Fatti sugli ascessi tonsillari

Home / Articoli / Fatti sugli ascessi tonsillari

Informazioni sugli ascessi tonsillari

Gli ascessi tonsillari o peritonsillari si formano nel tessuto molle della parte posteriore della gola, intorno alle tonsille. Possono essere molto dolorosi e, nei casi più gravi, causare l’ostruzione della gola. Gli ascessi tonsillari si formano di solito quando un’infezione da tonsillite si diffonde nella gola. Tuttavia, possono verificarsi anche a causa di infezioni dei denti e delle gengive. Di solito la persona prova fastidio quando deglutisce e la gola appare arrossata e infiammata.

Che cos’è un ascesso tonsillare?

Gli ascessi tonsillari sono talvolta noti come “quinzi” e sono solitamente causati da un’infezione batterica delle tonsille. L’ascesso è un rigonfiamento pieno di pus nei tessuti molli intorno alle tonsille che può fuoriuscire ed è solitamente visibile all’esame. Se l’ascesso è molto grande, può spostare l’ugola dalla sua posizione abituale.

Fatti sugli ascessi tonsillari 1

Diagnosi

I medici spesso diagnosticano gli ascessi tonsillari dopo una visita. Di solito l’ascesso è facilmente visibile all’ispezione. Il medico può applicare una leggera pressione sull’area infiammata per determinare se sta producendo pus. Può inviare campioni di pus al laboratorio per determinarne la causa. A volte, la diagnostica per immagini, come radiografie e TAC, aiuta a escludere altre patologie che interessano la gola e le vie respiratorie e che possono presentare sintomi simili.

Fatti sugli ascessi tonsillari 3

Trattamento d’emergenza

In casi molto gravi, gli ascessi tonsillari sono pericolosi per la vita quando possono causare un gonfiore così grave da ostruire le vie aeree, impedendo la normale respirazione. In questa situazione, i medici intervengono rapidamente per facilitare la respirazione e aprire le vie aeree drenando il pus in eccesso dall’ascesso. In genere, l’operazione viene eseguita inserendo un ago nell’ascesso e aspirando il pus.

Fatti sugli ascessi tonsillari 5

Drenaggio non urgente

Se la situazione non è di emergenza ma l’ascesso deve essere drenato, il medico inietterà un anestetico locale intorno al sito per alleviare il dolore. Può anche somministrare un sedativo se il paziente è molto stressato. L’aspirazione del pus con un ago può drenare l’area interessata. In alternativa, il medico può praticare una piccola incisione nell’ascesso, utilizzando un bisturi. In questo modo il pus potrà drenare e ridurre il gonfiore.

Fatti sugli ascessi tonsillari 7

Farmaci

Gli ascessi tonsillari richiedono un trattamento con farmaci antibiotici perché si sviluppano a causa di un’infezione batterica. La linea di trattamento più comune è la penicillina. Tuttavia, i medici possono consigliare un antibiotico diverso se la persona ha un’allergia o se i risultati del laboratorio indicano che un altro farmaco sarebbe più efficace. Questi farmaci possono essere assunti per via orale, ma le dosi iniziali vengono spesso somministrate per via endovenosa per garantire che i farmaci possano agire il più rapidamente possibile. Alcune persone con ascesso tonsillare possono trovare doloroso o impossibile ingoiare le compresse.

Fatti sugli ascessi tonsillari 9

Tonsillectomia

In alcune situazioni, i medici possono consigliare una tonsillectomia, un intervento chirurgico che rimuove completamente le tonsille. Di solito questo intervento è necessario solo se qualcosa impedisce al medico di drenare l’ascesso. Anche le persone affette da tonsilliti frequenti spesso richiedono l’intervento. L’asportazione delle tonsille previene future infezioni e, quindi, futuri ascessi tonsillari.

Fatti sugli ascessi tonsillari 11

Cura successiva

Dopo il trattamento di un ascesso tonsillare, la maggior parte dei pazienti può tornare a casa, armata di antibiotici. Alcune persone dovranno rimanere in ospedale, tra cui quelle che si sentono gravemente malate o che hanno continue difficoltà a deglutire. Anche le persone affette da diabete possono essere trattenute in ospedale, poiché questa condizione preesistente può causare complicazioni. È più probabile che i bambini abbiano bisogno di cure ospedaliere per un ascesso tonsillare rispetto agli adulti, perché i medici di solito eseguono il drenaggio dell’ascesso nei bambini in anestesia generale.

Fatti sugli ascessi tonsillari 13

Follow-up

Le persone con un ascesso tonsillare necessitano di appuntamenti di controllo con il medico per monitorare la guarigione. Questo perché gli ascessi tonsillari possono ritornare. In tal caso, il medico potrebbe dover ripetere la procedura di drenaggio. È anche possibile che siano stati prescritti gli antibiotici sbagliati per trattare l’infezione. Se l’infiammazione ritorna, il medico può suggerire un altro antibiotico.

Fatti sugli ascessi tonsillari 15

Prevenzione

La prevenzione degli ascessi tonsillari consiste essenzialmente nel ridurre il rischio di contrarre la tonsillite. Il mantenimento di un’accurata igiene orale può aiutare a prevenire le infezioni dei denti e delle gengive, che possono aiutare a prevenire la tonsillite. Poiché il fumo aumenta il rischio, i medici raccomandano di ridurlo o di smettere di fumare. Se si ritiene di avere un’infezione alle tonsille o alla gola, è bene rivolgersi tempestivamente a un medico per evitare che si sviluppi un ascesso. Come già detto, la tonsillectomia può essere l’ultima spiaggia per prevenire problemi futuri.

Fatti sugli ascessi tonsillari 17

Prognosi

La maggior parte delle persone che si sottopongono a un trattamento rapido dell’ascesso tonsillare si riprende bene e non sviluppa più un ascesso. Tuttavia, alcune persone possono avere complicazioni. Ciò è più probabile nelle persone con diabete, sistema immunitario ridotto e in quelle che non hanno ricevuto un’assistenza medica tempestiva. È possibile che l’infezione che causa un ascesso tonsillare si diffonda ulteriormente nelle vie respiratorie. Le complicazioni possono includere emorragie, polmonite e meningite. È anche possibile contrarre la sepsi se l’infezione entra nel flusso sanguigno.

Fatti sugli ascessi tonsillari 19