Cause e trattamenti dell’anafilassi

Home / Articoli / Cause e trattamenti dell’anafilassi

Cause e trattamenti dell’anafilassi

La maggior parte delle persone affette da allergie presenta reazioni lievi o moderate, i cui sintomi peggiori sono rappresentati da eruzioni cutanee, congestione nasale o lacrimazione. Alcune reazioni allergiche, tuttavia, sono così gravi da portare all’anafilassi. Questa emergenza medica colpisce più sistemi corporei. L’esordio è relativamente rapido dopo l’esposizione all’allergene e può progredire rapidamente fino allo shock anafilattico e al collasso respiratorio.

Reazioni allergiche vs. anafilassi

Una reazione allergica è una risposta immunitaria a un fattore scatenante. Le reazioni allergiche si manifestano generalmente in un’unica sede si presentano come un’eruzione cutanea isolata nel punto in cui la persona è entrata in contatto con un allergene o come naso che cola e prurito agli occhi per aver respirato polline o forfora di gatto. L’anafilassi è più grave e coinvolge più aree del corpo contemporaneamente.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 1

Fisiologia

Sia le reazioni allergiche sia le reazioni di anafilassi sono IgE mediate . Il sistema immunitario produce immunoglobuline E o IgE in risposta a un allergene. Gli anticorpi viaggiano poi in tutto il corpo, rilasciando sostanze chimiche che provocano una risposta. Gli anticorpi IgE di ognuno di noi sono diversi, ed è per questo che alcune persone hanno lievi allergie al polline mentre altre hanno reazioni potenzialmente letali alle arachidi o ai crostacei.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 3

Mediatori chimici

Molte sono le mediatori chimici specifici causano l’anafilassi e ognuna ha un effetto diverso sull’organismo. Ad esempio, l’istamina provoca vasodilatazione e iperperfusione, con conseguente aumento della frequenza cardiaca. La prostaglandina D restringe le vie aeree e provoca la dilatazione dei vasi sanguigni periferici. Anche i leucotrieni causano alterazioni delle vie aeree e aumentano la permeabilità vascolare, che consente un maggiore passaggio di liquidi attraverso i tessuti.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 5

La prima ora

L’anafilassi inizia tipicamente come una reazione allergica lieve . I sintomi primari possono includere orticaria o eruzione cutanea pruriginosa, ma non sempre. A volte i sintomi compaiono solo dopo che sono già iniziati i sintomi respiratori. La prima ora dopo l’esposizione è la più pericolosa per chi si trova a vivere l’evento, ed è il momento in cui si verifica circa la metà dei decessi per anafilassi. Più la reazione progredisce rapidamente, più è grave. È necessario un trattamento precoce e aggressivo per ridurre il rischio di complicazioni.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 7

Sintomi

Poiché i sintomi dell’anafilassi si manifestano improvvisamente e progrediscono rapidamente sapere quali sono è fondamentale per ricevere subito un trattamento. I sintomi che possono rapidamente evolvere in qualcosa di più grave includono orticaria, gonfiore, difficoltà respiratorie, nausea, vomito, svenimento, abbassamento della pressione sanguigna e tachicardia. Le persone che hanno sperimentato una reazione grave sono a rischio di eventi futuri, e la seconda può essere peggiore della prima.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 9

Trattamento

Se qualcuno sperimenta l’anafilassi per la prima volta, si tratta di un’emergenza medica e l’interessato o chi lo accompagna deve chiamare subito il 911. L’epinefrina è il trattamento per una reazione allergica, in grado di arrestare la progressione verso l’anafilassi. I medici di solito la prescrivono epinefrina alle persone che hanno sperimentato l’anafilassi in precedenza. Queste persone portano con sé un piccolo iniettore per autosomministrarsi il farmaco in caso di nuova anafilassi. Queste iniezioni funzionano rapidamente e può essere necessaria una seconda iniezione, a seconda della gravità. Chiunque abbia una reazione allergica che richiede l’automedicazione deve comunque chiamare il 911 o rivolgersi al proprio medico.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 11

Diagnosi

L’anafilassi viene diagnosticata in base ai sintomi . Ottenere una diagnosi è necessario affinché la persona sappia cosa ha causato la reazione e possa evitarla in futuro. Un allergologo può verificare la presenza di allergeni specifici con un test cutaneo o con un esame del sangue. Nel primo caso, il medico applica piccole quantità del sospetto allergene sulla pelle per vedere se si verifica una reazione. Un esame del sangue conferma l’anafilassi misurando la triptasi, un enzima rilasciato durante la reazione, ma è utile per la diagnosi solo se eseguito nelle prime ore dopo l’evento.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 13

Fattori scatenanti comuni

Ognuno di noi ha anticorpi IgE diversi, ma alcuni gli allergeni comuni provocano l’anafilassi in molte persone . Le allergie alimentari sono il fattore scatenante più comune. Le allergie alle arachidi rappresentano il 45% di tutte le allergie alimentari che portano all’anafilassi, con le noci e i semi degli alberi al 19% e il latte al 10%. Anche le reazioni a farmaci, emoderivati, lattice e punture di insetti sono relativamente comuni.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 15

Gestione futura

Una volta che si è verificata un’anafilassi, è probabile che si ripeta, per questo è essenziale sapere cosa l’ha scatenata. Il modo migliore per evitare l’anafilassi è evitare la causa scatenante. Un test cutaneo può determinare gli allergeni specifici se la persona non è sicura della causa della reazione. Essere preparati con l’epinefrina è fondamentale per trattare le esposizioni accidentali e indossare un braccialetto che identifichi gli allergeni può essere utile in caso di emergenza.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 17

Prognosi

Quando l’anafilassi viene presa e trattata precocemente, il rischio di complicazioni è basso . La prima ora è la più importante e, se il trattamento viene iniziato in quel momento, la prognosi è molto buona. La maggior parte dei casi di anafilassi non richiede il ricovero in ospedale, anche se il paziente può essere tenuto in osservazione al pronto soccorso per alcune ore dopo l’arrivo per assicurarsi che non siano necessari ulteriori interventi.

Cause e trattamenti dell'anafilassi 19