la parte del cervello responsabile della termoregolazione e viene spesso definito il termostato del corpo. L’ipotalamo ha messaggeri in tutto il corpo che percepiscono i cambiamenti di temperatura e li segnalano. Quando il termostato percepisce che il corpo sta diventando troppo caldo, invia segnali alle aree responsabili della sudorazione, attivando il nostro sistema di raffreddamento incorporato. Allo stesso modo, quando il corpo diventa troppo freddo, l’ipotalamo innesca brividi, tremori e il pompaggio di sangue agli organi interni per proteggerli dal freddo.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 3

Misurare la temperatura corporea

In caso di malattia, la misurazione della temperatura corporea è fondamentale, in quanto può indicare problemi che potrebbero destare preoccupazione. I termometri sono l’opzione più utilizzata e vanno da quelli che si tengono nel mobiletto del bagno alle versioni più industriali utilizzate dai medici. La bocca è il punto più comune da cui prendere la temperatura, ma anche il retto, l’ascella, l’interno dell’orecchio o la fronte sopra l’arteria temporanea. I medici considerano la temperatura rettale la più accurata. Alcuni termometri misurano in pochi secondi e forniscono risultati in forma digitale, mentre altri possono richiedere alcuni minuti e richiedono la conoscenza di come leggere i risultati.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 5

Temperatura corporea media

La temperatura media del corpo umano è di 98,6°F o 37°C, e gli esperti considerano normali le fluttuazioni di più o meno 1°F. Nel 2020, una ricerca della Stanford University School of Medicine ha confrontato le temperature corporee medie degli americani dal 1860 al 1940, dal 1971 al 1975 e dal 2007 al 2017. Hanno scoperto che la temperatura corporea media è diminuita di 0,03°C in ogni decennio. Hanno inoltre riscontrato che i soggetti più anziani avevano temperature corporee più elevate rispetto ai soggetti più giovani, le cui temperature erano state rilevate nello stesso giorno. Questo probabilmente perché le generazioni più giovani hanno fatto più vaccinazioni e sono meno esposte alle infezioni.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 7

Fluttuazioni della temperatura corporea

Anche in una persona normale e sana, la temperatura corporea può fluttuare a causa dell’età, del sesso, dell’attività, del periodo del mese e persino dell’ora del giorno. I livelli più elevati di attività e i livelli più bassi di idratazione possono causare fluttuazioni e la temperatura corporea è solitamente più bassa al mattino e più alta nel pomeriggio. La temperatura può anche aumentare durante un evento stressante o emotivo. Inoltre, la temperatura corporea è strettamente legata alla produzione ormonale; alcune donne hanno una temperatura più alta durante le mestruazioni. Ciò significa anche che i problemi di regolazione ormonale, come quelli causati dai disturbi della tiroide, possono comportare variazioni significative della temperatura corporea complessiva.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 9

Bassa temperatura corporea

Normalmente, una temperatura leggermente inferiore alla media non è motivo di preoccupazione, a meno che non sia costantemente bassa o vicina ai 95°F. Una ridotta produzione di ormoni da parte della tiroide, dell’ipofisi o delle ghiandole surrenali può causare un abbassamento della temperatura corporea. Anche i disturbi del sistema nervoso che interferiscono con la comunicazione con l’ipotalamo, come un ictus, il morbo di Parkinson, la sclerosi multipla o i tumori cerebrali che coinvolgono l’ipotalamo, possono causare una bassa temperatura corporea. Anche infezioni gravi come la sepsi o la polmonite possono provocare una temperatura corporea inferiore alla norma, così come alcuni farmaci e la malnutrizione.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 11

Ipotermia

L’ipotermia si verifica quando l’ipotalamo ha perso la capacità di mantenere la temperatura corporea e di mantenere il corpo sufficientemente caldo. Una persona con una temperatura inferiore a 95°F o 35°C può essere diagnosticata con questa condizione. La permanenza all’aperto in un clima gelido, in una casa priva di riscaldamento o l’immersione in acqua fredda (come la caduta in un laghetto ghiacciato) possono causare ipotermia. Quando il corpo diventa più freddo, gli organi iniziano a rallentare, causando brividi, eloquio confuso, respirazione superficiale, polso debole, confusione, sonnolenza, perdita di memoria e goffaggine.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 13

Febbre

Sebbene di solito la febbre passi da sola, essa indica anche un problema nell’organismo, spesso un’infezione o una malattia virale o batterica. Anche i farmaci, in particolare gli antibiotici e i farmaci per la pressione sanguigna, e le condizioni mediche come l’esaurimento da calore, l’artrite, l’infarto, l’ipertiroidismo e l’artrite possono causare la febbre. In questi casi, l’ipotalamo non altera la temperatura corporea; piuttosto, il sistema immunitario aumenta la temperatura interna nel tentativo di eliminare i corpi estranei. Una temperatura di 100,4°F (38°C) (101°F se assunta per via rettale) indica febbre. Se il sintomo persiste per più di un giorno o peggiora, è meglio consultare un medico.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 15

Ipertermia

L’ipertermia si verifica quando il termostato dell’organismo perde la sua capacità di mantenere il freddo. Può verificarsi se una persona si surriscalda per aver esercitato troppa energia in un ambiente caldo, se è notevolmente disidratata o se rimane in un ambiente eccessivamente caldo per un tempo prolungato. L’ipertermia può anche essere un effetto collaterale dell’assunzione di sostanze illecite come anfetamine e MDMA. Una persona affetta da ipertermia può manifestare confusione, delirio o perdita di coscienza, nausea, vomito, respirazione rapida e perdere la capacità di sudare. Questa disregolazione della temperatura corporea, se non trattata, può portare all’insufficienza degli organi e alla morte.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 17

Prevenzione

Le persone possono prevenire i problemi di termoregolazione con vari metodi.

  • Praticare una buona igiene per prevenire la diffusione di batteri e virus che possono provocare febbre.
  • Per prevenire l’ipotermia, vestirsi in modo sufficientemente caldo per le temperature più fredde; coprire la testa e le mani e indossare indumenti impermeabili, se possibile.
  • Per prevenire l’ipertermia, garantire un’adeguata idratazione, sia in condizioni di attività fisica che di sedentarietà, in condizioni di caldo. Indossare abiti larghi, proteggere la pelle dal sole e astenersi dall’attività nelle ore più calde della giornata. Prendere ulteriori precauzioni se si assumono farmaci che causano disidratazione o surriscaldamento.

L'importanza della temperatura corporea e della termoregolazione 19